Il peggior giorno della mia vita



Inculata senza timore

Che mia moglie fosse sempre stata una gran troia questo l’immaginavo e adesso ne avevo la certezza.
La situazione era molto incasinata e difficile da spiegare e gestire. In pratica da un paio di mesi avevo preso l’abitudine di scoparmi la moglie di un nostro amico.
Sì, nemmeno io posso essere definito uno stinco di santo, questo lo so, ma scoprire che anche mia moglie non è da meno è stata una vera e propria liberazione.
Anna, la moglie del mio amico, mi aveva consegnato le chiavi di casa loro proprio la settimana precedente al giorno in cui accadde questo particolare episodio.
Lei avrebbe finito delle commissioni in centro ed io avrei dovuto aspettarla in camera da letto, pronto a fottermela alla grande, come ero solito fare ogni volta.
Ero nudo sul suo letto, quando il cellulare squillò. Non gli diedi retta, ma poi, notando un eccessivo ritardo da parte di Anna, decisi di controllarlo.
In un messaggio, Anna mi avvertiva che suo marito stava venendo a casa e che lei aveva affittato una stanza d’albergo per noi due. Proprio in quel momento sentii le chiavi di suo marito entrare nella toppa.
Ero fottuto. Mi avrebbe scoperto e riempito di cazzotti. In fin dei conti me lo meritavo, avendogli profanato la moglie in ogni buco possibile ed immaginabile.
Riuscii a gettarmi nell’armadio con un gesto felino, restando nascono e silenzioso.
-Dobbiamo fare presto… mia moglie ha detto che tornerà per le sette.-disse.
Era con una donna, non ci potevo credere. Ero andato a casa sua per fottermi sua moglie e lui arrivava con una troietta da sbattersi. Che situazione folle.
Il bello doveva ancora arrivare, ovviamente, perché la donna in questione era mia moglie.
Immaginate cosa provai in quel momento. Mia moglie mi stava tradendo sotto i miei occhi ed io non potevo fare niente, per via della mia clandestinità. L’unica cosa che potevo fare era guardare quei due scopare.
Provai a rintanarmi nel mio limbo mentale, come quei monaci zen che stanno in oriente, ma non ci riuscii ed iniziai a sbirciare.
Mia moglie era inginocchiata davanti a lui, intenta a fargli un pompino.
L’avrei uccisa, a me diceva sempre che non amava fare pompini e adesso avevo scoperto il motivo; ne faceva talmente tanti a lui che a casa tornava stremata. probabilmente le faceva male il collo o la mandibola.
Con me non si comportava in quella maniera.
Le stava sbattendo il pisello in faccia, schiaffeggiandola col suo membro. Quella era roba da film porno. Non ci potevo credere.
-Avanti, girati che te lo butto dentro.- disse lui.
Mia moglie obbedì come una scolaretta, mettendosi a pecorina per soddisfare quel coglione che se la stava scopando.
-Fatti cavalcare. Fai la puledra.- gridò, come se fosse il re del mondo.
Non credetti ai miei occhi e alle mie orecchie, mia moglie iniziò a nitrire, fingendo di essere una puledra. Che gran troia.
La cosa veramente strana era che il mio cazzo non stava provando odio, bensì eccitazione Aveva deciso di mettersi sull’attenti come un soldatino di plastica con cui giocavo da bambino.
-Quanto mi piace essere scopata da te… cazzo, scopami, scopa la tua puledrina.- sorrise lei, continuando a farsi montare come una troia.
E il premio per il cornuto dell’anno andava obiettivamente diviso per quattro. In pratica eravamo un gruppo che non faceva altro che scoparsi a vicenda, senza né etica, né morale.
Non mi ero mai posto grandi problemi nello scopare Anna e suo marito non si era mai posto nessun problema nello scopare mia moglie.
Avrei perso molto altro tempo a pensare a quelle cose, quando sentii distintamente il mio telefonino squillare.
La sfida mi stava perseguitando.
-Ma questo è il telefonino di mio marito.- disse lei.
-Ma che cazzo dici, magari sarà quello della donna delle pulizie.
-No, no… guarda.- disse lei, indicando il mio telefonino sul comodino – È proprio quello di mio marito.
Ero completamente fottuto.

Blog: I Racconti Erotici, Racconto: Il peggior giorno della mia vita

Vuoi vivere un’avventura come quella in questo racconto erotico? Da oggi puoi, grazie la community di iraccontierotici.it.
>> Trova il partner per realizzare la tua fantasia.



Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (29 voti, media: 3,24 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Sesso e nobiltà | pt. 1Sesso e nobiltà | pt. 1 La contessina stava prendendo il suo caffè nel gran salone adibito alla […]
  • Libidine in montagnaLibidine in montagna Quella slogatura non sembrava volerle proprio passare. Aveva risparmiato per mesi […]
  • Il gigante e la bambinaIl gigante e la bambina Mio padre mi aveva detto di essere gentile, educata e premurosa con il suo migliore […]
  • Gli StivaliGli Stivali Molte volte sono costretto a fermarmi al lavoro fino a tardi, e capita spesso che una […]