Capitano, mio capitano

Questo mio primo racconto gay è interamente frutto della mia fantasia. Può anche darsi che non abbia un senso logico, ma raccontare di un dotato capitano-allenatore che è anche direttore di un’orgia gay dentro gli spogliatoi di uno stadio, raramente ha un senso. Appassionati di calcio, calcetto e roba varia, non me ne vogliate se “distruggo” un vostro mito, pertanto. Accetto suggerimenti per migliorare e continuare questa storia. Un cordiale abbraccio e l’augurio di una buona lettura per tutti. Japu75.

Era una bella sera di fine luglio, calda ma non troppo, quando il mio cellulare suonò con insistenza, mentre mi godevo un bel porno nella mia stanza. Interruppi, non senza lamentarmi, la visione beatifica e il lavoretto sui miei venti allegri, e risposi. Era il mio prof di educazione fisica che, molto felice, mi partecipava che ero stato ammesso nelle giovanili della squadra calcistica del B***. Praticamente quella sera realizzavo il sogno di ogni diciottenne, pronto ad affrontare il mondo, così come quell’ultimo anno di liceo che sarebbe iniziato da lì a poco.

Il prof, insegnante di lungo corso e di grande esperienza, mi aveva quasi costretto a fare quel provino ad aprile, a B***. Aveva visto in me quel qualcosa in più per staccarmi dalla squadretta della scuola e per farmi giocare in una squadra vera, in un vero campionato, guadagnando anche qualcosina. L’indomani, insieme a lui, sarei dovuto andare a firmare il mio primo contratto, conoscere gli altri compagni e l’allenatore. Chiusa la conversazione, con l’eccitazione a mille, schizzai con forza il mio seme sul lenzuolo e mi buttai subito verso il bagno, sotto la doccia, pensando al domani calcistico.

Puntuale, il mio prof venne a prendermi fino a casa. Salutò cordialmente mia madre e le spiegò che anche lui era molto felice per questo successo. Soltanto un’altra volta, nella sua carriera, il B*** aveva accettato un suo studente tra le giovanili, e questo avvenne una quindicina d’anni prima. Il suo studente calciatore di quel tempo era Flavio Corneli, quel Flavio Corneli che poi si contesero diverse squadre di serie A. Ora quel sogno stava capitando a me.

Arrivati a B*** avevo il cuore che batteva come il motore della motozappa di nonno Aurelio. Il presidente ci accolse nel suo ufficio, abbracciando il mio prof e stringendomi la mano.
“Tu allora dici che questo ragazzo è bravo come Corneli?”

“Bravo come Corneli?” – gli fece eco il mio prof, “Molto di più! Chiedilo a Rossetti che lo ha visto giocare!”

“Rossetti mi ha detto che sarei stato uno scemo a non ingaggiarlo subito. In quella partita in cui è venuto ha segnato due reti fantastiche”.

Ritengo si riferisse all’incontro con il liceo scientifico “Galilei” di P***, dove abbiamo vinto per 6 a 1 e io ho segnato una doppietta.

“Ragazzo”, disse rivolto a me, “qui avrai un grande futuro”.

Così mi mise un bel malloppino di carte davanti e una penna, indicandomi dove dovevo firmare. Mi avrebbero dato € 5.000 a stagione. Per me che non avevo mai guadagnato quei soldini, era molto buono. Poi giocare nel B***… cazzo, l’avrei fatto anche gratis!

“Ma 5.000 sono davvero pochi!”, esclamò il mio prof. “Il ragazzo vale molto di più!”

“Cominciamo con questi e con questo contratto annuale. Se le cose andranno bene allora alla prossima stagione potremo salire. Beppe, firma pure tu. Sei il suo procuratore, ormai”.

“Procuratore senza portafoglio…”, esclamò e sorrise.

 

Liberatomi dalle formalità, un giovane mi guidò a conoscere la squadra, che era in riunione tecnica. Gli occhi di una ventina di ragazzi mi si appiccicarono addosso quando entrai dalla porta.

“Tu devi essere R***”, esclamò l’allenatore, venendomi all’incontro. “Benvenuto con noi!” disse, stringendomi con forza la mano. Poteva avere una trentina d’anni, era più alto di 1,90, con un corpo molto asciutto e molto scolpito che si intravedeva dalla t-shirt e dai pantaloncini dei colori della squadra. Biondo scuro, occhi azzurro ghiaccio ed era abbronzato – beato lui – per chissà quanti giorni passati a mare.

“Così ora siamo al completo. Avevamo bisogno di un rinforzo in attacco”, diceva lui agli altri, mentre io mi sedevo nell’unica sedia vuota in seconda fila, accanto ad un ventenne biondino che mi sorrise e un brufoloso che neanche mi degnò di uno sguardo.

Il mister, in breve, terminò il suo discorso, chiedendo a tutti il massimo impegno perché il B*** era stato appena promosso nella prima categoria e potevamo rischiare di far male, ma se fossero stati mantenuti tutti gli impegni e tutti gli sforzi, così come l’anno passato, i risultati non sarebbero mancati. Il novellino ero soltanto io, a quanto pare, per questo il mister mi chiamò, mentre tutti gli altri stavano recandosi nella stanza a fianco per un rinfresco.

“Tu sei nuovo e voglio avvisarti subito. Qui non si tollerano errori, tutti devono dare il massimo di loro stessi. Chi non dà il massimo in campo, se la deve vedere con me… – e toccandosi vistosamente, aggiunse: “E con lui…”.

Così su due piedi non afferrai il concetto. Concetto che mi diverrà chiaro già dalla prima partita: la squadra tutta, titolari e riserve, al termine della partita, nello spogliatoio, delibera chi è stato il peggiore giocatore in campo. Questi, sotto la doccia, le prende. Non parlo di botte, ma viene inculato dal mister, che è anche capitano e giocatore in campo. Tutti gli altri, dopo che il malcapitato ha soddisfatto le sue voglie insaziabili, possono sborrargli addosso, perché la punizione avviene sotto gli occhi di tutti. Inoltre, il cazzo del migliore in campo, sempre secondo tutta la squadra, prende posto nella bocca del peggiore, mentre il capitano impartiva la “punizione”. Nonostante la brutalità del metodo, i risultati erano visibili, perché nessuno voleva ricevere i 26 cm, con diametro molto ampio, che il capitano-mister aveva in dotazione.

 

Già con i primi di agosto, intensificati gli allenamenti, arrivò la prima partita per la coppa regionale, e io fui messo in panchina per tutto l’incontro. Da lì ho potuto vedere come il capitano-mister era sempre presente per sistemare ogni cosa e di supporto continuo alla squadra tutta, dalla difesa all’attacco. Un trentenne che metteva sotto gamba ogni ventenne e ogni diciottenne presente, con una preparazione tecnica formidabile ed impeccabile. Vincemmo. 3-0. Un ottimo risultato iniziale che lasciava ben sperare. Non fu così dentro lo spogliatoio. Tutta l’incazzatura del nostro capitano venne fuori in urla scomposte contro un centrocampo che faceva acqua. Effettivamente… ora che mi ci ha fatto pensare… in particolare Luca non aveva neanche sfiorato un pallone in 90 minuti.

“Per oggi basta urlare. Ho bisogno del mio culetto”, disse il capitano-mister, togliendosi la maglia sudata e scoprendo un corpo eccezionalmente tornito di muscoli. Anche gli altri si tolsero le magliette. Di chi era in panchina, come me, non si mosse nessuno. Segno che non dovevo spogliarmi.

“La doccia la facciamo tutti”, disse brusco rivolgendosi a noi, “quindi spogliatevi anche voi”. Silenziosamente obbedemmo.

“Il più bravo…?”, disse, guardandoci tutti in faccia.

“Alex”, disse serenamente il brufoloso, che rispondeva al nome di Carlo.

Una serie di “Si”, “Confermo”, “Ok” confermò che il migliore era stato Alex, ventunenne, castano con gli occhi verdi, uno splendido fisico e un bravissimo attaccante, che aveva anche segnato in quella partita.

“Alex, chi è stato il peggiore per te?”, domandò il capitano.

Alex guardò subito Luca, aggiungendo un secondo dopo il suo nome.

“Mario?”, chiese allora il capitano, “a chi pensi?”

“A Luca”, rispose Mario che era davanti a me.

“Quello nuovo. Tu, dalla panchina, chi è stato il peggiore?”, mi chiese. Tutti si girarono verso me. Diventai subito rosso.

“Ehm… Luca non mi sembra fosse in partita oggi…”, farfugliai.

“Bene. Grazie”, riprese il capitano, appoggiando un braccio al collo di Luca, già seminudo, e con lo sguardo fisso per terra.

“Scusate… Colpa mia…”, disse, mortificato.

“Se non te la sentivi di giocare, dovevi dirlo prima, come ha fatto Johnny”, replicò il capitano. Dopo qualche istante di silenzio gli disse piano: “Vai a metterti la crema, non voglio farti male come l’altra volta”.

Luca prese un tubetto di vasellina dall’armadietto dei medicinali e se ne mise una buona quantità nella mano, massaggiandosi poi il buchetto.

Lentamente andammo tutti nella stanza delle docce, uno stanzone con in fondo una decina di bocchette d’acqua. Gli asciugamani per tutti erano già pronti su tre sedie all’ingresso. Chi era ancora vestito buttò gli indumenti in un angolo e subito si entrò in doccia. La doccia del capitano era quella centrale. In quel preciso istante, vidi il capitano nudo, con quell’attrezzo gigante in mezzo le gambe. Sembrava di vedere dal vivo il cazzo di Doc Johnson dei film porno. Senza indossare alcun profilattico, il capitano puntò il cazzo contro il culo di Luca, già piegato e intento ad annusare i 21 cm di Alex. Alcuni avevano già cominciato a masturbarsi.

Con un solo “Ooooh” di Luca, il capitano era già tutto dentro e iniziava a muoversi, sotto lo scroscio dell’acqua tiepida, appoggiando una mano sulle natiche. Luca, per non lamentarsi, prese in bocca il cazzo di Alex e i movimenti del capitano servivano anche a Luca per spompinare al meglio Alex.

A fianco a me, Luigi mi sussurrò: “Uè, ma perché sei così rosso in faccia?”

“Eh?”, risposi io, girandomi di scatto. Luigi era un diciannovenne dai lineamenti molto delicati. Era di L***, il paese vicino al mio, e lo avevo visto qualche volta in giro nei locali della movida.

“Ssss… stai tranquillo”, mi rassicurò, mentre muoveva dolcemente la sua mano sul suo bel cazzetto dritto.

“E’ nuovo ancora…”, rispose Mario che era alla mia destra, “facciamolo ambientare noi”.

E fu così che mi ritrovai in mezzo tra Luigi, che mi abbracciava e mi baciava sulle labbra e Mario che prese il mio cazzo e cominciò a farmi una sega.

“Bene, ragazzi… così”, approvò il capitano, rivolto verso Luigi e Mario, mentre tutti gli altri chi si baciava, chi si masturbava, chi masturbava il vicino.

Dopo una decina di minuti di acqua calda, mormorii di piacere e scene di sesso, il capitano emise un suono gutturale intenso e si irrigidì, tutto piantato dentro Luca. Era segno che era venuto. Dopo un attimo, anche Alex sborrò nella bocca di Luca. Rivoli di sperma uscirono dalla sua bocca e anche dal suo culo, dal quale il capitano si era già ritratto ed era intento a sciacquarsi per bene. Luca si accasciò per terra, spossato. In un attimo, quattro compagni gli erano attorno e, con mugolii di piacere, gli gettarono addosso tutto il loro seme, via via lasciando spazio agli altri.

“Ci sei? Io vado”, mi disse allora Luigi. Lo seguii silenziosamente e mi ritrovai davanti a Luca. Ormai ero con il cazzo troppo infoiato per non fermarmi e anche io gli sborrai addosso, colpendolo in piena faccia, sull’occhio sinistro.

“Bravo!”, mi disse il capitano, passando dietro di me e dandomi un buffetto sul sedere. Lo guardai e lui mi sorrise. Anche io sorrisi. Ero in squadra.

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, media: 3,33 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: