Puttana Virtuale

Ragazza si masturba in biblioteca

Sapeva benissimo che anche oggi, i suoi fan l’avrebbero  aspettata. Purtroppo pero’, spogliarsi davanti alla webcam non sembrava essere piu’ sufficente, in quanto aveva perso diversi fan nelle ultime 2 settimane e pagare l’affitto, diventava difficile.

Come le altre volte, ando’ in fondo alla libreria dell’universita’, era ovviamente rischioso, specie se qualcuno l’avesse colta nel fatto, ma il rischio, era un fattore che faceva arrapare i suoi fan virtuali. Arrivata nel suo angolino, apri’ il portatile, inserendo la username e la password per entrare nella schermata principale del sito, dove lei si esibiva. Aveva passato le ultime settimane a far incuriosire tutti i suoi fan con lo spettacolo di oggi e sicuramente, erano tutti impazienti di assistere all’evento. Sistemo’ il portatile avanti a lei, si alzo’ la gonna, scoprendo tutte le cosce, si sbottono’ un po’ la camicetta ed avvio’ la webcam. La camicetta era sbottonata abbastanza da far capire che non aveva il reggiseno, ma non troppo da far vedere i capezzoli.

Sentiva che la sua figa si stava bagnando, sapendo cio’ che sarebbe accaduto al tanto atteso spettacolo, vedendo anche che centinaia di persone, stavano entrando nei loro account, per assistere all’avvenimento. Sorrideva e si toccava leggermente, mentre nella chat accanto, poteva leggere tutti  commenti dei partecipanti, che facevano diverse donazioni, che non erano ancora sufficenti per far partire lo spettacolo. In tanti salutavano, in tanti dichiaravano il loro stato d’eccitazione, altri scrivevano che si stavano gia’ masturbando. Tutta questa attenzione, rendeva ancora piu’ bagnata la sua figa, e comincio’ a fare dei cerchi sul clitoride, da sopra la mutandina, mordicchiandosi il labbro, per la gioia degli spettatori.

acquista pubblicità

Quando meta’ della cifra per lo spettacolo era stata raggiunta, tiro’ fuori dallo zaino 2 grossi dildo colorati, mostrandoli in cam, succhiando la cappella di uno dei 2 cazzi di plastica, simulando un pompino, che fece aumentare velocemente le donazioni. L’essere osservata da tutti quei cazzi arrapati e puntati veso di lei, la rendeva molto eccitata, facendole succhiare e leccare con piu’ passione il grosso cazzo di plastica. Mentre lei simulava il pompino con passione, le donazioni avevano raggiunto e superato la cifra richiesta per lo spettacolo. Senza troppo spreco di tempo, si sposto’ subito la mutandina, infilando l’altro dildo nella sua figa bagnata, semi sdraiandosi all’indietro per migliorare la visuale dei suoi fan, mentre continuava a spompinare l’altro cazzo di plastica, color carne. Il primo orgasmo arrivo’ molto velocemente, piu’ velocemente di quanto anche lei si aspettava. Il rischio e tutti quegli occhi puntati l’avevamo mandata in estasi, sperando che all’interno della libreria, nessuno avesse sentito i suoi gemiti e le grida soffocate di piacere, durante l’esplosione di quel primo orgasmo.

Le donazioni continuavano ad aumentare, quasi a raddoppiare la cifra necessaria per lo spettacolo. Il dildo entrava ed usciva dalla sua figa tutta bagnata mentre il cazzo color carne era infilato tutto in bocca. Lo sguardo sofferente, le rotazioni dei fianchi e la tremarella, stavano annunciando l’arrivo del secondo orgasmo, che nonostante il cazzo infilato in bocca, si fece sentire all’interno della libreria. Le convulsioni del suo corpo fecero sbattere la sedia mentre si contorceva di piacere da un lato e dall’altro. Cambio’ anche 2 posizioni, una a pecora, raggiungendo il terzo orgasmo, e l’altro di fianco, con il cazzo color carne che scivolava tra le sue giovani tette, mentre con l’altro si sfondava il culo.

Alla fine dello spettacolo, aveva raggiunto una cifra che gli bastava per pagare i prossimi 3 mesi di affitto. E’ stato sicuramente bello, fare la puttana in cam.

 

acquista pubblicità

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 voti, media: 3,40 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Lezioni di guidaLezioni di guida Ero arrivato alla fatidica soglia dei 18 anni, quella in cui, tutti i ragazzi […]
  • Il negozioIl negozio Era una giornata di pioggia e in negozio non c'era molto lavoro. Stavo nel retro a […]
  • Doppia muntaDoppia munta La vita di campagna e' molto gratificante e molto salutare, ma richiede sempre tanta […]
  • Alessia e Robert pt. 2Alessia e Robert pt. 2 Casablanca era arrivato ai titoli di coda e il Viagra aveva iniziato a fare […]