IL SUD AFRICANO



Passarono i giorni , le settimane , e dopo 2,3 mesi CLAUDIA ERA IMPAZIENTE il primario o si è scordato o non ha più il mio numero continuava a ripetere fui io a dirgli ” perché non provi a chiamare il suo amico dermatologo e ti fai dare il telefono , sii esclamo lei sei un genio chiamo in studio e rispose la sua infermiera dicendo che il dottore era in vacanza con la moglie e che prima di 2 settimane non sarebbe rientrato , visibilmente scossa attacco ecco e ora che si fa IO VOGLIO FARMI VADERE CON I NEI NON SI GIOCA.. (IO PENSAI CHE PUTTANELLA CON I NEI NO, MA CON LA FICA E I CAZZI DEI DOTTORI SI) gli suggerii di chiamare allora la palestra e farsi spostare il turno di mattina con quello pomeridiano ,cosi domattina andiamo in ospedale e parliamo giusto con lui, ma certo come ho fatto a non pensarci mi disse chiamo subito. E cosi la mattina dopo si alzo prestissimo gli dissi CLAUDIA E PRESTO ma devo prepararmi farmi la doccia e vestirmi…replico, si vedeva che non vedeva l’ora di raggiungere l’ospedale.SI vesti molto sensuale, una gonna poco sopra il ginocchio delle calze sorrette da giarrettiere, un tanga una camicetta bianca ma senza indossare il reggiseno e delle scarpe con tacchi abbastanza alti insomma uno spettacolo della natura.ARRIVAMMO IN OSPEDALE un famosissimo ospedale della nostra citta ci fu detto dove era il professor…..primario della clinica di dermatologi prendemmo un ascensore per raggiungere il suo studio, e io in ascensore per vedere la sua reazione gli dissi SEMBRA CHE NON VEDI L’ORA DI VEDERE QUEL DOTTORE E NON HAI NEMMENO UN APPUNTAMENTO E NON SAI SE CI PUO’ RICEVERE .MIA MOGLIE DISSE MI RICEVERA’VEDRAI CHE MI RICEVERA’ E SORRISE .ARRIVAMMO al piano e in fondo ad un corridoio la porta del suo studio ci indicarono che era li ,bussammo si senti …AVANTI., entrammo e lui era li dietro la sua scrivania ci saluto cordialmente e subito aggiunse ,,,VI AVREI CHIAMATO OGGI STESSO il mio amico del SUD AFRICA E’ ARRIVATO IERI SERA e ora e in albergo a riposare sapete lui soffre i fusi orari comunque ora che sei qui rivolgendosi a CLAUDIA ti dico subito che ti aspetto domani pomeriggio alle 15 dopo le visite hai pazienti cosi io e il mio collega SUD AFRICANO TI DAREMO UNA OCCHIATA anzi metti questa pomata questa sera e anche domattina sul neo e la cute intorno al neo .MIA MOGLIE MALIZIOSAMENTE DISSE MA DOTTORE POSSO METTERLA SOLO DA UN LATO ,PERCHE DAL LATO OPPOSTO CE LA MIA PARTE INTIMA IO ERO TESISSIMO COMINCIAVO A DEGLUTIRE IN CONTINUAZIONE MI STAVO ECCITANDO DA VERO CORNUTO MI FECI CORAGGIO DICENDO….CLAUDIA SE IL DOTTORE DICE COSI CI SARA UN PERCHE QUINDI FIDATI DI LUI IL PORCO SUBITO NE APPROFITTO .. DICENDO ANZI FAMMI VEDERE DI COSA PARLIAMO’ COSI AL VOLO— DANDOGLI DAL TU MOOOLTO CONFIDENZIALE CLAUDIA DISSE MA NON VEDO IL LETTINO, NO NO IL LETTINO NON SERVE VIENI CHE FACCIAMO IN UN ATTIMO LEI SI AVVICINO ALLA SUA SCRIVANIA DA LI Alla sua sedia e lui comincio ad alzargli la gonna dicendo cosi faro felice anche tuo marito visto che si preoccupa della tua salute lei mi guardo arrossendo e io gli feci un sorrisetto come per dire tranquilla io so tutto. LUI gli disse Claudia tieni la gonna sollevata apri un cassetto e tiro fuori una lente di ingrandimento ,comincio a guardargli l’inguine dove lui supponeva ci fosse un neo io da dietro le spalle di mia moglie non potevo osservare molto ma sentivo il prof.. che inspirava molto profondamente come per sentire il profumo della fica di MIA MOGLIE.. poi con una scusa mi spostai un poco giusto per vedere da uno sportello di una vetrinetta ,il riflesso di quello che stava combinando senza che loro si accorgessero di nulla vidi il primario che mentre le diceva dove doveva mettere la pomata con il dito della mano le sfiorava il bozzetto della fica spingendo più volte dove risiede il clitoride .VIDI MIA MOGLIE CHE COMINCIAVA A PIEGARE LE GINOCCHIA E DARE DEI PICCOLI COLPI DI BACINO LUI DIVENTO PIU AUDACE E MENTRE SPIEGAVA IL FALSO PROBLEMA LE INFILO LE DITA SOTTO IL PERIZOMA E CREDO CHE L’ABBIA PENETRATA CON ESSE, CLAUDIA EMISE UN GRIDOLINO MA CHE LUI SOFFOCO CON UN COLPO DI TOSSE PER NON FARMI SENTIRE COME LA PUTTANA STAVA GODENDO , POI CON TONO AUTORITARIO DISSE claudia per oggi va bene cosi metti questa pomata stasera e domani mattina e poi noi ci vediamo alle 15 e sicuramente a farci compagnia per un consiglio avremo con noi il mio amico SUD AFRICANO .MIA MOGLIE moglie quasi dispiaciuta per la brusca interruzione della visita si ricompose e non potei non notare le sue mutandine con una grossa macchia davanti, LA CARA MOGLIE SI ERA BVAGNATA A SENTIRSI LE MANI DEL PROF ADDOSSO…COMUNQUE arrivo il fatidico giorno. la andai a prendere in palestra a mezzogiorno lei usci puntuale e di corsa sempre nella sua tutina aderente e magliettina arancione sali in macchina e quel profumo di sudore misto al suo deodorante mi faceva venire voglia di toccargli la fica che su quei pantaloni si vedeva molto bene e metre pensavo a cosa sarebbe successo da li a poco , il telefonino squillo era il primario dicendo se potevamo anticipare e che invece delle 15 dovevamo essere da lui alle 13.30,perche il suo amico non poteva a quella ora e quindi di anticipare ,CLAUDIA GLI SPIEGO CHE ERA APPENA USCITA DALLA PALESTRA E CHE DOVEVA FARSI UNA DOCCIA MA DI RIMANDO IL PROF… REPLICO NON PREOCCUPARTI SBRIGATI A VENIRE CHE AL MIO COLLEGA HO PARLATO DI TE ED E’ IMPAZZIENTE DI CONOSCERTI LEI ATTACCO’ PER POI AGGIUNGERE DOBIAMO ANDARE ORA IN OSPEDALE E PER FORTUNA CHE IERI SERA MI SONO DEPILATA SOTTO..”.MMMMM IO PENSAI” MI SBRIGAI NON VEDEVO L’ORA DI ARRIVARE , ECCOCI CI SIAMO PARCHEGGIAI E SU IN ASCENSORE DAL PROFF.. IN ASCENSORE IL CUORE COMINCIAVA A IMPADRONIRSI DELLA MIA GOLA , BUSSAMMO E CI APRI UN RAGAZZO DI COLORE SUI 45-50 ANNI ERA MAGRO ED MOLTO ALTO METTEVA QUASI SUGGEZIONE SALUTO PRIMA MIA MOGLIE E POI ME POI SI RIVOLSE A CLAUDIA IL PROF.. MI HA PARLATO DI TE ORA TI VISITEREMO E POI TI DIRO’…CI ACCOMODAMMO ,MA IL PRIMARIO CI DISSE CHE LI NON POTEVAMO STARE..IL SUO STUDIO NON AVEVA IL LETTINO E CHE UNA SUA COLLEGA DI OSTETRICIA GLI AVEVA LASCIATO A DISPOSIZIONE IL SUO STUDIO….LA COSA SEMBRAVA PREPARATA A REGOLA..COMUNQUE ANDAMMO IN UN ALTRO PIANO ENTRAMMO TUTTI NELLO NUOVO STUDIO E NOTAI IMMEDIATAMENTE UN LETTINO GINECOLOGGICO DISSERO A CLAUDIA DI SPOGLIARSI COSA CHE LEI FECE SUBITO SI PRESENTO UNA VISTA MOZZAFIATO LEI CON QUEL SENO DRITTO E SODO UNA VITA MOLTO STRETTA LA FICA COMPLETAMENTE DEPILATA E UN CULO DA SOGNO IL DOTTORE AFRICANO DISSE COMPLIMENTI PER IL SUO PERSONALE E DAVVERO PERFETTA COME MI DICEVA IL MIO COLLEGA ,SUO MARITO SARA’ GELOSISSIMO AD AVERE UNA MOGLIE COSI BELLA ,CLAUDIA RISPOSE CON MIO STUPORE…BE NON PIU’ DI TANTO…GUARDANDOMI E STRIZANDO L’OCCHIO, LAFECERO ACCOMODARE SUL LETTINO TOGLIENDO LE STAFFE DA LETTINO GINECOLOGICO QUELLE DOVE SI APPOGIANO LE GAMBE.POI RIVOLGENDOMI A ME DISSERO SE VOLEVO ASSISTERE O ASPETTARE FUORI …BE IO QUESTA VOLTA FECI IL GRANDE SALTO..RIMANGO UN PO POI DOVRO FARE ALCUNE TELEFONATE , BENE ALLORA VEDIAMO QUESTI NEI DISSE IL PROF E COMINCIARONO A SCRUTARLA IL DOTTORE DI COLORE DISSE AL NOSTRO PRIMARIO DOVE E IL NEO CHE MI PARLAVI, ECCOLO VIENI AVVICINATI E COMINCIARONO A GUARDARLA VERSO L’INGUINE TOCCANDOLA INSIEME E SCONFINANDO ANCHE SULLA FICA.LA SFIORAVANO LI VEDEVO BENISSIMO L’AFRICANO SI AVVICINAVA COSI TANTO CHE POTEVA ANCHE LECCARE LA FICA DI MIA MOGLIE MENTRE L’ALTRO PROF.. SI ERA CONCENTRATO SUL SENO TOCCANDOLO SFIORANDOGLI I CAPEZZOLI E A VOLTE STRINGERLI SI COMPORTAVANO COME SE IO NON FOSSI LI ,FEDEVO CLAUDIA CHE CHIUDEVA GLI OCCHI E DARE DEI PICCOLI COLPI D’ANCA ,LA SUA FICA COMINCIO A BAGNARSI ED A FAR COLARE PIAN PIANO IL PREZZIOSO NETTARE TRA LE COSCE,FU LI CHE DECISI DI USCIRE, NON CE LA FACEVO AD CONTINUARE A GUARDARE SENZA TOCCARMI. IO VADO A FARE ALCUNE TELEFONATE SE POSSO , VADA PURE SUA MOGLIE E IN BUONE MANI DISSE IL PROFF..APPENA USCII SENTI UNA VAMPATA DI CALORE CHE SI DIFFONDEVA SU TUTTO IL CORPO IL CUORE CHE ANDAVA A MILLE LE LABBRA MI TREMAVANO CHISSA COME LA STANNO POMPANDO PENSAI, DEI MUGOLII E DEI MMMMMMM CHE BELLOOO MI RIPORTAVANO AL PRESENTE ,VOLEVO VEDERE ANCHE IO APRII PIANO LA PORTA E VIDI IL NOSTRO PROFF CHE GLI STROFINAVA QUEL SUO PISELLO DI TUTTO RISPETTO CON QUELLA SUA CAPPELLA ROSEA GLI SGRILLETTAVA IL CLITORIDE PER POI ENTRARE ED USCIRE QUASI SUBITO E RICOMINCIARE A STROFINARGLI LA FIGA GONFIA DI VOGLIA . NON VEDEVO IL PROFESSORE SUD AFRICANO POI IMPROVVISAMENTE APPARVE CON IN MANO I SUPPORTI PER LE GAMBE DEL LETTINO GINECOLOGICO ERA COMPLETAMENTE NUDO ,AVEVA UN PISELLO ENORME SARA’ STATO 25 CM DI CARNE QUEI CAZZI LI AVEVO VISTI SOLO IN SITI PORNO MA MAI DAL VERO ,NERO UNA CAPPELLA ENORME CON UNA CASTA DRITTA E VENOSA MMM CHE BELLO CHE ERA ,MISE I SUPPORTI OBLIGANDO PRIMA A MIA MOGLIE A SUCCHIARGLI IL CAZZO SIII CHE BELLO UN CAZZO IN BOCCA MENTRE UNO LE POMPAVA LA FICA ….SIIII COME MI PIACEVA GUARDARE MIA MOGLIE SCOPARE IN QUEL MODO ,POI DISSE AL PROFF… NOSTRANO DI TOGLIERSI CHE VOLEVA RIEMPIRLI LA FICA LE DIVARICO LE GAMBE AL MASSIMO COMINCIO A LECCARE CULO E FICA RIPETUTAMENTE MENTRE LEI SEGAVA L’ALTRO LO IMPLORAVA DAIIII SFONDAMI CON QUEL CAZZONE NEROOOO LUI SI ALZO AVEVA LA BOCCA CHE COLAVA DELLA SUA CREMA DI FICA E PIANO ENTRO DENTRO LEI , PRIMA LA CAPPELLA E POI PIANO PIANO TUTTA LASTA SINO AL VENTRE MMMM SMORFIE DI DOLORE E PIACERE SI STAGLIAVANO SUL VISO DI CLAUDIA . IL CAZZO NERO TIRAVA FUORI DALLE STANTUFFATE NELLA FICA DEL LIQUIDO BIANCASTRO ERANO GLI UMORI DEI DUE MESCOLATI,A ME SCOPPIAVA IL CAZZO VOLEVO PARTECIPARE A QUEL GIOCO . MA COME FARE? PRESI CORAGGIO QUANDO IL PROF.. DI NOSTRA CONOSCIENZA DISSE ORA IO IN FICA ED IL COLLEGA AFRICANO IN CULO VEDRAI COME TI PIACERA LA FECERO SCENDERE IL PROFF SI SDRAIO LEI SALI SU QUEL CAZZO E DA DIETRO IL PROFF AFRICANO SI SPUTO IN MANO POI LECCO IL CULO DI CLAUDIA E VI ENTRO CON UN COLPO SOLO… PIANO MA DIRETTO, SENZA FERMARSI, MM CHE BELLO IL CAZZO MI SCOPPIAVA, DECISI DI ENTRARE ,E SENZA DIRE NULLA MI PRESENTAI DAVANTI A LORO IL PRIMARIO MI DISSE VEDO CHE ALL’ULTIMO TI SEI DECISO LO SAPEVO CHE TI PIACE FAR SCOPARE TUA MOGLIE DA ALTRI UOMINI CONTINUANDO A GODERE DELLA FICA DI MIA MOGLIE LEI MI GUARDO DICENDOMI MMMM E BELLISSIMO CHE TU SEI QUIIII DAIII DAMMELO IN BOCCA VOGLIO TRE CAZZIIII, L’AFRICANO SENZA SCOMPORSI CONTINUAVA AD APRIGLI IL CULO E GLI INFILAI IL MIO PISELLO IN BOCCA , LEI PRESE AD LECCARLO MI TOCCAVA LE PALLE LE STRINGEVA POI SI SPINSE TUTTO IL CAZZO IN GOLA PROCURANDOSI DEI COLPI DI TOSSE MA RICOMINCIAVA SUBITO DOPO , UN BOCCHINO COSI NON ME LO AVEVA MAI FATTO E CONTINUAVA A POMPARMI E TOCCARE LE PALLE A VOLTE STRINGENDOLE E A VOLTE TOCCANDOMI IL MIO BUCO DI DIETRO ERA MAGNIFICOOOOO VEDERLA SALTARE SU E GIU SU QUEI MEMBRI BELLISSIMI LEI GODEVA TANTISSIMO E IO NON RESSI PIU GLI SBORRAI IN BOCCA … MMMM GODOOO TIENIIII AMORE MIOOOLEI CONTINUAVA AD SUCCHIARE LA CAPPELLA TOGLIENDOMI SINO ALL’ULTIMA GOCCIA E FINI COL BERE TUTTO … MMM CHE BUONO ..E NELLO STESSO TEMPO GODE PRIMA IL PROFF MMMM SIIIII ECCCOOOOO TI VOGLIO INGRAVIDAREEEEE STRILLO, E POI FU LA VOLTA DELL’AFRICANO HOOOOOO SBORROOOOOO SIIIIII TIENIIII , MIA MOGLIE AVEVA IL VOLTO STRAVOLTO VENNE ANCHE LEI CON DEI SPASMI CHE IO NON CONOSCEVO TREMAVA NON AVEVA MAI AVUTO ORGASMI COSI E NEMMENO IO LORO TIRARONO FUORI I LORO CAZZI ANCORA IN FORMA IO NON RESISTII E PRESI IN BOCCA IL CAZZO DEL PROF PER LECCARLO E PULIRLO PER BENE LUI MI LASCIO FARE E CREDO CHE MI SCHIZZO ANCORA DELLO SPERMA IL SUO CAZZO SAPEVA DI SBORRA E DI FICA MMMM CHE BELLO POI FU LA VOLTA DEL CULO DI CLAUDIA LOO LECCAI PER BENE E MENTRE LECCAVO IL SUO CULO PASSAVO ANCHE SULLA SUA FICA SENTIRE IL SAPORE DI SBORRA E DI CREMA DI FICA ERA UNICO …CI RICOMPONEMMO TUTTI QUANTI IL PRIMARIO NOSTRANO SENTENZIO: CLAUDIA TU SEI GUARITA E SEI IN OTTIMA SALUTE E QUINDI SE VORRAI UNA VOLTA OGNI TANTO MA SPORADICAMENTE POTRAI FARTI FARE UN CONTROLLO GIUSTO ESCLAMO L’AFRICANO E LO FARAI QUANDO IO SARO’ A ROMA PER UN MEETING … SDALUTAMMO E ANDAMMO VIA SUPERCONTENTI
EBBENE CARI AMICI COSI SONO DIVENTATO UN CUKOLD COME SI DICE, UNO CHE GODE VEDENDO LA PROPIA MOGLIE GODERE CON ALTRIFARLA SCOPARE E VEDERLA GEMERE DAL PIACERE….. VI GARANTISCO CHE E’ BELLISSIMO UNA SENSAZIONE CHE SI DEVE PROVARE E NON SI PUO’ DESCRIVERE… DA QUEL GIORNO CLAUDIA A AVUTO TANTI ALTRI INCONTRI MA STA VOLTA PIU’ RICERCSATI , PIU’ MIRATI..EBBENE PROSSIMAMENTE VE NE RACCONTERO’ ALCUNI ..E QUESTI SONO SOLO RACCONTI VERI REALI…STORIE DI CLAUDIA DI ME E DELL’ALTRO ….

Autore:
birillo66

Blog: I Racconti Erotici, Racconto: IL SUD AFRICANO

Vuoi vivere un’avventura come quella in questo racconto erotico? Da oggi puoi, grazie la community di iraccontierotici.it.
>> Trova il partner per realizzare la tua fantasia.



Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (55 voti, media: 3,18 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: