Mio fratello

Salve, mi chiamo Chiara e ho 18 anni. Ho un fratello maggiore, si chiama Davide e ha 27 anni. Andiamo abbastanza d’accordo, anche se come tutti i fratelli, delle volte non ci sopportiamo proprio. Davide e’ comunque il classico fratello che cerca di proteggermi da tutto e da tutti, specie dai suoi amici che cercano sempre di approfittarsi di me, pensando che sono ingenua.

Ricordo che una volta, mentre stavo in camera mia a navigare su internet, guardendo dei video porno amatoriali mentre mio fratello Davide, era fuori a fare una partita di calcio con i suoi amici. Li potevo sentire gridare dalla camera e cosi’, mi affacciai alla finestra per dare una piccola occhiata. Non capivo come potesse essere interessante per gli uomini, rincorrere una palla di cuoio in calzoncini. Continuai la visione dei video e quando la partita di mio fratello fini’, lui rientro’ a casa, per andarsi a fare una doccia. Ero eccitata, per via di tutti quei video che avevo visto, su ragazze che venivano scopate ovunque oppure che facevano pompini ai loro ragazzi mentre questi guidavano la macchina. Mi piacevano questi video e mi piaceva toccarmi, mentre li guardavo, con la mano che scivolava tra le mie gambe e cominciava a strofinarsi sulla mia figa umida. Pero’ in quel momento l’eccitazione era tanta e io volevo vedere un cazzo di carne, cosi’, presa dalla voglia e guidata dalla mia figa golosa e umida, andai a spiare mio fratello nella doccia.

Mio fratello non chiudeva mai la porta a chiave e quindi era stato facile per me sgattaiolare dentro, nascosta tra il vapore che l’acqua calda aveva causato. Sembrava di stare dentro una sauna. Potevo sentire il rumore dell’acqua e potevo anche sentire mio fratello gemere. Mi avvicinai alla doccia fino a quando non riuscivo a vedere mio fratello, che si stava sparando una sega sotto l’acqua bollente. Aveva un bel cazzone che gli scivolava velocemente tra le mani insaponate. La mia figa si bagno’ di nuovo, dimenticandosi subito che quel cazzo era di mio fratello. Rimasi in piedi, con la mano che si sfregava tra le gambe, stuzzicandomi la figa. Poi improvvisamente, mio fratello si fermo’ e apri’ con uno scatto veloce, l’anta della doccia. I suoi occhi caddero su di me e sulla mia mano che si strofinava tra le gambe, mentre i miei occhi, caddero sul suo cazzo duro e caldo. Dopo qualche imbarazzante silenzio, mio fratello mi prese la mano e se la mese sul cazzo. Il suo cazzo era cosi’ duro e caldo e lo facevo scivolare nella mia mano come stava facendo lui prima nella doccia. La sua mano si poso’ sul mio seno, strizzandolo e stuzzicando il capezzolo duro, mentre la mia mano, era sempre infilata tra le mie gambe. Avevo gli occhi fissi sul suo cazzo, osservando come la carne si muoveva nella mia mano, sentendo come piano piano, si stava gonfiando, mentre mio fratello, gemeva sempre di piu’.

Avevo la figa zuppa, con il mio dito che spingeva tra le labbra, mentre ero fissa a guardare il cazzo di mio fratello, quando le sue mani mi presero la testa e la spinsero verso il cazzo. Senza neanche capire, avevo il suo cazzo che era scivolato tra le mie labbra, muovendosi avanti e indietro nella mia bocca, sentendo mio fratello gemere sempre di piu’, fino a quando un liquido caldo e denso, non comincio’ a schizzare, colando sulla mia lingua, mentre il suo cazzo, faceva degli scatti, pulsando. ” Succhia “, mi bisbiglio’ Davide e cominciai a succhiare il cazzo di mio fratello, mentre sentivo la mia bocca riempirsi della sua sborra, come facevano vedere nei filmati che guardavo. Ingoiai tutto il seme aspro, succhiando con golosita’ il suo cazzo, fino a quando non si ammoscio’ e scivolo’ fuori dalla mia bocca. Mio fratello rientro’ in doccia e la richiuse, continuando a lavarsi.

Io ero ritornata in camera mia, con la figa zuppa e la bocca umida, della sborra di mio fratello.

Blog: I Racconti Erotici, Racconto: Mio fratello

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (189 voti, media: 3,60 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Il gigante e la bambinaIl gigante e la bambina Mio padre mi aveva detto di essere gentile, educata e premurosa con il suo migliore […]
  • Occhio spioneOcchio spione Mi ero trasferita nella nuova casa da ormai un paio di anni. Vicino a me, abitava una […]
  • La nipote pigra e arrapanteLa nipote pigra e arrapante Mia nipote è sempre stata di una pigrizia unica. Me la ricordo ancora quando la riempivo […]
  • Mia cugina AriannaMia cugina Arianna Ero sul mio divano e pensavo alle mie vacanze spagnole e soprattutto all'ultimo giorno […]