Priscilla

Quarantenne troia succhia il mio cazzo

Era una scena un po’ grottesca, io steso sul letto, lei impalata sopra di me mi stava scopando come una disperata, il sudore le aveva fatto colare il pesante trucco che aveva sul viso, e succhiandomi il cazzo il rossetto si era sparso sul suo viso facendole assumere un aspetto da clown.

Era li sopra di me, la gonna sollevata che le scopriva le gambe un po’ grassocce, mentre ogni volta che andava su e giù sul mio cazzo i seni le ballonzolavano.

Sentii che stava per venire, mi graffiò il petto mentre mugolando da vera troia raggiunse l’orgasmo, si accasciò sopra di me esausta con la fica grondante. Il suo sguardo era perso nel vuoto, le ho detto
<girati troia che ti voglio inculare>
ubbidiente si è sfilata il mio cazzo e si è messa a quattro zampe.

iscrizione club

Subito glielo ho appoggiato sul suo culo … era morbido, goloso, ho spinto con dolcezza e piano piano sono entrato tutto, lei mugolava di spingere più forte di sfondarla, io non mi sono fatto pregare ed ho spinto con sempre maggior vigore.

L’avevo conosciuta solo due ore prima in un caffè del centro, una donna di mezza età, dal trucco un po’ pesante, quasi volgare, lo sguardo quello si era da vera troia, dopo meno di un ora mi stava succhiando il cazzo.
Chissà potrei farle conoscere la zia F.

Timoteo

Blog: I Racconti Erotici, Racconto: Priscilla

acquista pubblicità

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (17 voti, media: 3,59 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • La mamma dell’amico (parte 4)La mamma dell’amico (parte 4) Finito di scoparsi Luca, lasciò che cadesse sul tappeto, e scavalcandolo mi venne […]
  • Quel vizio senza voltoQuel vizio senza volto Non copro il mio volto e parte del mio corpo perché ho difetti da nascondere o sono […]
  • Le unghie di CeciliaLe unghie di Cecilia   -Dio come sei bella. -Dimmelo ancora. Dimmelo cento volte e altre cento.- […]
  • La sottopostaLa sottoposta Era il suo capo e le sue attenzioni stavano diventando sempre più insistenti. Si […]