L’istruttore di tennis

Sesso col maestro di tennis: racconti erotici

Era una delle più promettenti allieve del corso. Aveva totalizzato il miglior punteggio della stagione passata e le previsioni per quella nuova erano molto positive.

Racchettata dopo racchettata, Vera iniziò a sentire la fatica crescere sempre di più. Carlo l’aveva notato e abbassando la sua racchetta, disse -Senti… perché non andiamo negli spogliatoi a fare un po’ schemi?

-Ok… in effetti oggi sono davvero distrutta.

acquista pubblicità

Vera era uno splendore per gli occhi, specialmente quando camminava tutta sudata per un allenamento intensivo come quello appena terminato.

-Vedrai che startene un po’ seduta, bevendo una lattina energetica, ti rimetterà in sesto.

-Ah, perché adesso si dice “stare seduta”?- sorrise, maliziosamente.

-Dai… ci possono sentire…

Avevano una relazione sessuale da due settimane ed essendo all’interno di un circolo sportivo privato, dovevano mantenere quella relazione sul piano della segretezza.

guarda cam

Anche l’età non giocava a loro favore: diciotto anni, contro quarantaquattro. Diciamo che non era proprio il sogno di ogni genitore.

Appena entrarono negli spogliatoi, Vera si buttò al collo di Carlo, baciandolo sulle labbra.

-Mi sei mancato così tanto… giuro che mi sentivo quasi impazzire. Non riuscivo nemmeno a tenere d’occhio la pallina.

-Beh, questo è un male… a breve inizierà la nuova stagione.

-Sì, ma io avevo in testa altre palle…

-Che piccola pervertita che sei! Comunque anche io non riuscivo a smettere di pensarti nuda.- disse Carlo, infilandole una mano sotto la gonnellina da tennista.

Era sudata ed iniziava a bagnarsi. Il tutto era molto eccitante.

-Mi piace quando mi tocchi. nessuno mi tocca come mi tocchi tu.

-Beh, questo mi fa molto piacere. Perché, ci sono molte altre persone che ti toccano?

-Al momento no.

Carlo aveva avuto un’idea mentre osservava la sua migliore allieva durante l’allenamento, un’idea molto piccante e decise di dirla senza fare tanti complimenti.

-Che ne dici di fare qualcosa di strano?

-Cosa intendi per strano?

-Intendo il farti scopare col manico della mia racchetta. È da tutto il giorno che non riesco a pensare ad altro. Ti guardavo giocare e pensavo: quanto vorrei infilarle il manico della mia racchetta su per la figa e farla godere davanti ai miei occhi.

Vera stava accarezzando il cazzo di Carlo sopra i pantaloncini bianchi che indossava.

-Mi piace molto come idea… farmi scopare dalla racchetta con cui giochi le tue partite. Facciamolo!

Aveva accettato, non ci poteva credere. Quella ragazza era una vera e propria bomba del sesso. Accettava ogni sua perversione con estrema gentilezza.

Vera si tolse la mutande e si distese sulla panchina di plastica e allargando le gambe fece cenno a Carlo, quasi come a dire -Iniziamo o  no?-.

Carlo prese la sua racchetta e dopo averla impugnata al contrario iniziò a giocare con le labbra della figa di Vera.

Attese che la fica si bagnasse un po’ di più, per procedere senza fare male a quella ragazza tanto tenera e carina da accettare una perversione così particolare.

La penetrò delicatamente, senza spingere troppo, per poi iniziare a scoparla, fingendo che il manico di quella racchetta fosse un vero e proprio pisello.

-Diavolo, mi piace. Cazzo se mi piace… continua.

Infilava ed estraeva la racchetta in maniera quasi meccanica, mentre il suo pisello diventava sempre più duro.

A Vera sembrava piacere molto quel giochetto. Si stava mordendo il labbro inferiore con fare libidinoso.

Carlo le toccò il seno da sopra la maglietta.

-Sei così bella, vera.

-Ti prego… continua.

Perché sua moglie non poteva essere come lei. L’unica volta che le aveva proposto si utilizzare una racchetta all’interno di un loro rapporto, lei gli aveva risposto, senza parafrasare -Infilatela nel culo la racchetta.-.

Questa era la differenza con Vera, lei si lasciava scopare dal manico di quella racchetta, godendo come una disperata. Il sesso doveva essere senza limiti.

-Infilami il cazzo. Lo voglio.

Carlo estrasse per l’ultima volta la sua racchetta da Vera e dopo essersi tolto i pantaloncini, la penetrò col suo pisello duro.

Scoparsi quel corpicino magro e atletico era come ritornare giovani. Il suo vecchio pisello era completamente avvolto da umida carne giovane e Carlo non poteva dirsi più contento.

-Quanto mi piace scoparti, Vera.

-Anche a me… allenatore. Anche a me.

-Ti posso venire dentro?

-Sì, sì… ho ripreso con la pillola.

Carlo iniziò a scoparla velocemente, perché a breve i suoi genitori sarebbero venuti a prenderla e non aveva assolutamente voglia di trovarsi in una qualche situazione sconveniente.

-Fottimi, allenatore… fottimi.

Quando le sborrò nella fica, sentì la curvatura della schiena di Vera, muoversi in maniera spasmodica. Era venuta anche lei. Avevano un sincronismo perfetto, nello sport e a quanto pareva, anche nella vita.

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica in CHAT?

ISCRIVITI GRATIS

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 voti, media: 2,80 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Tutto per un 30 e lodeTutto per un 30 e lode   -Allora siamo d’accordo? -Certo. Possiamo procedere. Aveva accettato […]
  • Silvia dietro il camionSilvia dietro il camion -Dobbiamo smetterla di vederci qui. È tropo pericoloso.- disse Marco. -Lo so, ma […]
  • Mi riscopro schiavaMi riscopro schiava Sono Stella, una ragazza di 22 anni del sud Italia, ma per motivi di studio vivo a […]
  • La P.R.La P.R. Mary sognava di fare la P.R. per quel locale dall’inizio dell’anno scolastico, […]