E venne il giorno. 1 parte

E venne il giorno. Parte 1
Chattavo con un amico on-line sul gioco a tre. Poi foto e video ed io lo immaginavo a fare sesso con lei . Lo contattai per vederci e per stabilire i passi da fare. Andato a casa sua entrai e lo vidi : l’aspetto di uomo maturo peloso ma chiaro che mi osservava. Si mostro gentile ma era nudo col cazzo semiduro al che iniziai ad Imbarazzarmi. Poi lui tirò corto e disse”spogliati e fatti vedere” esitai e dissi che non ero gay, ma lui continuo’ rassicurandomi che con i froci non andava, ma mia moglie la voleva tutta per lui ed io dovevo diventare SLAVE. Senza mezze misure mi inclina a 90 gradi e sento il suo sputo sul culo ed il tentativo di entrare mentre mormora ” che culetto roseo e stretto hai ! Mmmmm senza peli come una femminuccia”. Mi stava scassando l’orefizio ma riusci ad entrare di poco ed io dissi ” basta mi fai male non andare oltre ! “. Lui mi tranquillizza e dice ” ok ok per ora solo la punta, ma devo svuotare le palle mmmmm ” . Sento colare la sua calda sborra tra le gambe ed il buchetto dolorante bagnato del suo sperma.Il mio cazzo era tutto retratto. Poi con calma mi pulisce e mi dà un assorbente per fermare la colatura del suo sperma dall’ano e dolcemente mi dice “Vedi come le femminucce ! Poi ti slarghero’ un po alla volta e non avrai più erezioni. Contento ? Ti trasformero’ in un perfetto cuck slave ! ok ? ” Rimasi frastornato ..cercai di riprendermi , …. ( continua )

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica in CHAT?

ISCRIVITI GRATIS

iscrizione club

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (57 voti, media: 3,32 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Orgasmo alla finestraOrgasmo alla finestra Girava per casa in maglietta e pantaloncini corti. Riusciva ad essere bella come […]
  • Il sapore dell’incestoIl sapore dell’incesto Finalmente stava per succedere ancora. Era quasi un anno che aspettavo di fare […]
  • Arturo il nanoArturo il nano Oggi ho tradito mio marito. Lo so che è una cosa terribile da dire, ma non potevo […]
  • L’astaL’asta Lei giaceva nel suo letto. La notte era calda. Una estate afosa e tormentata da […]