La mia ginecologa

Io con la figa al vento dalla mia ginecologa sexy

Sono stata giovedì scorso dalla mia ginecologa, una splendida dottoressa 40 enne tedesca.
Ero con le gambe aperte e ho iniziato a fantasticare a come sarebbe stato se lei fosse stata lesbica.
E’ un pensiero che ho sempre avuto, quello di far l’amore con una donna, ma non ne ho mai avuto né l’occasione né il coraggio.
Però ero lì adesso, gambe divaricate e lei a controllarmi la vagina…
Forse ho sospirato troppo forte perchè mi ha chiesto se stava andando tutto bene.
Certo, scusa, tutto a posto – le dico, arrossendo come un peperone.
Lei continua a visitarmi, ma mi sembra che il massaggio sia un po’ troppo lungo.
Mi infila un dito dentro, io non riesco a trattenere un gemito…
Lei continua, non mi sembra sia una visita normale, le chiedo se è tutto a posto…
Certo che è tutto a posto, mi risponde.
Ma continua ad infilare le dita e con l’altra mano mi massaggia il clitoride.
Io non mi trattengo più, inizio a godere, ho un primo orgasmo e poi un secondo e un terzo.
Lei mi guarda divertita…
Adesso immerge la faccia tra le mie cosce.
Lecca, lecca e lecca ancora.
Sto grondando e godendo…
L’orgasmo provocato dalla lingua è profondo.
Le schiaccio la testa sulla mia fica.
Godo tantissimo, lei mi beve tutta.
E poi mi dice di rivestirmi, l’esame è andato benissimo.

Questo racconto erotico ci è stato inviato da: Giovanni Bondo

acquista pubblicità

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (84 voti, media: 3,61 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Pasqua coi parentiPasqua coi parenti Alessia era la bellezza in persona. Non esisteva una parola che la descrivesse […]
  • Giulia – La compagna di classeGiulia – La compagna di classe Ciao mi chiamo Cristina e voglio raccontarvi una storia capitata anni fa in gioventu' […]
  • La farmacistaLa farmacista Come ogni piccolo paesino che si rispetti, anche il nostro ha la sua storica […]
  • Da amici ad amantiDa amici ad amanti Stavano scherzando come al loro solito. Si conoscevano da quando erano ragazzi e la loro […]