Ricordi – l’amica di mia zia

Questa storia inizia molti anni fa quando ero ancora un ragazzino e come tutte le estati andavo tutto il mese di luglio dai miei nonni in campagna.
L’estate più bella fu quella dei miei quattordici anni quando per la prima volta potei andare a dormire nella camera di mio zio che nel frattempo si era sposato, lasciandomi in eredita tutto il lettone, l’armadio e tutta la sua collezione di fumetti.
Un giorno rovistando in giro tra i fumetti mi ritrovai in mano un giornalino di fumetti erotici, molto famosi all’epoca e con mia grande curiosità iniziai la lettura, fino a quando non sentii il pisello indurirsi nelle mutande ma proseguii nella lettura per soddisfare la mia sete di novità; quando ebbi finito questo andai a riporlo e cercai, tra gli altri fumetti, se per caso ce ne fosse qualche altro in giro ben nascosto. Rovistando a fondo trovai una copia di “PLAYBOY” molto in voga a quel tempo e cominciai a scoprire l’altra parte del sesso, vedendo delle donne stupende in pose sensuali che mi fecero subito indurire il mio ancora non sviluppato pisello.
Cominciai a toccarmelo e scoprii le gioie del piacere manuale e godei immediatamente; dopo poco ritornando sulla rivista ebbi nuovamente un’altra erezione e ripresi nuovamente a toccarmi come prima fino a quando non venni una seconda volta.
Dopo pranzo era usanza andare a fare un riposino prima di riprendere le attività di campagna ed io accusando un po’ di mal di pancia volli andare a dormire con mia zia Agnese, che all’epoca aveva ventidue anni e frequentava l’università.
Mia zia era una morettina alta circa un metro e sessanta scarso, magrolina con poco seno con un sederino da fanciulla, ma la cosa che spiccava in lei erano le labbra; aveva una bocca da baciare, con delle bellissime labbra carnose a forma di cuore di un rosso naturale che colpiva al primo colpo. Mi sorpresi quando vidi che eravamo alti uguali e scherzando le dicevo sempre che avrei voluto sposarla, facendola arrossire e sorridere.
Una volta a letto con mia zia iniziai immediatamente a ricordare le immagini viste sulla rivista ed essendo accostato a lei, sentendo il suo profumo, ebbi un’erezione immediata e di conseguenza cercai di scostarmi e mettermi sul fianco rigirandomi nel letto per nascondere il gonfiore delle mie mutande.
“Hai ancora mal di pancia?” mi disse sentendomi rigirare nel letto.
“Si” mentii immediatamente per non tradirmi.
“Girati a pancia in su che ti faccio un massaggino” rispose girandosi verso di me.
“No dai zia, è lo stesso, magari tra poco mi passa” ribattei dandole la schiena e cercando di spostare il mio pisello per non farmi beccare.
Sentii che si era girata verso di me e con una mano cercava di massaggiarmi la pancia e poi mi prese e mi girò a pancia in su per massaggiarmi l’addome.
“Ehilà ecco cosa è il mal di pancia” disse sorridendo.
“Scusami zia è che stavo pensando alla rivista che ho scoperto in camera dello zio e poi con te vicino, il tuo profumo…” rispondei tutto rosso in viso.
“Che giornaletto hai visto?” mi chiese.
“Playboy” le dissi e scusandomi nuovamente.
“Prendilo un po’ che voglio vederlo anch’io” mi ordinò.
Scesi dal letto, sempre con le mutande gonfie ed andai a prenderlo, lo portai alla zia che iniziò a sfogliarlo.
“Mamma mia che belle che sono” commentava ed intanto continuava a sfogliare le pagine.
“E tu mi dici che io ti faccio pensare a queste ragazze?” mi chiese sorpresa.
“Beh un pochino si, sei molto bella e potresti essere anche tu su questa rivista” le risposi imbarazzato.
“Grazie tesorino, mi lusinghi; ma ora pensiamo al tuo mal di pancia” mi disse sorridendo.
Mi acconpagnò in bagno e mi abbassò le mutande facendomi sedere sul bidet ed iniziò a lavarmi con l’acqua fredda dicendo “vedrai che con l’acqua fredda ti passa”.
Dopo un po’ che mi bagnava con l’acqua e non vedendo risultati iniziò a menarlo piano con la sua mano ed io ero in estasi, la sentivo accovacciata dietro di me che mi poggiava le tettine sul collo e mi menava il pisellino, venni in due minuti netti.
“Ora dovrebbe passare” mi disse sorridendo e dirigendosi verso la camera da letto.
Mi alzai ed asciugai, poi infilai nuovamente le mutande e mi diressi in camera con lei, stavolta girandomi per abbracciarla da dietro, poggiando il mio petto alla sua schiena e sussurrandole all’orecchio “grazie zietta, lo sai che da grande ti sposerò”.
Dopo un sorriso mi disse di dormire un pochino e mi diede un bacino sul naso.
Non riuscendo a dormire provai ad infilare una mano sotto alla maglietta di mia zia ed arrivai a toccare una tettina, la presi tutta in mano ma lei mi disse “per oggi basta, facciamo un pisolino che tra un po viene su nonna a chiamarci”.
Alla sera ritornai all’attacco con il mal di pancia, ma questa volta mia zia mi disse “fatti un massaggino come oggi e poi vai a nanna, buonanotte” e si chiuse in camera.
Il giorno dopo scendo a fare colazione e quando passai davanti alla camera di mia zia vidi la porta socchiusa e sbirciai mia zia con la sua amica Sonia che parlavano, rimasi in ascolto e sentii che parlavano di quello che era successo il giorno prima in bagno; Sonia era un’amica di mia zia, circa della stessa età, con un caschetto biondo, un fisico snello ed asciutto distribuito in un metro e sessanta, un bel seno procace, una terza abbondante ed un bellissimo sedere che sembrava disegnato.
Prima di uscire assieme passarono dalla cucina dove stavo facendo colazione e salutandomi Sonia si avvicinò a me dicendomi “ciao porcellino, la zietta mi ha raccontato tutto”.
Nei giorni successivi provai vari approcci con la zia, ma non riuscii a combinare niente, mi sfinivo di seghe da solo in bagno con il giornale di mio zio; non so il motivo ma quello fu l’ultimo anno che andai in campagna dai nonni.
Passarono sei anni in cui mi trasformai in un ragazzotto alto un metro e ottanta, giocavo a calcio a livello amatoriale ed andavo costantemente in piscina, ed anche il mio pisellino non era più quello di un ragazzino, ma faceva la sua bella figura con 20 centimetri ben messi; portavo i capelli un pochino lunghi e tutto sommato venivo considerato abbastanza carino dalle ragazze, avevo le mie storielle e le mie avventure.
Una sera ero seduto in un locale con i miei amici quando sento due mani che mi chiudono gli occhi e due tette morbide appoggiarsi alla mia schiena ed una voce sensualissima che mi dice “se mi riconosci ti faccio un pompino”; rimango di stucco e pensando chi potesse essere rispondo “sicuramente la più figa del locale”.
Tolgo le mani e mi giro per guardare chi fosse e mi blocco nella visione di una ragazza bellissima, abbronzata, bionda con un taglio sbarazzino che le stava d’incanto.
“Non mi dire che non mi riconosci!!!” mi dice sorridendomi e facendomi tremare le gambe; mi alzo e mi avvicino, la abbraccio e baciandola sulla guancia le sussurro “ho indovinato, sei la più bella del locale”.
Lei mi guarda nella mia altezza ed esclama “caspita quanto cresciuto dall’ultima volta che ti ho visto, sei diventato un figo pazzesco” e continua a sorridermi.
Come colto da una folgorazione esclamo “Sonia!!! Che meraviglia che sei diventata, anzi lo sei sempre stata, solo che ora ti vedo più femmina” e facendola girare continuo a guardarla come se volessi spogliarla del suo top nero che copriva il seno bello pieno e della minigonna che a malapena copriva quella meraviglia di culo che ha sempre avuto.
“Andiamo a prendere qualcosa da bere?” mi chiede e prendendomi per mano mi trascina verso il bancone del bar.
“Come posso rifiutare questo invito dalla ragazza più sexy del locale?” e mi incammino dietro a lei continuando a fissarle il culo, vedendolo muoversi ancheggiando e sobbalzando e creandomi un’erezione ben visibile.
Si appoggia al bancone, si gira e mi chiede cosa prendo e mi avvicino dietro di lei fino a che si sporge in dietro con il sedere e sente tutto il mio cazzo proprio appoggiato al suo culo; si gira e ridendo mi dice “me lo diceva tua zia che sei sensibile ma non credevo fino a questo punto; è merito mio?”.
“Si” rispondo imbarazzato “guardando il tuo culo spettacolare non sono riuscito a trattenermi” continuo tutto rosso in volto.
“Andiamo a salutare le mie amiche, e poi, se ti va, mi accompagneresti a casa?” mi sussurra all’orecchio baciandomi il lobo.
“Dammi il tempo di organizzare i miei amici” rispondo “e ti porto dove vuoi anche in capo al mondo”.
Salutiamo tutti ed usciamo dal locale, mi porge le chiavi della sua macchina e mi dice “guida tu!”.
Sposto in dietro il sedile e mi metto alla guida, seguo le sue indicazioni e procedo piano per godermi la vista delle sue gambe; lei allunga una mano sulla mia gamba e risale fino all’inguine e quando sente ancora il mio cazzo duro mi chiede “ma sei messo così da prima?”
“Si Sonia, prima il tuo culo, ora le tue gambe, non so che fare”.
“Ci penso io, te lo avevo promesso” e così dicendo slaccia la cintura, abbassa la cerniera e tira fuori il mio cazzo, si abbassa e mentre con una mano mi sta segando, inizia a leccarlo e se lo prende tutto in bocca iniziando un pompino sublime.
“Fai piano o mi fai venire subito” le dico mentre la mia mano va verso le sue gambe e spostando gli slip comincio ad accarezzare la sua figa, titillando il clitoride ed infilandole due dita dentro; la sento bagnata ed ansimando “dai caro, sono tutta eccitata, fammi godere”.
“Sonia sto per venire” sospiro e sento che lei aumenta in ritmo fino a quando le riempio la bocca con cinque o sei scariche di sperma caldo e denso; lei riesce ad ingoiare tutto, si alza e leccandomi le dita che prima rovistavano la sua fica mi dice “che buona che è, solo che ora sono eccitatissima e voglio godere anch’io”.
Arriviamo a casa sua ed appena entrati di avvinghiamo in un bacio sfrenato con le lingue che si cercano e si rincorrono nelle nostre bocche; sfilo il top e vedo il suo splendido segno che sobbalza al suo respiro, lo prendo con le due mani e me lo godo tutto palpandolo e strizzandolo, titillando i capezzoli diventati duri e sporgenti, mi abbasso per leccarne uno; lei si scosta, mi toglie la camicia e mi sfila i pantaloni assieme ai boxer per ritrovarsi di nuovo tra le mani il mio cazzo ritornato durissimo e voglioso.
Sfilo la mini assieme al perizoma microscopico e vi beo alla vista della sua fica depilata con una strisciolina di peli castano chiaro sul monte di venere; mi prende in mano il cazzo e mi trascina verso la camera da letto miagolando “vieni con me, stasera ti rovino”.
Appena entrato in camera mi spinge sul letto e mettendomi la fica in bocca mi dice “leccami tutta, fammi godere” e si pianta il mio uccello in bocca in un 69 meraviglioso.
Si alza, si gira e si impala sul mio cazzo di marmo, cavalcandolo in maniera forsennata mentre io riprendo a giocare con le sue tette, succhiandole e strizzandole, poi la bacio e mentre mi cavalca riesco a dirle “mi piacciono le tue tette, me le sogno da quando ero piccolo” ed allungando le mani afferro le sue chiappe aprendole e stimolando il suo buchino “ma quello che più mi fa impazzire è il tuo meraviglioso culo” aggiungo infilando dentro un dito.
Quando si gira e riprende a danzare sul cazzo offrendomi la vista del suo culo non mi trattengo più e le grido “vengoooo” e lei di rimando “vienimi dentro, riempimi la fica”; riesco a scaricare sei o sette spruzzi inondandole la fica e sentendola godere si sdraia sul mio petto con la schiena in modo che posso stringere le tette con tutte due le mani sussurrandole all’orecchio “sei stata meravigliosa, non pensavo di riuscire e godere così tanto”.
“Anche tu sei stato grande, mi hai fatto godere come non succedeva da diverso tempo” aggiunge con voce beata, smontando dal cazzo, baciandolo e dirigendosi in bagno.
Sentendo lo scroscio della doccia, mi avvicino e timidamente le dico “facciamo la doccia assieme?”.
“Mhmh ci speravo” mi risponde ed inizia ad insaponarmi le spalle, il petto, la pancia per poi arrivare al mio uccello moscio; io insapono le spalle e mi fermo sul seno dove non mi stanco mai di palparlo, scendo giù e le mie mani vanno automaticamente verso il suo sedere insaponandolo e palpandolo inizio a massaggiare il buchino che sento morbido ed elastico.
“Vediamo cosa si può fare per questo bel pisellone!” mi dice prendendolo in mano ed iniziando una sega a due mani con il sapone mentre io sono abbassato a massaggiarle il buchetto colgo l’occasione e la bacio focosamente, infilando tutta la mia lingua dentro di lei facendola bagnare all’istante e sentendo il mio cazzo che riprende vigore la abbraccio e la prendo in braccio ed anche lei mi abbraccia e mi cinge il bacino con le sue gambe in modo che io possa adagiarla sul mio cazzo ritornato di pietra; la infilo con un solo colpo da tanto è bagnata e la sento mugugnare di piacere, sorride e mi bacia dicendo “così sto molto più comoda”.
La appoggio alle piastrelle ed inizio a muovermi dentro di lei, la sento godere, mi sta inondando il cazzo e le gambe col suo piacere allora continuo ad affondare i colpi sempre più forte fino a quando mi dice “sto godendo come una fontana, non fermarti, mi fai morire, continua, riempimi tutta”.
Mi scosto ed esco da lei e le dico “girati ed appoggiati al mobiletto”, non perdo tempo e lo infilo nuovamente dentro alla fica calda e grondante, con una mano vado a strizzare una tetta e con l’altra scendo a massaggiare il clitoride che sento gonfio e duro; mi grida nuovamente il suo piacere e continua a dirmi “sfondami, riempimi, fammi godere”.
Vengo nuovamente dentro di lei, scarico tutto lo sperma nella vagina e mi accascio sopra di lei sfinito; finiamo di lavarci e ci buttiamo a letto quando mi viene da chiedere “posso dormire da te stanotte?”.
“Certamente, dove volevi andare? Domani è sabato ed il mio fidanzato ritorna domenica sera da Monaco, per cui puoi stare qui con me, anzi devi stare qui con me” mi risponde sorridendo sorniona.
Allibito da questa rivelazione la abbraccio e ci addormentiamo.
Al mattino mi sveglio con un’erezione pazzesca proprio appoggiata al sedere di Sonia, mi muovo per spostarmi e sento “non andare, rimani ancora due minuti, mi piace sentirti addosso” e girandosi mi fa un sorriso meraviglioso abbassando la sua mano verso il mio uccello durissimo.
“Se il buongiorno si vede dal mattino oggi sarà una giornata splendida” mi sussurra all’orecchio prima di abbassarsi ed infilarsi in bocca tutto il mio cazzo succhiandolo e leccandolo avidamente per poi impalarsi sopra di me, dimenandosi e saltando sul mio cazzo.
“Avevo proprio bisogno di un risveglio così” mi dice prendendo le mie mani e portandole sulle meravigliose tette.
“Anch’io ho sempre desiderato svegliarmi accanto ad una donna magnifica come te” rispondo muovendo il bacino e stringendo le sue mammelle; “fermati un momento” riesco a dirle uscendo dal suo corpo e facendola girare a pecora.
Mi abbasso per inebriarmi della sua fica bagnata leccandola ed infilando dentro la mia lingua senza dimenticarmi del suo buchino rosa.
“leccami, fammi godere con la lingua, dai, bravo, continua” mi supplica gemendo ed inondandomi la faccia, la sento venire quando ne approfitto per poggiarmi al suo culo e spingendo riesco a dilatarlo entrando con tutta la cappella.
“Fai piano lì, il mio fidanzato non lo adopera tanto” mi sussurra gemendo e sentendo il suo godimento ne approfitto per dare una spinta ed infilarlo tutto dentro il culo.
“Ahhh, me lo spacchi!!” urla verso di me, ma ormai sono dentro ed inizio i miei movimenti piano piano e sento il suo piacere scendere sulle cosce; porto la mia mano verso la sua fica e la sento bagnatissima e calda, infilo due dita dentro di lei fino a farla godere ancora.
“L’ho sognato fin da piccolo il tuo culo e non intendo fermarmi, fammi realizzare il sogno” le dico continuando a pompare e masturbandola con la mia mano.
“Vai, dai riempimi bene, voglio proprio godere nel culo” mi risponde gemendo.
Arrivo al massimo del piacere e le scarico dentro tutta la mia sborra con sei o sette getti impetuosi.
“Ti riempio Sonia, sto godendo immensamente” le dico continuando a pompare dentro il culo.
“Siiiii, grandioso, che bello, mi hai riempito” mi ribatte accasciandosi al letto dove io mi corico sopra di lei sempre con il mio cazzo piantato nel culo.
Dopo qualche minuto tiro fuori l’uccello dal suo bellissimo culo e mi sdraio di lato esausto e pienamente soddisfatto.
Lei si alza saltellando infilandosi in bagno dicendomi “mi faccio una doccia e poi esco a fare un po di spesa, riposati”; mi sto addormentando quando esce dal bagno bellissima in minigonna e camicetta, si avvicina e mi bacia sulla fronte sussurrando “riposati, torno tra un po e riprendiamo”, mi sorride, da un bacetto sulla cappella ed esce.
Sto ancora dormendo quando rientra e mi chiama solamente per comunicarmi che il pranzo e pronto, mi alzo, faccio un salto in bagno e vado in cucina dove me la ritrovo seduta a tavola completamente nuda e quando mi avvicino a lei le sussurro “non so se mangiare la pasta o mangiare te, sei splendida”.
“Mangiamo qualcosa e poi, se ti va, facciamo un salto in piscina” mi ribatte con un ampio sorriso.
Verso sera le comunico che dovrei passare da casa a prendermi qualcosa da vestire visto che non posso mettermi gli abiti del fidanzato e che il suo costume mi stringe proprio lì.
“tranquillo non ti serviranno, non ho nessuna intenzione di vederti vestito” mi dice appoggiando la mano sul mio cazzo.
Dopo una serata incredibile, una notte fantastica ed una mattinata a scopare come dei forsennati ora mi trovo esausto, mi sto preparando per andare a casa, la bacio con passione e lei “sei stato fenomenale, ho la fica ed il culo infiammati” mi bacia e le rispondo “mi hai distrutto, sei stata fantastica oltre ogni mia immaginazione, spero di poterti rivedere” e lei sorridendo “il mio fidanzato quasi tutti i mesi deve andare a Monaco” ed allungando una mano al mio cazzo mi bacia.

Autore:
mcrisone

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (50 voti, media: 3,88 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: