La nuova casa (5)



Lesbiche si masturbano a vicenda

Tutto ciò che desideravo, era sentire la bocca di Adele sulla mia pelle, come quella prima volta nella doccia. Tre volte l’avevo desiderata e tre volte lei aveva fatto in modo di farmi scopare o leccare da Fabrizio. Fabrizio aveva una bocca e delle dite più ruvide e aggressive. Adele, invece, anche se veniva presa da momenti di forte violenza, era delicata e morbida. E io non volevo altro che godere insieme a lei.

Abbracciate nel mio letto, quando mi svegliai quella mattina tra le sue braccia, fui felice, nonostante avessi un forte dolore all’ano. Cominciai a baciarle i seni. Lei si alzò e mi disse: “Aspettami qui.”

Vuoi vivere un’avventura come quella in questo racconto erotico? Da oggi puoi, grazie la community di iraccontierotici.it.
>> Trova il partner per realizzare la tua fantasia.

Quando rientrò nella stanza, aveva una valigetta in mano. “Questi sono i miei giocattoli. Vuoi giocare con me?”

Ormai ero entrata in quel vortice di perversioni e piaceri senza fine. Annuì.

“Ti avverto.” mi disse. “Voglio portarti fino al piacere estremo. Potrebbe durare per lungo tempo.”

Acconsentii a farmi fare tutto ciò che volesse. Ero disposta a tutto, pur di avere la sua bocca.

Aprii la valigetta. Estrasse delle manette. Mi feci legare i polsi allo schienale del letto. Poi estrasse un vibratore rosa di grandi dimensioni. “Mostrami come godi.” disse. Azionò lo strumento. Cominciò ad accarezzarmi con quello lungo tutte le gambe. Mi venne la pelle d’oca e il mio corpo fu percorso da brividi. Poi lo avvicinò al monte di Venere, accarezzandomi i peli. Sfiorò appena le grandi labbra e sentii subito bagnarmi. “Oh, sì, così… da brava… fammi vedere come ti apri…” Mi accarezzò le piccole labbra con il vibratore e cominciai a godere e a sussultare. Poi me lo infilò dentro e si mise sopra di me, mentre me lo infilava in profondità e poi lo estraeva. Ero in estasi. Raggiunsi un meraviglioso orgasmo dopo poco tempo. Non ebbi tempo per riprendermi. Adele ricominciò daccapo. E io venni. E poi ancora. E venni. E ancora. E venni. E ancora. E venni.

“Adele… ti prego… basta.”

“Hai accettato di giocare con me, amore mio. Il gioco è appena cominciato.”

 

 



Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (36 voti, media: 3,50 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • La nuova casa (1)La nuova casa (1) Erano tre settimane che ero in cerca di una nuova casa nel quale abitare. Trovai un […]
  • La nuova casa (6)La nuova casa (6) Legata al letto, ormai ero completamente nelle sue mani. Solo allora mi resi conto […]
  • La nuova casa (2)La nuova casa (2) Ero ancora sconvolta dal pomeriggio precedente, quando mi svegliai a causa di rumori […]
  • La nuova casa (4)La nuova casa (4) Mi catapultai sotto la doccia, mentre Adele e Fabrizio ripresero i loro posti a […]