Una macchia in più

 

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

0af908d5c182449c941f32ebcb6236a0

In quel periodo lavoravo come donna delle pulizie in una grande villa nella campagna fuori città. Mi ero appena laureata in giurisprudenza, ma con la crisi che attanagliava il paese non ero ancora riuscita a trovare un impiego soddisfacente nel mio campo. E non mi lamentavo. Con un guadagno netto di circa sedici euro l’ora prendevo quasi il doppio di una comune colf. Ma bastava guardare il posto in cui lavoravo per rendersi conto di quanto poco questo gravasse sulle spese dei padroni di casa. L’enorme villa si snodava su due piani, con dodici stanze, un giardino enorme e un garage pieno zeppo di auto di lusso. Capirete quindi come il lavoro da fare non mancasse.

Era un lunedì pomeriggio di agosto, faceva un caldo asfissiante e i signori erano fuori per la loro tradizionale vacanza in Sardegna. Avevo la villa tutta per me. Decisi quindi di prendermela comoda, fumai una sigaretta in soggiorno e poi mi misi svogliatamente a togliere la polvere sulle mensole. Per le quattro di pomeriggio avevo praticamente finito il lavoro, mancava solo la stanza da letto del figlio maggiore, Davide. Era una stanza piccola, per cui contavo di finire nel giro di mezz’ora o poco più.

Spalancai la porta. La scena che mi si presentò mi sconvolse a tal punto che rimasi ferma sulla porta della camera, a bocca spalancata. C’era un corpo maschile disteso sul letto, nudo, con addosso solo un piccolo asciugano a coprirne le parti intime. Era il corpo di Davide. Stava dormendo.

Richiusi velocemente, imbarazzatissima. A quanto pareva il ragazzo aveva deciso all’ultimo di evitarsi la boriosa vacanza in compagnia dei genitori e di restarsene a casa. S’era probabilmente dimenticato di chiudere la porta a chiave, o del fatto che io lavorassi ancora lì. O semplicemente se n’era fregato.

Stavo proprio per andarmene, quando un piccolo impulso mi salì dal basso. Il mio corpo si mosse automaticamente. Aprii la porta, lentamente, per sbirciarvi dentro. Davide non s’era accorto di nulla e ronfava ancora serenamente. Mi avvicinai a piccoli passi, cercando di fare il minor rumore possibile. Iniziavo a sudare e il cuore mi palpitava, ma la paura di essere scoperta e l’eccitazione che ne scaturiva erano più forti del semplice buonsenso. Ferma a pochi passi da quel bel corpo atletico, addormentato ed innocuo, mi misi a fissare il piccolo asciugamano posato delicatamente sulle sue parti basse. C’era un rigonfiamento proprio lì, bello grosso, invitante. Tremavo. Allungai una mano a sollevare lievemente il pezzo di stoffa che intralciava la mia avida vista e lo sfilai, lasciandolo cadere sotto il letto. Rimasi esterrefatta. Sotto l’asciugamano riposava il pene più grande che io avessi mai visto. Era enorme, perfetto. Soddisfatta la mia curiosità raccolsi il panno e feci per rimettere tutto a posto, quando il mio corpo si mosse nuovamente di propria volontà. Allungai la mano palpitante verso quell’arnese così ben fatto e lo strinsi. Neanche io credevo veramente a quello che stavo facendo, ma lo stavo facendo. Iniziai a lisciarlo, a passarmelo tra le due mani, a carezzarlo come si fa con un oggetto prezioso. Era già durissimo. Di tanto in tanto con un’occhiata fugace controllavo che Davide non si svegliasse.

Sentivo i capezzoli indurirmisi sotto al reggiseno, mentre le mie parti intime diventavano sempre più umide e bagnate. Mi morsi il labbro. Avrei dovuto fermarmi, lo sapevo, ma l’eccitazione era troppa. Mi abbassai su quel corpo così virile e iniziai a leccarne il glande. Dapprima lo sfiorai con piccoli colpetti fugaci, passando poi piano piano a leccate vere e proprie, più audaci, fino a farlo entrare completamente nella mia bocca. Aveva un odore di pulito, come di appena lavato.

Fu in quel momento che Davide si svegliò. Tirò sul col naso e aprì gli occhi stralunati, dapprima persi nel vuoto, subito dopo fissandoli su di me.

«Cosa cazzo…» furono le prime parole che uscirono dalla sua bocca.

Io mi alzai di scatto, rossa per la vergogna e mi allontanai subito dal letto e da quell’affare che fino a pochi istanti prima era adagiato tra le mie labbra.

«No Davide…scusami…è che…» farfugliai nel tentativo di giustificarmi, ma la verità era che non sapevo davvero cosa dire.

«Cosa stavi facendo? Chi t’ha dato il diritto di entrare in questa stanza con me dentro?» disse lui «Pensavo che i miei t’avessero già dato il benservito, dopo l’ultima cazzata dell’altra volta. E adesso questo! Aspetta che lo dica a papà…»

«No ti prego, ho bisogno di questo lavoro. Hai ragione, ho sbagliato…farò quello che vuoi, ma ti prego, ti supplico, non farmi licenziare!» iniziai a implorare. Lui divenne improvvisamente calmo e iniziò a squadrarmi dall’alto in basso, per tutto il mio piccolo corpo racchiuso nell’uniforme da lavoro.

«Va bene, va bene…ho reagito male perché non mi piace essere svegliato quando dormo» quasi sussurrò «Ma meriti comunque una punizione, devo essere sicuro che non lo rifarai…»

Balzò in avanti, nudo come un verme, e mi afferrò per un braccio. Stringeva così forte da farmi quasi male. Dopo di che mise l’altra mano sotto la mia camicetta, e quindi sotto il reggiseno, raggiungendo così tetta e capezzolo. Strizzò quest’ultimo fra le dita, e io non riuscì a trattenere un gridolino di piacere. Mollò la presa sul braccio e fece scivolare la mano giù, sempre più giù, fino a infilarla a fondo nelle mie mutandine. Tastò leggermente e subito capì che ero bagnata fradicia.

«Ma bene…vedo che ti piace…sei proprio una troia» e così dicendo mi sbatté sul letto. Si gettò sopra di me e come un posseduto mi abbassò i pantaloni e mi strappò di dosso le mutandine. La sua testa scese su di me, e iniziò a leccare voracemente la mia passera. Io non riuscivo a controllarmi, mugulavo ardentemente, quasi fossi anch’io un’altra persona. La sua lingua era un continuo sali e scendi e lavorava magnificamente tra le mie labbra. Dopo un po’ si ritrasse ed iniziò a baciarmi, lingua contro lingua, mentre la sua mano iniziava a penetrarmi sempre più rapidamente, dapprima con un dito e poi con due e con tre. Ero completamente andata, travolta dalla passione di quella mano fantastica che giocava là in basso. Quando ebbe finito mi prese per i capelli, violentemente, e mi alzò la testa fino al suo pene rosso vermiglio che pareva sul punto di esplodere.

«Vuoi che t…» iniziai a dire, ma non feci in tempo a finire che lui me lo spinse ferocemente dentro la bocca, così in profondità che mi sembrava di affogare. Fece tutto lui, tenendomi saldamente la testa tra le mani e muovendo il bacino avanti e indietro. La mia bocca deflorata cercava di accogliere come meglio poteva il suo enorme pacco tra lingua e palato, accompagnandone i movimenti, ma lui seguitava a spingere così brutalmente che non era semplice. Ma non durò molto. Dopo poco si staccò dalla mia bocca, probabilmente sul punto di venire, ma non voleva risparmiarsi una bella montata. Così mi prese per una gamba, mi dischiuse frettolosamente le gambe e iniziò a spingere il suo cazzo nella mia fica. Era davvero gigantesco, ma per fortuna ero zuppa e non impiegò molto ad entrare. Iniziò a scoparmi con la stessa violenza, come un animale, tenendomi con le due mani le gambe in posizione verticale mentre mi perforava ripetutamente. Io inarcavo il bacino e mi accarezzavo le tette, stringendomi i capezzoli diventati duri come l’acciaio. Ormai persa ogni inibizione e sapendo che la casa era vuota, urlavo come una pazza. Anche lui ansimava e sbuffava a più riprese e ormai era arrivato al limite, lo capivo dal colore del suo viso. E infatti pochi istanti dopo si staccò da me portando veloce il suo uccello di fronte alle mie tette, menandoselo con foga finché non venne. Il liquido bianco scivolò sul mio seno, appiccicoso e caldo al tempo stesso. Ero esausta, ma soddisfatta. Anche io avevo raggiunto l’orgasmo poco prima.

Quel giorno lo rifacemmo tre volte. Prolungai la mia permanenza in quella casa per tutto il mese e anche per quello successivo. Ogni giorno assieme al mio normale carico di lavoro mi attendeva un piccolo extra a fine serata, e anche se questo non mi veniva retribuito lo svolgevo diligentemente senza lamentarmi, da brava ragazza quale ero.

racconti erotici banner

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (13 voti, media: 3,54 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • AnnaAnna Gli anni di università sono stati conditi da un fantastico gruppetto di amici, nato tra […]
  • Il prezzo duro dell’affittoIl prezzo duro dell’affitto Come spesso accadeva di lunedì sera mi andavo trastullando beato nell'intimità della […]
  • Adele e l’uomo del marciapiede.Adele e l’uomo del marciapiede. Adele era seduta al bancone di un bar, sorseggiava svogliatamente un martini. Lunghi […]
  • Sesso e lavatriceSesso e lavatrice C’è chi usa la lavatrice per lavare i panni e chi invece ad esempio la usa per fare […]