Birra con Manuela

Ero in compagnia di Manuela, una ragazza  con la quale sono cresciuto insieme, sin dall`asilo. Avevamo fatto le elementari, le medie, il liceo e ora eravamo insieme all`universita`. Per me era come una sorella, anche se spesso e volentieri mi sono lasciato andare in pensieri erotici. Manuela era bellissima, alta con i capelli castani, occhi grandi e marroni e un corpo che poteva far eccitare chiunque. Avevo visto Manuela seminuda diverse volte, durante uno shopping e anche al mare.

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Una sera eravamo in un parchetto, non lontano dall`universita`. Intorno a noi regnava il totale silenzio. Sorseggiavamo birra, mentre lei mi parlava di un ragazzo che le piaceva tanto. Eravamo arrivati alla lattina numero 4 ed entrambi eravamo abbastanza “allegri”. Mentre lei mi parlava, nella mia mente, un filmino porno era in atto, con noi due come protagonisti. Ancora non so cosa mi abbia spinto, ma ricordo che improvvisamente la guardai e le chiesi in tutta tranquillita` ” Me lo fai un pompino? “. Ero sicuro che sarebbe andata via, perdonandomi solamente perche`forse eravamo entrambi ubriachi. La sua reazione invece, mi lascio`di stucco. Manuela mi sorrise, mordendosi il labbro e lascio`scivolare le sue mani tra le mie gambe, strizzandomi il cazzo. Nel piu`assoluto silenzio, Manuela si mise in ginocchio, guardandomi negli occhi, mentre con le mani, cercava di slacciarmi i jeans. Mi abbasso`il jeans e la mutanda insieme, liberando il mio cazzo che era diventato duro e dritto.

Non ci potevo credere. Stavo per farmi fare un meraviglioso pompino da Manuela, la ragazza piu`desiderata dell`universita`. Con i suoi occhi fissi sui miei, Manuela poso`le sue labbra sulla mia cappella, lasciandola scivolare nella sua bocca. Sentivo le sue labbra scivolare giu`sul tronco del mio cazzo, fino a quando non era tutto dentro la sua bocca. Ero molto eccitato e senza troppi pensieri, infilai la mano dentro la sua maglietta, per strizzarle le tette. La sua testa saliva e scendeva, succhiandomi il cazzo con avidita`e passione. Gemeva e cio`mi eccitava ancora di piu`. Mentre continuava a succhiarmi il cazzo, le chiesi se potevo scoparle il culo. Inizialmente lei continuava a succhiarmi il cazzo, mentre la sua mano era infilata nel suo pantalone e si masturbava ferocemente. Sollevo`la testa, guardandomi con un sorriso malizioso, mentre con un balletto sensuale, si stava abbassando i pantaloni. Si muoveva in modo eccitante e le mie mani, si muovevano sulle sue gambe e su i suoi fianchi, mentre il pantalone scendeva, con la mutandina.

Era un sogno. Manuela mi aveva appena succhiato il cazzo e ora si stava spogliando per ospitare il mio cazzo tra le sue chiappe da urlo. Si giro`, mostrandomi il suo culo, morbido e perfetto. Presi entrambe le chiappe con le mani e le strizzai, le massaggiai e la sculacciai, lacerando il silenzio con il suo gemere sottile ed eccitante. Mi alzai, mettendo Manuela a pecora, facendo scivolare il mio cazzo tra le sue chiappe, masturbandolo con il suo culo. Poi con una spinta secca, la mia cappella entro`dentro il buco del suo culo, cosi`stretto e caldo. Manuela gemeva sempre piu`forte, mentre il mio cazzo continuava a penetrarle il culo. Con le mani ben salde sui suoi fianchi, cominciai a sbattere il mio corpo contro il suo, sbattendo il mio cazzo dentro il suo culo con violenza. Entrava e usciva, con le palle che andavano contro la sua figa. Ero eccitato al massimo, incredulo di inculare Manuela, in un parco vicino all`universita`.

Sentivo che ero vicino e che i miei muscoli divennero sempre piu`rigidi, quando un`esplosione di calda sborra, si libero`nel suo culo, riempendola di caldo seme, mentre il mio cazzo pulsava dentro di lei. Manuela gemeva e urlava, mentre io godevo dentro il suo culo, muovendo il mio cazzo lentamente, fino a quando non era cosi`moscio, da scivolare fuori il buco del suo culo allargato. Manuela si giro`e diede un bacio sulla punta del mio cazzo moscio, prima di risedersi e proporre un brindisi, con le gelide birre che ci eravamo portati.

racconti erotici banner

Vuoi realizzare la tua fantasia erotica? Incontra persone con le tue stesse fantasie!

ISCRIVITI GRATIS

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (49 voti, media: 3,33 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: