Feticista di piedi mercenari

Luca è  un feticista dei piedi attivo, attivissimo. Tra tanti piedi che lo stuzzicano, sceglie sempre i più sfacciatamente professionisti. Quelli che accettano di lavorare di buona lena secondo i suoi capricci del momento, da saziare dietro somme da capogiro…

E’ un ‘piedofilo’ ricco  e certi lussi può permetterseli.

Ne chiama tre, di mignotte, perché certe sere di piedi da assaggiare ne vuole tanti…

Secondo i Tarocchi erotici la Luna, con la sua luce fredda, è simbolo del feticismo, teatro degli inganni. Ma per quelli come Luca, indurirsi davanti a un bel paio di piedi femminili non è un miraggio, è realtà viva, un momento di verità difficile da sostituire. Il suo cazzo reagisce meglio, in modo diverso rispetto alla classica scopata. Altro che illusione…

Luca ne ha chiamate tre, di puttane: Ursula, Monica e Juli.

“Allora, che si fa?  Ci vuoi una alla volta o…?” chiede sbrigativa Ursula. Lei è la più esperta, matura, quella con i piedi più curati e arcuati.

“Sei pure carino. Dai, decidi…” cerca di concludere la più gentile, Monica.

“Togliti le scarpe, sgualdrina…” risponde arrogante lui, il cliente che ha pagato in anticipo e che vuole il meglio del loro menù da mestieranti. Si perde in quelle oscenità arcuate, calde e arroganti.

“Senti come s’è intostato…” fa lui sentendo ridacchiare la più esperta. Il feticista ‘incallito’ sogna che sia quel piede curatissimo e sfacciato a ridere al suo posto, come una creatura a sé, autonoma e libera da quella puttana della proprietaria.

Lui ignora i corpi. Lingua e occhi reagiscono allo stimolo del piede che strofina sul suo uccello sudato.

“Prendimi, te la darei pure gratis…” Monica lo dice sul serio, quel tipo le piace da matti.

Luca guarda la fica come un oggetto estraneo, lontano. Le tre squillo non riescono a crederci. Da brave mestieranti, non mollano l’osso e una di loro lo attacca sotto. Si affidano al loro potere mandibolare e mandano giù il bel rospo carnoso, a turno.

Una di loro si fa leccare. Le piace quello strano cliente.

“Dimmi che mi fotterai per prima…”.

Il ‘piedofilo’ non le risponde neanche e sogna i suoi piedi smaltati. Chiude gli occhi e pensa di slappare un alluce. La fa diventare matta. Un tappeto di lingua regala colpetti a una sorca spazientita. Ipnotizzate da quel serpente, le altre due virago continuano a lavorare sodo di bocca e i commenti sul “bel cazzone” si sprecano.

La bionda dalla fica insalivata si unisce al banchetto. “Fatemi annusare, fatemi gustare…”. Lecca la fregna amica e, proprio mentre si dimentica del feticista… Zac!

Luca s’è stancato di sentirle cinguettare. Attricette del cazzo… Sfonda con un colpo solo la prima che gli capita a tiro.

“Apri bene e fammi sfogare, che da qui vedo due piedi da porca. Vaiii!” urla il puttaniere mentre la sua serva farcita diventa viola in faccia.

Vogliose di cazzo che non arriva, le altre due si consolano volentieri lesbicando a colpi di lingua e fiato caldo. Il feticista infila una fregna ignota andandoci pesante con le parole:

“Apri le cosce e fatti inchiodare bene, che poi ti pago… troia…” e, intanto, fissa ipnotizzato il suo piede teso e arcuato, che reagisce vispo ad ogni colpo di reni.

Fotte la mercenaria che urina essenza di donna, precipita nel climax aggrappandosi forte alle palle. Si blocca e gli strozza il paletto contraendosi in una serie di spasmi orgasmici.

Lui vuole più della bocca, della fica e del culo. Pretende conforto dai sei piedi puntati sul suo corpo. Schizza così, scrutando piedi che ridanno un volto a tutte le donne che incontra. Tentacoli curvati… estremità cazzoidi… smaltate, curate, vive… su di lui.

“Su di me… su di me…Aaaahhhh…”. Si gode la pianta e il battistrada, tallone e collo nervoso.

Le donne sorridono, assecondano e basta.

“Nessuna capirà mai…  la bontà di un piede al servizio del cazzo. Mai!” urla sborrando a lunghe ondate sui suoi feticci.

Le liquida, tutt’e tre, subito dopo l’orgasmo.

Torna solo e incompreso, rassegnato a dover sfuggire di continuo all’insensibilità femminile….

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: