La nuova casa (2)

Sesso a tre con due troiette cagnette

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Ero ancora sconvolta dal pomeriggio precedente, quando mi svegliai a causa di rumori strani provenienti dalla cucina. Sentivo un gran trambusto e la voce di Adele lamentosa e acuta. Mi chiesi se non le stesse succedendo qualcosa di brutto, se magari stesse piangendo. Mi avviai in cucina per controllare.
C’erano Adele e Fabrizio completamente nudi. Adele aveva il busto sdraiato sopra il tavolo della cucina e Fabrizio la stava penetrando. Erano entrambi sudati e molto eccitati. I muscoli di Fabrizio si muovevano eccentuando il suo delizioso colore della pelle. Non potei fare a meno di essere attratta da quelle due figure in movimento e dai gemiti di Adele. Sapevo che sarei dovuta ritornare in camera, ma non riuscivo proprio a staccare gli occhi da loro.
Alla fine, fu Adele ad accorgersi della mia presenza. Si alzò in modo delicato e, mentre Fabrizio continuava a scoparla, mi guardò dritta negli occhi e disse: “Che ci fai laggiù, sola?”
“Oh, sì! Ti prego!” esclamò Fabrizio.
Io feci un passo indietro e alzai la mano in cerca di qualche scusa per potermi giustificare. Non feci in tempo a parlare. Adele venne verso di me, con quel suo corpo da sirena e mi disse: “Vieni, dai… Volevamo qualcuno con cui giocare. E sei arrivata tu, finalmente…”
Mi trascinò vicino al tavolo della cucina. Mi spogliò. “Siedi” ordinò, indicandomi una sedia. Eseguii l’ordine. Si mise a sedere sul tavolo e aprì la gambe davanti a me. “Ricordi?” disse ancora. “Dovresti ricambiare il favore.”
Non mi mossi ancora, così imbarazzata che ero. Allora fu lei a fare la prima mossa e cominciò a toccarsi e a massaggiarsi. Davanti a me la pelle diventava bagnata e lucida. Allora cominciai ad accarezzarla. “Oh, sì… brava, così…” E infine avvicinai la bocca. La aprii e cominciai a leccarla e a bere tutto il liquido che usciva dalla sua vagina. “Oh, sì! Oh, sì, ti prego!” Mi teneva la testa tra le mani e me la spingeva contro il suo corpo.
Sentivo Fabrizio sussultare eccitato. Si stava masturbando davanti a noi.
Adele venne nella mia bocca. A quel punto io avevo voglia di godere, di farmi toccare. La baciai e cominciai ad accarezzarla. Mi aspettavo che mi avrebbe toccata e leccata e…
Lei ricambiò il bacio. Poi mi prese per un braccio e mi allontanò. Prese per il braccio Fabrizio e gli disse: “Ora scopami. Scopami.”
Lui la penetrò e cominciò a scoparla in modo aggressivo e violento. Entrambi godevano e anche io avevo voglia di godere. Rimasi da una parte a toccarmi e quando loro gemettero per l’orgasmo, gemetti di piacere anche io.

racconti erotici banner

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (27 voti, media: 3,48 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • La nuova casa (3)La nuova casa (3) Una sera rientrai poco più tardi dal lavoro. Adele e Fabrizio erano a tavola, per la […]
  • La nuova casa (4)La nuova casa (4) Mi catapultai sotto la doccia, mentre Adele e Fabrizio ripresero i loro posti a […]
  • Vicky e i fruttivendoliVicky e i fruttivendoli Aveva rotto due pile di bicchieri lo scorso fine settimana e voleva assolutamente […]
  • La nuova casa (1)La nuova casa (1) Erano tre settimane che ero in cerca di una nuova casa nel quale abitare. Trovai un […]