FOLLE LIBIDINE



Ho voglia di cazzo, sono in fiamme, ho un folle desiderio di cazzo, sento il sangue al basso ventre che scorre, sale dalle grandi labbra lo sento nella vagina, sento i muscoli del canale pulsare, battere, mi causano dei brividi delle scosse elettriche che dalla schiena raggiungono il cervello, voglio essere catturata, scopata, posseduta dal volere di un maschio a suo piacimento, a suo comando.

Mi sono destata da un breve quanto agitato dormiveglia animato da un sogno incredibile, tanti cazzi mi penetravano uno dopo l’altro, erano belli, grossi, turgidi, entravano, entravano senza mai uscire, sentivo solo il piacere della penetrazione, mi riempivano, non finivano mai. Ora sono sveglia, con un lago fra le gambe e tanta voglia di cazzo, ho voglia di farmi sbattere con forza, con violenza da qualcuno che ne sia capace, qualcuno che non sia quello stronzo egoista di mio marito che sta russando qui accanto, è a causa sua se mi trovo in questo stato, ha iniziato mezz’ora fa subito dopo aver pranzato al ristorante dell’hotel qui a Djerba, saliti in camera mi spinge sul letto, mi stuzzica,  mi strizza i seni, mi stimola il clitoride, spalma sul mio culo del gel lubrificante,  incunea le sue dita nel buco per adattarlo alla penetrazione e subito dopo irrompe col suo cazzo,  ha incominciato a muoversi scompostamente e dopo appena qualche colpo ha riversato il suo sperma nel mio intestino, ha sfilato il suo uccello, si è girato dall’altra parte e ha iniziato a russare lasciandomi inappagata e insoddisfatta, e con  questa voglia addosso. Vaffanculo! Mi alzo, faccio una veloce doccia che mi rinfresca solo esternamente lasciando inalterata la bramosia che mi tormenta, indosso un minuscolo tanga e un reggiseno talmente piccolo e leggero che non può reggere nulla, anzi è il mio seno a sorreggerlo, mi allaccio in vita un trasparente pareo e  corro in spiaggia con la mia voglia di cazzo. Lascio l’aria condizionata della camera, attraverso il giardino con piscina dell’albergo arrivo in spiaggia e mi siedo, infoiata come una cagna in calore, su una poltroncina sotto un ombrellone.

Vuoi vivere un’avventura come quella in questo racconto erotico? Da oggi puoi, grazie la community di iraccontierotici.it.
>> Trova il partner per realizzare la tua fantasia.

Sono le prime ore del pomeriggio fa un caldo infernale e in spiaggia c’è pochissima gente, c’è qualche bagnante in acqua e sotto l’ombrellone di fronte tre atletici e aitanti tedeschi. Mi guardano con insistenza, ricambio le occhiate e sorrido con aria sbarazzina, mi alzo mi giro di spalle, tolgo il pareo e il reggiseno li appendo ad una stecca dell’ombrellone e mi risiedo,  poggio un tallone del piede destro sul sedile della poltrona e  spingo avanti il culo fino a toccarlo mettendo in bella mostra il sottile triangolino di stoffa del tanga che pretende, senza riuscirci molto bene, di contenere la mia sempre più vibrante passerina.

I ragazzi di fronte mi osservano  e  si danno di gomito a vicenda, io mi mostro serena e fingo di non accorgermi dove sono diretti i loro sguardi, ricambio i sorrisi che il più intraprendente dei tre mi rivolge con insistenza e, incoraggiato dal mio atteggiamento, poco dopo si avvicina, mi dice qualcosa in tedesco che non capisco, gli regalo un provocante sorriso, mi alzo e gesticolando gli  faccio capire  che vado a tuffarmi e mi avvio verso il mare girandomi un paio di volte a guardarlo come ad invitarlo a seguirmi. Corro sulla sabbia bollente e mi tuffo nell’ acqua bassa e calda, anche lui si è tuffato quasi insieme a me, vado avanti  mi fermo dove l’acqua mi arriva appena sopra i seni aspetto che si avvicini e inizio a schizzarlo scherzosamente, lo fa anche lui con tanta foga che involontariamente con la mano mi sfiora un capezzolo, io con un’espressine fra il corrucciato e il  divertito fingo di scappare e senza farlo notare

 tiro il tanga in alto sul davanti  in modo che il filo posteriore scenda dalle natiche ed entri fra le carnose grandi labbra lasciandole scoperte, mi  lascio  andare in acqua  nuotando nello stile rana,  lui mi segue e nuota appena dietro di me quasi attaccato al mio culo ammirando  lo spettacolo della mia topina nuda che sfoggio sfacciatamente nuotando in quello stile che mi obbliga ad aprire e richiudere ripetutamente le gambe, questa esibizione mi eccita forse tanto quanto lui. Sono stanca, mi fermo e poggio i piedi sulla rena, si ferma anche lui, è alle mie spalle e da dietro mi afferra i seni  si attacca alla mia schiena mi sfiora il collo con le labbra e spingendo i fianchi sul mio culo mi fa sentire la sua erezione, mi lascio fare senza opporre resistenza anzi con le mie schiaccio le sue mani sui miei seni, diventa più audace mi strizza i capezzoli poi mentre mi sta mordicchiando l’orecchio porto le mie mani dietro la schiena le faccio entrare dall’alto nel suo costume e con entrambe afferro  il suo turgido e ragguardevole cazzo, restiamo così per un po’ a stringere e muovere le mani ognuno sulla propria presa, poi mi giro di fronte a lui e senza mollare con la mano destra la mia preda,  con la sinistra gli abbasso il costume, gli libero il cazzo, sposto lateralmente il filo del mio tanga, mi afferro al suo collo, mi sollevo sulla punta dei piedi, spingo la mia lingua nella sua bocca,  apro le gambe  porto la figa sul dorso di  quella dura verga e inizio a sfregaci sopra il mio clitoride con un lento e leggero movimento favorito dall’acqua, sono in paradiso. Lui per un po’ subisce la mia iniziativa poi mi afferra le natiche mi solleva, avvinghio con le gambe i sui fianchi e mi lascio impalare abbandonandomi a quella gradevole e deliziosa penetrazione subacquea resa agevole dagli abbondanti umori che sto emettendo da parecchio tempo, mi impegno in un passionale sali-scendi, poi lascio il suo collo e mi adagio con la schiena sull’acqua lui mi tiene in alto sui fianchi e accelera il ritmo. Prima che eiaculi appoggio le mie gambe sul suo petto e con una spinta violenta che lo fa cadere in acqua mi stacco da lui e nuoto verso riva lasciandolo incredulo e stupito. Sono anch’io stupita dal mio gesto, non so cosa voglio so solo che così non mi va è poco, troppo poco, desidero qualcosa di più, qualcosa di più forte, qualcosa che mi lasci senza fiato, qualcosa che stimoli ed ecciti al massimo la mia libidinosa fantasia.

Nuoto fino alla riva esco dall’acqua e corro, aggiustandomi il tanga fra le gambe, fino all’ombrellone lasciando sobbalzare i miei seni allietando la vista degli altri due maschi tedeschi che dopo aver assistito alla mia performance con il loro amico mi guardano con occhi allupati. Uno dei due, dopo che mi sono seduta, mi grida qualcosa in tedesco, ma non capisco, si avvicina e dice “do you speak english?” “yes enough” e finalmente si può comunicare; mi chiede il nome, e io “Anais” , dice di chiamarsi  Ubald e mi chiede del suo amico Leon e  del  perché  è rimasto in acqua, dico che non lo so e aggiungo ridendo che forse sta rinfrescando i suoi bassi istinti, chiama il terzo che si avvicina e me lo presenta Heinrich, vengono da Stoccarda, alloggiano in uno dei bungalow dell’ albergo, mi  lusinga con complimenti  per il mio tonico e bellissimo fisico, chiede ammirato del piccolo tatuaggio a forma di coloratissima farfalla che ho all’interno dell’attaccatura della coscia destra vicino all’inguine invidiando scherzosamente colui che lo ha praticato e rimanendo deluso quando ha saputo che era una donna, “however lesbian!”  ho aggiunto con un sorriso malizioso e giù tutti a ridere; mi lamento del caldo, dico che a quell’ora non si può stare in spiaggia, che sarebbe meglio l’aria condizionata delle nostre camere, lui conferma e dopo aver scambiato alcune parole in tedesco con l’amico mi invita a bere una birra tutti insieme nel loro bungalow, accetto volentieri, indosso il reggiseno e il pareo e stiamo per andare quando vediamo arrivare Leon che avvicinatosi mi scruta con uno sguardo truce, gli sorrido, mi attacco al suo collo e schiocco un rumoroso bacio sulle sue labbra, lo prendo per mano e ci incamminiamo.

Il bungalow è composto di due stanze e un ampio bagno, mi siedo tra Ubald e Leon su uno dei letti mentre Heinrich armeggia con le lattine di birra. Leon è ancora infoiato, mi accarezza la schiena, i fianchi, le natiche, Ubald mi chiede di togliere il pareo e il reggiseno come se fossi in spiaggia, acconsento con un complice sorriso, mi alzo, tolgo il pareo, tolgo il reggiseno e restano stupiti quando caduto il pezzo di stoffa dai seni mi sfilo il tanga e così nuda torno a sedermi tra loro. Leon si impossessa di un seno, lo palpa, lo succhia, anche Ubald mi palpeggia prima un seno, quello lasciato libero da Leon, poi sposta la mano sulla coscia vuole toccare la farfallina tatuata lo assecondo allargo leggermente le gambe e mi sdraio con Leon addosso e la sua lingua in gola mentre Ubald  dopo aver sfiorato con le dita  il tatuaggio sposta la mano sull’altra farfallina a carezzare prima le grandi poi le piccole labbra fino a titillarmi il clitoride, inizio a gemere, la faccenda mi piace, mi eccita sentire più mani sul mio corpo e ne sento altre due che forzano le mie gambe ad aprirsi di più, è Heinrich in ginocchio davanti a me che mi apre le cosce avvicina la testa, sposta la mano di Ubald e inizia a leccare la farfalla che il suo amico stava titillando. Mi perdo, mi lascio andare, sento che è questa la situazione che cercavo, quella che può colmare il vuoto che sentivo poco fa quando ho lasciato la mia camera. Heinrich è bravo con la lingua non si sofferma molto sul clitoride, la fa vibrare su tutta la lunghezza della vulva per poi scendere a leccare l’ano per poi risalire ancora, mentre gli altri due mi torturano con la bocca i capezzoli, con un dito, che dall’ampiezza immagino il pollice, Heinrich viola prima la vagina ridotta ormai ad un pantano e poi  lo introduce profondamente nel mio culo muovendolo con un senso rotatorio che mi fa impazzire e urlare di piacere.

Si spogliano uno alla volta, prima Leon e appena è nudo, sposta Ubald che si denuda anche lui, si mette a cavalcioni sul mio petto e prendendomi per la nuca mi infila il suo cazzo in bocca e coita come fosse in una vagina. Heinrich si è fermato, forse per spogliarsi, ma la farfallina non viene abbandonata Ubald si è incuneato fra le mie gambe, le solleva e in un sol colpo mi penetra mi riempie mi occlude mi colma. Cazzo quella penetrazione da sola mi fa godere e godo, godo, godo,  lui spinge, mi maltratta con colpi violenti come se ognuno fosse l’ultimo e voglio  urlare e voglio gridare e vengo, vengo, vengo, si ferma, lascia il posto a Heinrich che lo occupa solo per il tempo che basta per bagnarsi dei miei umori poi alza più in alto le mie gambe e mi squarcia lo sfintere, si blocca aspetta che l’ano si adatti, si rilassi per poi riprendere la profanazione con colpi prima leggeri e poi via via sempre più violenti e profondi che mi portano ad un esaltante orgasmo anale, a un tripudio di inebrianti sensazioni, dopo il mio orgasmo Heinrich abbandona le natiche, mi spostano, Leon che si è sdraiato vuole che mi impali sul suo uccello, lo scavalco e mi infilzo verticalmente col suo palo, Ubald da dietro mi spinge sul petto dell’amico, so cosa vuol fare, punta il suo membro e mi sodomizza mentre Heinrich mi alza la testa e me lo dà da succhiare, sono colma con tre cazzi nel mio corpo sono all’acme del godimento, ora voglio essere riempita, voglio sentirli godere, voglio essere riempita dal loro sperma fino a traboccarne, vengono, prima Leon che mi sazia l’utero poi Heinrich e cerco di berlo tutto senza riuscirci anche perché Ubald da dietro continua ad incularmi  assestandomi gli ultimi  colpi violenti che lo portano all’orgasmo. Sono pienamente appagata, i maschi sono sgusciati esausti dal mio corpo, Heinrich ha portato le birre che aveva aperto prima che iniziasse la giostra, abbiamo dato fondo alle lattine, ho fatto una veloce doccia, li ho salutati dicendo a Ubald “we will see there again” e sono andata a cercare mio marito. Lo trovo al bar della piscina, mi guarda con aria interrogativa e gli dico che ho fatto un lungo bagno in mare, e lui, scusandosi per essersi addormentato subito dopo l’amplesso, mi chiede se fossi comunque rimasta soddisfatta della sua prestazione, l’ho tranquillizzato dicendogli che era stato bellissimo, che quel pomeriggio avevo goduto molto intensamente come non succedeva  da parecchio tempo, mi sorride felice e mi chiede cosa prendo da bere, ordino, sono raggiante, la giostra ha appena iniziato a girare e la vacanza non finirà presto.



Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (28 voti, media: 3,21 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: