sottomissione completa capitolo I

Daniela e luca non chiusero occhio tutta la notte, decisero che il giorno seguente sarebbe andati da Filippo a fargli cambiare idea.
L’indomani si presentarono all’ufficio di Filippo dopo una breve attesa la segretaria li fece passare
F- Buongiorno
L- buongiorno a te, siamo venuti qui per cercare di ragionare insieme non puoi chiederci tutti quei soldi
F-Infatti non ve li chiedo la soluzione è quella di affidarmi la tua bella mogliettina
D- tu sei pazzo!!
L- si filippo non scherziamo
F-io non scherzo e ve lo dimostro subito
filippo chiama la segretaria
F- mi chiami l’avvocato al telefono e me lo passi in viva voce
F- Pronto avvocato! Buongiorno si trova in banca?
Avv- si certamente come da lei chiestomi
F-molto bene hai le cambiali con se?
Avv- si certamente sono pronto a consegnarle
L-no ti prego così ci rovini cerchiamo un compromesso
D- si ti prego filippo cerchiamo di venirci in contro
F- o mi date i soldi oppure l’unico modo per venirsi in contro è che tu puttana ti spogli e ti inginocchi qui davanti a me
D- no no ti prego
F- avete i soldi?
Luca e Daniela con un filo di voce risposerò “no”
F-allora puttana muoviti esegui il mio ordine altrimenti dirò all’avvocato di consegnare le cambiali
Daniela guardò Luca che teneva lo sguardo basso sul pavimento
D-Luca?
L-daniela esegui non possiamo fare diversamente
Daniele avvampò in quel momento capì che non c’erano alternative,lei una moglie modello ed una madre modello ora si trovava ad essere trattata in quel modo da quell’uomo odioso ma che emanava un certo fascino.
Daniela comincio a levare il maglione nero i soliti jeans scialbi sbottono la camicetta bianca che indossava e titubante si fermò
F-Avvocato è ancora in linea ?
Avv- si signore
F-ho detto nuda voglio esaminare l’animale che sto per prendere in addestramento
disse Filippo a Daniela
si sentì l’avvocato sghignazzare dall’altro capo del telefono
Daniela levo lentamente la camicia sgancio il reggiseno e sfilo le mutandine rimase con i calzini completamente nuda.
Daniela portava bene i suoi 38 anni aveva della gambe sottili e sinuose, dei fianchi tondi e morbidi un filo di pancetta, una quarta leggermente cadente, dall’altra parte aveva avuto due figli e stava ancora allattando l’ultimo fisico tutto sommato asciutto.
F-brava ora vieni ad inginocchiare qui davanti a me
Danila ubbidì si posizionò davanti a filippo e gli si in ginocchio davanti
Filippo apri la patta dei pantaloni e tirò fuori un cazzo di buone dimensioni
F-ora fammi vedere come lo succhi
daniela avvampò nuovamente e si avvicinò dando una leccatina con disgusto
F-tutto qui non mi dire che una troia come te non sa prendere un cazzo in bocca?
Daniela arrossì nuovamente
F- no non ci posso credere! Non hai mai fatto un pompino? Ah ah ah
Daniela ormai violacea in viso annuì
F-bene sarà più divertente trasformarti in un troia esperta
In effetti la vita sessuale di Daniela e luca era molto scadente i due si limitavano a fare sesso canonico sempre nella stessa posizione e da quando era nata la seconda figlia cioè circa otto mesi praticamente non avevano più avuto rapportiF-ok troia ora apri la bocca prendimi il cazzo in bocca e comincia a succhiarlo
daniela scosse la testa
D-no ti prego
F-avvocato lei è sempre lì?
Avv- si si – l’avvocato sempre più divertito rispose
F-Allora?
Daniela si avvicino prese la cappella in bocca a fatica essendo bella grossa e cominciò lentamente a succhiare mentre le lacrime cominciarono a sgorgare dai suoi occhini azzurri
F-brava ora lecca tutta l’asta lentamente, bene così ora concentrati sulla cappella leccala bene si brava sembri bravina

Daniela si sentiva umiliata ma allo stesso tempo sentiva una cosa strana, la sua fichetta ben rasata si stava bagnando e le pulsava sentiva il clitoride crescere lentamente e pulsare, questo la disorientava ancora di più lei che avevo vissuto sempre il sesso come qualcosa di sporco ora era lì a fare un pompino ad un uomo che non era il suo luca e si stava eccitando molto
Luca intanto seduto nella sedia guardava la scena anche lui preso tra la rabbia ed una strana eccitazione nel vedere la sua daniela umiliata da un altro uomo

F-brava continua così, guarda il tuo maritino si è eccitato a vederti prendere il mio uccello guardagli la patta dei pantaloni
luca arrossì ma l’eccitazione era ben evidente sotto i pantaloni
F-e tu troietta non ti stai eccitando?
Filippo avvicino la scarpa di cuoio alla fica di Daniela strusciandola e si vide subito una bella chiazza di umori sulla scarpa
F-guarda guarda la troia quanto è eccitata mi ha lavato la scarpa praticamente dai continua ho voglia di godermi questo pompino
dopo cinque minuti circa daniela sentì il respiro di filippo farsi più affannato senti il suo cazzo irrigidirsi e di istinto lo tiro fuori dalla bocca appena in tempo un fiotto di sperma caldo finì tutto in faccia a daniela.
Improvviso arrivò uno schiaffone in pieno viso di daniela
F-chi ti ha detto di scansarti ? Per questa volta te la cavi così ma ti insegnerò io ad essere una vera troia
filippo si ricompose ordinò a daniela di rimanere lì in posizione le palpo il seno stringendolo in modo vigoroso Daniela emise un lamento e dal suo capezzolo usci una goccia di latte
F-bene vedo che sei una vacca da latte meglio, ma dovremo prenderci cura di queste tette per renderle migliori, Signorina?
La segretaria entrò -mi dica- intanto vedendo daniela in quello stato sorrise divertita
F-mi porti il solito pacchetto
la segretaria usci e rientrò dopo qualche minuto con un pacchetto in mano, lo porse a filippo che lo apri dentro cera un apparecchio simile ad un tiralatte ed un kit con una pompetta e vari anelli di gomma di varie misure con la scritta Nipple Allarger Kit
F-Allora ascoltami bene da questo momento tu sei un mio oggetto un mio giocattolo con cui mi divertirò e ti trasformerò mentalmente e fisicamente, mi ubbidirai ciecamente altrimenti sai le conseguenze, da oggi cambierai il tuo modo di vestire niente più jeans e scarpe sportive ma bensi sempre gonne scarpe con il tacco e autoreggenti sempre anche per andare a buttare la spazzatura sono stato chiaro?
D-si con un filo di voce
F-si Signore per te ricordalo bene
D-si Signore
F-brava vedo che stai capendo la situazione, il cornuto lì seduto non ha più nessun diritto di toccart i senza il mio permesso chiaro cornuto?
L-Si rispose luca con un filo di voce
F-bene ora qui c’è un pompa tipo tiralatte che dovresti conoscere come funziona ed un kit per allargare i capezzoli di quelli che si trovano su internet, ogni mattina provvederai a pompare le tette per dieci minuti poi metterai questi gommini con l’apposita pompetta dal più piccolo e lo porterai tutto il giorno ovviamente comincerai dal più piccolo.
Tu troia ora mi sistemerai la stanza degli ospiti a casa dove io potrò venire quando ne ho voglia tutto chiaro?
D-si Signore
F-bene ora rivestiti ma senza pulirti il viso e levatevi entrambi dalle palle
D-si Signore
Daniela si rivestì, Luca le prese la borsa ed uscirono, daniela sentiva lo sguardo della segretaria su suo viso impiastricciato di sperma e la senti ridacchiare, si sentiva profondamente umiliata….

Continua….

Note finali:
per consigli idee ed altro contattatemi all’indirizzo [email protected]

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (8 voti, media: 3,50 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: