L’anestesia

Dottore scopa la infermiera nel culo

Era il giorno dell’operazione, il giorni in cui mi avrebbero levato le tonsille. L’anestesia sarebbe stata totale, per fortuna, visto che odio le anestesie locali, in quanto ti addormentano una parte, ma le orecchie e gli occhi sarebbero ben svegli a sentire i suoni e i commenti dei medici durante l’operazione. Il medico mi posiziono’ una mascherina che mi copriva bocca e naso, dicendomi di contare fino a 10.

Arrivata al 7, crollai, ma non del tutto, era una sorta di dormiveglia, dove potevo sentire, ma dove il mio corpo non rispondeva ai miei comandi. Potevo sentire come l’assistente del medico comunicava che mi ero addormentata e i vari commenti sulle mie tette da parte di entrambi. Potevo sentire una mano che mi strizzava le tette, facendo scivolare un dito tra le tette, dicendo che ci voleva mettere il cazzo. Arrivo’ anche una seconda mano, che s’infilo’ tutta tra le gambe, toccandomi la figa, stuzzicandomi il clitoride, facendomi bagnare tutta. Era terribile, sentivo le loro mani che mi toccavano e s’infilavano ovunque e io non potevo neanche muovere una palpebra.

Improvvisamente, un qualcosa di duro e caldo, s’infilo dentro la mia bocca, era un cazzo, che entrava ed usciva dalla mia bocca, mentre un’altro cazzo stava per infilarsi tra le mie gambe. Non potevo muovermi, ma potevo sentire 2 cazzi che si stavano scopando il mio corpo addormentato dall’anestesia. Mi rigirarono come una frittella, in modo da poter spingere il cazzo fino alla gola, mentre il secondo cazzo, senza troppi complimenti, si stava preparando per scoparmi il culo. Avrei voluto strizzare le chiappe, oppure mordere quel cazzo che arrivava fino alla gola, facendomi sentire le sue palle morbide e pelose sulle labbra. Sentivo come le mie labbra, accarezzavano il cazzo, salendo sulla punta della cappella, ripetendo il tutto, avanti e indietro, con i gemiti del porco in sottofondo. Dietro invece, sentivo una mano che mi strizzava le chiappe, annunciancio che me le avrebbe scopate degnamente, finendo il comunicato con una sculacciata. Strofino’ la cappella calda sul buco del mio culo, spingendola dentro. Un dolore improvviso mi colpi’, in quanto non aveva utilizzato neanche una vasellina per lubrificarmi il buco del culo. Quel cazzo era piu’ grosso e sentivo come mi stava aprendo il canale del culo, entrando tutto dentro. Se avesse spinto ancora un po’, avrebbe sbattuto contro la cappella del cazzo che avevo in bocca.

iscrizione club

Quell’enorme cazzo entrava ed usciva dal mio culo con violenza, sbattendo con forza sulle mie chiappe. Entrambi i medici entravano ed uscivano dal mio corpo addormentato in modo alternato, usciva uno, entrava l’altro. Ero prigioniera di un corpo che non potevo controllare, ma che potevo sentire. Il cazzo che avevo in bocca era pronto per sborrare, lo potevo sentire dal respiro pesante che aveva il suo proprietario, mentre avevo il culo completamente dominato da un enorme cazzo, il cui proprietario continuava a sbatterlo dentro e fuori, come fossi una bambola gonfiabile. Ed ecco che il cazzo mi usci’ dalla bocca, cominciando a sborrarmi in faccia. Potevo sentire la calda e densa sborra che mi colpiva sulle labbra, calandomi sui denti, sul naso e sul sopracciglio. Il medico ululava come un coyote, mentre svuotava le sue palle sulla mia faccia, passando la cappella umida di sborra dentro la mia bocca, facendomi assaggiare la sua aspra sborra. Qualche minuto dopo, un violento getto mi riempi’ il culo. Il proprietario dell’enorme cazzo mi stava strizzando con forza le chiappe, mentre dentro il mio culo, il suo cazzo stava schizzando tutta la sua sborra, riempendomi il canale del culo di caldo liquido seminale. Mosse il cazzo dentro e fuori, lentamente, per assicurarsi che il cazzo si fosse ben svuotato prima di tirarlo fuori, facendomi sentire come se avessi fatto la piu’ grande cagata della mia vita.

Le tonsille? Una facile operazione, dove pero’ devi avere culo.

acquista pubblicità

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (36 voti, media: 3,61 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • FOLLE LIBIDINEFOLLE LIBIDINE Ho voglia di cazzo, sono in fiamme, ho un folle desiderio di cazzo, sento il sangue al […]
  • La ballerina di lap danceLa ballerina di lap dance Quella sera arrivò a lavoro leggermente in ritardo. Nessuno ci fece caso, perché il […]
  • La madre ubriacaLa madre ubriaca Non mi sono mai vergognato di quello che ho fatto. Non è facile da spiegare e forse non […]
  • La VampiraLa Vampira Credete nei mostri mitologici? Ai fantasmi? Ai vampiri e uomini che diventano lupi […]