il dermatologo (parte 2)

Dopo appena una decina di giorni che Claudia metteva la pomata prescritta dal dottore mi disse che voleva ritornare a visita in ambulatorio per farsi vedere quel neo . Aveva seguito scrupolosamente le indicazioni del dott.. “mi raccomando tre volte al di” ma lei sapeva benissimo che non aveva nulla era solo un pretesto per rivederla e fare il porco con lei, comunque io stetti al gioco poiche’ la cosa mi aveva preso e molto e stavolta sapevo quello che mi aspettava. Infatti nei giorni che precedevano la visita quando i nostri orari di lavoro si conciliavano e capitava di essere a casa entrambi mi preoccupavo io dicendogli se aveva messo la pomata e a volte gliela spalmavo io delicatamente su quel piccolissimo neo vicino quel bellissimo bozzetto di fica depilata con cura maniacale aggiungendo anche frasi tipo: chissa’ se il dottore sara’ delicato come lo sono io ora e intanto mentre le spalmavo l’unguento le sfioravo la fica sentendola bagnata … lei non diceva nulla ,eri li ferma con gli occhi chiusi anzi come sua abitudine intima quando era eccitata e gli toccavo la fica ancheggiava come se volesse essere scopata subito. Io mi accorsi di cio ma feci finta di nulla… per poi aggiungere “Claudia mentre ti spalmo sta roba chiamami dottore sorridendo.. lei si calo’ benissimo nella parte dicendomi ” dottore mi controlli bene come la volta scorsa” io fui preso da enormi vampate di calore stavo godendo lei se ne accorse e senza dire nulla mi fece una sega. Schizzai quasi subito sul suo seno e mentre ,urlando siii mmm godoo..lei replicava avanti dottore mi sborri in bocca…naturalmente ancora una volta feci finta di non averla sentita. IL campanello della porta ci riporto’ nel presente lei si alzo dal divano di corsa e corse in bagno per pulirsi notai che era arrossita un pochino in viso forse pensava che io potessi aver sentito la sua frase .MA prontamente io ruppi il ghiaccio dicendogli scusa tu che ne approfitto sempre per fare il porco con te…aggiungendo una risata. Cosi il il giorno seguente telefono al dermatologo prendendo il fatidico appuntamento ..e come succedeva spesso il giorno seguente la andai a prendere in palestra era quasi mezzogiorno e ci dovevamo sbrigare poiche il dott.. ci aspettava per le 14.00 aspettai fuori lei uscii quasi subito era bellissima. Aveva ancora quella tuta aderentissima che indossava quando insegnava la sua magliettina fucsia aderentissima che metteva in risalto la sua 4 misura si intravedeva il gonfiore dei capezzoli mmm che bello (solo a pensarci ora mentre scrivo mi eccito ancora) sali in macchina e mi disse sbrighiamoci dobbiamo essere li per le 14 e devo farmi ancora la doccia e cambiarmi. Io cercai di sbrigarmi e nel frattempo sentivo che l’abbitacolo della macchina si era riempito del suo profumo e del profumo di sudore era un mix inebriante. cera un po’ di traffico quel giorno per via di una manifestazione e come se non bastasse una macchina ci tampono ma senza procurandoci danni aveva solo rotto uno stop. dissi al tipo che non vi era bisogno di fare una denuncia il fanalino sarebbe costato una quarantina di euro ma quello insistette nel volermi fare il… cid cosi il tempo passo e Claudia era visibilmente scossa avendo paura di non fare in tempo per la VISITA .e mentre ripartivamo gli dissi che oramai sarebbe stato opportuno recarsi subito dal dermatologo per arrivare puntuali .Ma lei aggiunse che vestita in quel modo e per di piu’ tutta sudata non era carino io insistetti e alla fine la convissi E SAPEVO CHE STAVO FACENDO AL DOTTORE UN REGALO GRADITO PORTANDOGLI CLAUDIA COL SUO ODORE NATURALE tutta sudata e vestita in quel modo arrapante. Arrivammo anche 10 minuti prima vedevo mia moglie visibilmente scossa gia’ prima di entrare …be in effetti lo ero anche io figuriamoci lei…comunque eccoci la’ davanti alla porta del suo studio ..suonammo il campanello e ci venne ad aprire un altro medico sui65 68 anni un bel signore distinto capelli bianchissimi e molto abbronzato.. comunque io e mia moglie rimanemmo un attimo stupiti fu lui a toglierci d’impaccio presentandosi dicendo che era un amico del nostro dermatologo nonché primario di dermatologia di un famoso ospedale e che il nostro dottore gli aveva parlato di mia moglie e che lo aveva pregato di fare con lui un consulto e ci invito’ ad entrare mia moglie gli disse di scusarla poiche era vestita cosi appena uscita da palestra e per giunta non aveva potuto nemmeno lavarsi spiegandogli tutta la storia del tamponamento. lui il primario sorrise e gli disse che non cera nessun problema poi entro’ nello studio dicendo che ci avrebbe chiamato lui…Claudia era contrariata non voleva sottoporsi a visita mi disse >(sono 2 uomini io mi vergogno) e io risposi embe’ cosi starai molto più tranquilla per i tuoi nei poi lui e’ anche un primario chi meglio di lui? intanto mi immaginavo come sarebbe finita sentivo il mio cazzo eccitarsi. la voce del nostro dermatologo ci interruppe disse di accomodarci ..entrammo e ci saluto molto cordialmente Claudia si scuso’ nuovamente per il suo abbigliamento ..ma lui guardandola gli disse che era tutto a posto soffermandosi a guardare le
labbra della sua fichetta messe in risalto dalla tutina aderentissima. DOPO I CONVENIEVOLI il primario le disse di spogliarsi a me disse di accomodarmi su di uno sgabello mia moglie si spoglio dietro un paravento mentre loro i porci in camice bianco facevano finta di commentare la cartella della visita passata Caudia usci dal paravento solo in reggiseno e tanga… si proprio cosi in TANGA poiche in palestra indossava quello e nella sua borsa teneva sempre una mutandina di ricambio ma stavolta non aveva potuto cambiarsi per ovii motivi .ERA bellissima i 2 maiali erano rimasti a bocca aperta non dicevano nulla la osservavano e basta ,fu mia moglie a dirgli dove doveva mettersi loro ripresisi dallo sbandamento iniziale gli dissero prima sulla bilancia per il peso e aggiunsero che sicuramente il peso era perfetto e poi di accomodarsi sul lettino. quando CLAUDIA SI SDRAIO’ il primario chiese al nostro dermatologo dove teneva i guanti ve lui gli indico’ un armadietto in metallo lui ando per prenderli ma fece finta di non trovarli mostrandogli una scatola vuota (i 2 porci si erano messi d’accordo prima )e allora il nostro medico fece finta di prendersela con la sua infermiera dicendo che quando sarebbe arrivata gli avrebbe fatto un cicchetto aggiungendo a mia moglie CLAUDIA NON abbiamo i guanti o torna tra una settimana o procediamo senza guanti ma tra una settimana non avremo il parere del mio amico primario .MIA MOGLIE che gia’ aveva capito l’antifona gli disse che non faceva nulla per lei solo che era un po’ sudata ma in realta’ la zoccola cominciava a bagnarsi .QUINDI COME AL SOLITO LA COMINCIARON A VISITARLA controllandogli il viso con un grosso specchio ingrandente poi il collo molto velocemente e passarono sui suoi seni magnifici toccandoli ritoccandoli sfiorandogli i capezzoli piu’ volte sino a farglieli diventare turgidi e viola dal’ECCITAZZIONE l’immagine che vedevo era bellissima il primario che controllava i seni e il nostro dottore le sfiorava la pancia con sapienti movimenti di mani su inesistenti nei che lui diceva di vedere lei cominciava ad avere quel suo tic in fase di eccitamento cioe’ piccoli colpi impercettibili di bacino che io conoscevo i nostri sguardi si incrociarono per un attimo lei arrossi e chiuse gli occhi io ero al settimo cielo. MIA MOGLIE STAVA DI NUOVO PER SCOPARE CON DEI SCONOSCIUTI ERO ECCITATISSIMO .IL volpone dl primario per allontanarmi mi disse che lui per una questione di correttezza ed etica senza guanti non poteva continuare e cosi mi disse di andare ad una sanitaria ad aquistarli solon che se andavo in macchina non avrei trovato al ritorno il posto e quindi era meglio andare a piedi ,la sanitaria era a circa 15 20 minuti di cammino e quindi con sta mossa strategica mi congedo’ dallo studio e cosi potevano possedere ma moglie ma io presi ugualmente la macchina per acquistare tempo e aquistai i guanti e trovai nuovamente il posto salii le scale di corsa entrai pian piano (avevo lasciato la porta accostata) non volevo perdermi la scena sentivo dei rantoli dei siiiii daiii spingii avevo il cuore a mille scostai la porta dello studio giusto per vedere e non essere visto a sua volta da loro.LO SPETTACOLO che mi si paro’ davanti era unico mia moglie che pompava il primario con la bocca mentre il dottore gli trapanava la fica con il suo randello di carne e ogni tanto il primario tirava fuori il suo cazzo venoso e di notevole misura sbattendoglielo sul viso e li che lei incitava l’altro di spingere di spaccargli la fica io sentivo il mio cazzo gocciolare umori non volevo ancora toccarmi perché avrei goduto subito mitoccavo le palle avrei voluto partecipare a quella scopata bellissima la mia libidine era salita alle stelle il poi il dottore si mise sdraiato sul lettino mia moglie gli sali sopra il suo cazzo senza prima sbocchinarlo un po’ e il primario si mise un qualcosa sulla sua cappella e la penetro nel culo cosi la zoccola godeva sentendo i due cazzi nel suo ventre io presi a segarmi con violenza mentre loro sfodavano CLAUDIA vennero quasi insieme la riempirono di sborra le si avvicinarono sulla bocca con i piselli ancora turgidi e gocciolanti lei apri la bocca e comincio’ a leccare le loro cappelle gocciolanti io venni con un fiotto di sborra mai visto strozzando in gola un urlo liberatorio E COSA CHE NON AVEVO MAI VISTO fu che mia moglie mentre leccava quei cazzi vecchi ma funzionanti schizzo dalla fica come un getto di acqua vischiosa io credo siano stati i suoi umori mischiati con la sborra del medico..i due porci si ricomposero velocemente invitando mia moglie ad andare in bagno e fare lo stesso aggiungendo ( sbrigati CLAUDIA quel cornuto di tuo marito sara’ qui a momenti)io ero spompato contento frastornato e felice era stato divino….POI tornai sul pianerottolo delle scale chiusi la porta e suonai il campanello mi venne ad aprire il primario e io gli dissi ecco i guanti mi dispiace che vi ho fatto aspettare e lui con un sorrisetto mi rispose sa abbiamo dovuto visitarla cosi SENZA GUANTI A MALINCUORE sa la SIGNORA ERA SUDATA E RISCHIAVA DI RAFFREDDARSI ma i guanti serviranno per la prossima volta ho intenzione di tenere sotto controllo un neo che non mi piace affatto ma per ora e tutto a posto e sua moglie e’ stata molto collaborativa a dimenticavo vorrei vederla in ospedale le faro sapere io quando poiche dovrebbe venire dal sud africa un mio carissimo collega luminare in questo campo sempre se la signora vuole sottoporsi a visita , e LA MIA PUTTANELLA CHE NEL FRATTEMPO ERA USCITA DAL BAGNO MI DISSE CERTO CHE VOGLIO NON VOGLIO SOTTOVALUTARE NULLA SINO CHE E’ TUTTO SISTEMATO. LA SERA a casa dopo cena non faceva altro che lodare quei due maiali e poi di colpo mi disse che a forza di palpeggiamenti che gli facevano quei due aveva una voglia tremenda di scopare…FORSE COMINCIAVA A IMMAGGINARE CHE IO SAPEVO? MAAH

Autore:
birillo 66

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (66 voti, media: 3,79 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: