Non fa cosi’ male come mi vuole far credere

Accidenti, siamo senza prole per una settimana, il ciclo e’ lontano e ci sono tante cose da provare senza aver paura di svegliare nessuno. La butto li a caso e le dico che questa settimana e’ buona per andare a comprare l’olio per per la penetrazione anale, e’ tanto che ci giro introno, mi fa provare, la eccita ma non mi fa affondare. Lei ride e scherza ma io sono come pulcinella che si confesso’ burlando.

durante il tragitto che faccio per svolgere alcune commissioni mi ricordo che passo davanti ad un sexy shop, mi fermo ed entro. il ragazzo mi accoglie simpaticamente ed io gli chiedo di illustrarmi le varie possibilita’. Alla fine vado per un vibratore piu’ lungo del mio cazzo, pressapoco della stessa circonferenza e l’olio anale. Torno a casa e quando vede la busta mi infama, ma e’ curiosa. Quindi finisce di fare il lavoro iniziato e poi viene a cercarmi.
Io la scopo per un po’ poi le chiedo di provare e lei non si fa certo pregare, inizia ad infilarselo ed a muoverlo in tutti i modi fino a che non trova la posizione che le gusta di piu’ e lo fa mentre mi spompina , io la fermo parecchie volte , prima di venire guardando questa scena eccitantissima immaginandola penetrata da un altro mentre io posso gustarmela tipo film.Il tutto va avanti molto poi lei gode ed io prendo il posto del vibratore , qualche colpo e mi svuoto in lei. Ha goduto, ho utilizzato l’olio per stimolarle il culo con un dito ma dice che le faceva male lo stesso.
Rimettiamo tutto a posto e lei esce per la serata aperitivo e ciane con un paio di sue amiche. Mi lascia solo e la mia mente vola subito alla curiosita’ se un cazzo che ti incula fa male o no. Aspetto un po quando esce, tante volte avesse dimenticato qualcosa, poi vado a frugare dove mi ha detto che ha nascosto il vibratore, prendo anche l’olio e vado in bagno. Non so da dove cominciare,mi metto in posizione turca, mi lubrifico un dito con l’olio ed inizio a penetrarmi il buchetto, aggiungo altro olio, ma non sento niente di particolare , ne dolore ne stimolo eccitante. Allora passo ad ungere il vibratore e lo faccio accedere piano piano, entra un po’ ma sento tirare, lo sfilo piano piano ed olio ancora, abbondantemente, penetra di piu’ e facilmente mi sento muovere tutto lo sfintere, estraggo il vibratore di nuovo ed aggiungo altro olio, mi sembra di avere esagerato, lo rimetto e piano piano entra tuttoil vibratore, mi trovo con la mano che tiene il vibratore con i suoi 2 tasti a contatto con il mio culo, e’ tutto dentro. Non sento niente di particolare, provo a muoverlo ma e’ molto scomodi, non so come facciano nei film, allora decido di mettermi a pecora , con le gambe piegate e la faccia appoggiata in terra, sento il mio sfintere che stringe il vibratore come una tenaglia, mi calmo e mi rilasso, inizio a muoverlo avanti ed indietro, si muove, l’olio funziona. La sensazione e’ strana, ma dire che mi piace non e’ l’affermazione giusta, il mio cazzo e’ sempre moscio. Continuo per qualche minuto, avanti ed indietro, come vorrei fare a mia moglie, prima piano e poi con movimenti piu’ lunghi, continuo e continuo finche’ non decido che puo’ bastare. Godere non ho goduto, ma posso affermare che non fa’ male come mia moglie mi vuol far credere. 🙂

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (21 voti, media: 2,86 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: