AMORE GIOVANE 1



Apro gli occhi e guardo l’ora, sono le sei del mattino di sabato e Fabio sta lentamente scivolando nel mio letto con molta circospezione per non far alcun rumore e non svegliare mia sorella che dorme nella camera adiacente la mia. Lo stavo aspettando, son già eccitato e il mio cazzo è eretto e vigile.

Sono nudo così come lo è lui.

Sento la sua erezione nel solco del mio sedere, è molto eccitante, mi lubrifica il buco con un dito che mi penetra in un movimento entra esci delizioso. Appoggia poi la sua cappella puntando l’ano e spingendo molto lentamente, c’è un po’ di resistenza (ho un sussulto) ma in poco tempo penetra il mio culo come una lama calda di un coltello, nel burro. Il suo cazzo nonostante i 14 anni è notevole e mi riempie nel modo giusto procurandomi un grande piacere e nessun dolore.

Vuoi vivere un’avventura come quella in questo racconto erotico? Da oggi puoi, grazie la community di iraccontierotici.it.
>> Trova il partner per realizzare la tua fantasia.

Mi circonda il petto con le braccia mentre si muove, inculandomi, delicatamente. Il mio cazzo è sempre più duro ed il mio piacere alle stelle. Mi inarco spingendo il sedere più in fuori per permettergli una penetrazione molto profonda. Mi accorgo che sta venendo ed inizia a farmi un succhiotto sul collo per soffocare i gemiti. Si muove un po’ più veloce adesso, e dopo alcuni secondi viene ansimando e schizzandomi nel sedere una quantità di sborra incredibile. Come in un clistere sento il liquido caldo che mi inonda le viscere. Ho un sussulto di piacere ma mi trattengo dal venire per aspettare le sue deliziose attenzioni.

Previdentemente mi sono dotato di due fazzoletti carta, uno per lui, visto che il suo cazzo sarà sicuramente sporco dato che la cacca io la faccio al mattino appena alzato, e l’altro per me al fine ti tamponare la fuoriuscita di sperma dal mio culetto ed evitare così di insospettire la mamma sporcando le lenzuola.

Lo guardo e ci baciamo con passione, ci succhiamo la lingua a vicenda accarezzandoci il viso per dimostrarci tutto il nostro trasporto.

Ora è il suo turno, lui sa cosa mi piace e si dedica a succhiarmi i capezzoli masturbandomi lentamente ma con grande efficacia il cazzo. Già sovraeccitato vengo con pochi colpi e gli schizzi sono talmente potenti che i primi tre mi finiscono sul volto e sono subito preda della sua bocca che con avidità mi ripulisce accuratamente. Soddisfatto, dopo avermi nuovamente limonato (lasciandomi così un forte sapore di sperma in bocca) ritorna nel suo letto, di fianco al mio.

Mi chiamo Stefano e Fabio è un mio grande amico, coetaneo, già dalle elementari. Il sesso l’abbiamo scoperto un anno fa. Avevamo tredici anni ed un pomeriggio siamo riusciti a sottrarre a mia mamma la password del “parental control” che bloccava tutti i siti porno nel mio computer. Inutile dirlo che ci siamo fiondati su YouPorn ed in men che non si dica abbiamo visto filmati porno di tutti i generi. Ci siamo eccitati e spogliatici, ci siamo segati a vicenda venendo ben cinque volte. Da quel pomeriggio abbiamo capito che forse si poteva fare anche altro e da lì è iniziata la nostra relazione.

Dopo essermi riaddormentato mi sveglio che sono le 11 di sabato, la casa è silenziosa (mamma e Silvia, mia sorella Sivia di 16 anni, saranno andata a far spese). Fabio sta ancora dormendo, lo lascio e mi fiondo in bagno, devo cagare, il movimento di questa notte mi ha stimolato. Abbasso le mutandine e mi siedo sulla tazza, come tutte le mattine il mio uccello svetta durissimo. E’ più piccolo di quello di Fabio, ma un po’ più lungo.

Spingo forte e la cacca inizia ad uscire. Lo stronzo è grosso e duro, lo sento aprirsi la strada e fare capolino dal buco del sedere. Ancora qualche spinta, il buco si allarga e si tuffa nell’acqua della tazza. Soddisfatto mi alzo e contemplo il mio lavoro, mentre rifletto entra Fabio, saluta con un sorriso e, col cazzo duro che risalta molto bene nelle mutande, incurante della mia cacca, si siede sulla tazza ed inizia anche lui a cagare. Rido e mi fiondo nella doccia. Arriva anche lui poco dopo. Ci baciamo, ci tocchiamo. Io gli infilo il mio dito insaponato nel buco del sedere, lui geme, io mi chino e gli prendo l’uccello in bocca. Mi concentro sulla cappella e gli faccio un gran succhiotto, sta diventando viola, lui urla e viene spruzzandomi tutto lo sperma in gola. Sono felice per come l’ho fatto godere, ma adesso tocca a me venire. La doccia continua a lavare i nostri corpi scivolando su noi, lo giro gli tiro il culetto in fuori, gli insapono l’ano e poi gli infilo il cazzo fino in fondo. Lo sento godere, gli tocco il cazzo e, nonostante sia appena venuto, è nuovamente duro. Spingo forte inculandolo, il suo buco avvolge il mio cazzo come una guaina elastica che mi stimola i punti sensibili dandomi sensazioni sublimi, mi dice “ancora ti prego, più forte”, eseguo e sborro nel suo culo. Avendo il suo uccello in mano sento venire anche lui, il maialino! Lo guardo e mi fa tanta tenerezza, mi ricambia lo sguardo e mi bacia.

Come chiudo la doccia sento che mia madre e mia sorella sono rientrate….panico, avranno sentito qualcosa?

Ci guardiamo negli occhi entrambi spaventati…vabbè tanto lo scopriremo tra un po’.

– Ciao mamma, ciao Silvy – cinguetto io

– Ciao gioia mia – mia mamma

– Ciao sfigato – mia sorella

Pensiero stupendo, non si sono accorte di niente, pertanto non avremo difficoltà a godere uno dell’altro ogni week-end notti comprese.



Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (49 voti, media: 3,61 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Estate 1982Estate 1982 Estate 1982, a 19 anni superata la maturità mi ritrovai solo e senza una meta ove […]
  • Fra maschiFra maschi Dovendomi trasferire temporaneamente a Roma per lavoro decisi di contattare un amico di […]
  • Giochi erotici 2 ( Io, lui e il trans)Giochi erotici 2 ( Io, lui e il trans) Appena arrivata a Berlino, mi fermo in una pizzeria per cenare; All'uscita, dopo […]
  • Nuova VitaNuova Vita Eccomi solo. Mia moglie mi ha lasciato, dopo 30 anni di matrimonio ha trovato un uomo […]