Ho scopato con mia zia

Ho scopato con mia zia: un’esperienza indimenticabile

Essere scopato da mia zia è stata una delle esperienze migliori della mia vita, alla quale sono susseguite delle sensazioni di piacere veramente uniche sotto ogni punto di vista.

Mia zia, la guardona di turno

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Sono un giovane di ventidue anni prestante e ben messo fisicamente che ha una zia bellissima di trentanove anni.
Si tratta di una donna veramente piacevole da vedere che, col suo sguardo, riesce ovviamente a far aumentare la voglia di avere un rapporto sessuale completo e piacevole.
Avevo maturato questa perversione durante i numerosi sogni erotici che facevo, i quali terminavano tutti con una grande soddisfazione che mi faceva trasalire ed esclamare tra me e me: “Ho scopato con mia zia“.
Posso dirvi che, ovviamente, io sono attratto da mia zia e poco mi interessa del suo compagno: per mia fortuna, lei vive a casa nostra e una sera ho deciso di regalarle uno spettacolo unico.
Dopo essere uscito dalla doccia sono rimasto nudo in camera mia e mi sono accorto che mia zia mi osservava.

Ero spiato e la cosa mi eccitava da impazzire: speravo che mia zia facesse un commento o comunque rimanesse ad osservarmi e mentre mi preparavo per uscire aspettavo che lei entrasse in camera o mi fermasse.
Ma questo non accade, deludendomi veramente tanto.
Mia zia mi lasciò uscire ma notai che aveva un volto quasi eccitato e mi osservava nella parte bassa del corpo, rendendomi quindi ulteriormente eccitato.

Il giorno in cui ho scopato con mia zia

Essere spiato dalla zia rappresenta per molti quel sogno erotico impossibile soprattutto se, questa donna, riesce ad essere piacevole da vedere.

Anche io spio mia zia nuda e credo che lei lo sappia: sostanzialmente non facciamo altro che osservarci di nascosto senza però darci motivo di sfogare le nostre voglie sessuali.

Un giorno, però, vidi mia zia mentre mi spiava: notavo che era completamente nuda e che la sua mano si sfiorava il sesso.
Capii che era eccitata e che si stava masturbando: ero così eccitato che decisi di mettermi completamente nudo e di aprire la porta.
Vidi coi miei occhi mia zia completamente nuda che si penetrava la fica: non resistetti più, le presi la mano e la feci sdraiare sul mio letto.

Iniziai a baciarle le gambe mentre lei ansimava e continuava a toccarsi: preso dall’eccitazione le tolsi la mano dalla fica ed iniziai a leccagliela, cosa che la fece eccitare maggiormente.

Era in preda ad una goduria unica, tanto che mi spingeva la testa verso il suo sesso mentre io le leccavo la patata.
Avevo un’erezione veramente incredibile, visto che non riuscivo a smettere di leccare mia zia e farla godere.

E nel frattempo, lei mi stimolava col piede, sfiorandomi il mio cazzo duro che sembrava pronto ad esplodere.
Mia zia, eccitata come non mai, si mise a pecora e si fece penetrare nel sedere: le piaceva essere sottomessa ed il mio uccello duro la faceva godere tantissimo.

Ero sudato ed eccitato e la sua voce, rotta sola dalle grida di urla, mi fecero venire dentro mia zia, che continuavo a toccare fino a farle provare l’orgasmo.

Rimanemmo nudi senza fiato e senza parole, stanchi ed eccitati come non mai.
Dopo esserci rivestiti, mia zia mi baciò appassionatamente come se fosse una ragazzina e mi disse una sola frase, ovvero ci vediamo la prossima volta, quando i tuoi sono fuori per lavoro, cosa che mi rese tanto affascinato quanto desideroso del prossimo rapporto con lei, che sicuramente si preannunciava eccitante come non mai.

Stavolta potevo davvero esclamare ad alta voce: “Ho scopato con mia zia” e per lo più sarebbe sicuramente successo nuovamente.

 

racconti erotici banner

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (30 voti, media: 3,20 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Il balcone di SaraIl balcone di Sara Mi chiamo Enrico, ho 35 anni e sono il capitano della squadra antincendio locale. […]
  • La madre ubriacaLa madre ubriaca Non mi sono mai vergognato di quello che ho fatto. Non è facile da spiegare e forse non […]
  • Mio fratelloMio fratello Salve, mi chiamo Chiara e ho 18 anni. Ho un fratello maggiore, si chiama Davide e ha 27 […]
  • Il gigante e la bambinaIl gigante e la bambina Mio padre mi aveva detto di essere gentile, educata e premurosa con il suo migliore […]