Wild Wednesday

Entrai in camera sfinito, stanco e bagnato fradicio. In tre settimane che ero a Dublino non avevo mai visto un acquazzone del genere e ovviamente me l’ero beccato quel giorno, l’unica volta in cui avevo dimenticato l’ombrello in camera. Con un sospiro di sfinimento appoggiai per terra i sacchetti di Carroll’s e dell’Hard Rock Cafè e mi guardai allo specchio rendendomi conto delle mie condizioni pietose. Con una mano mi ravvivai i capelli gocciolanti d’acqua, tirandomeli all’indietro. Mi sfilai la felpa bagnata e la buttai sul letto, rimanendo solo con la canottiera e i jeans. Distrattamente mi guardai di nuovo allo specchio e rimasi piacevolmente stupito. Dopo mesi di allenamento finalmente ero riuscito a mettere su un buon fisico. Rimasi ancora un istante ancora a guardarmi allo specchio, soddisfatto, cosa piuttosto nuova per me, quando sentii bussare alla porta.
A piedi scalzi, andai ad aprire con un sorriso, trovandomi di fronte una cascata di riccioli castano chiaro che incorniciavano un bel viso da bambina.
Greta mi guardò, scoppiando a ridere vedendomi bagnato fradicio, dicendomi–ma che hai fatto?-

-mi sono fatto Dublino sotto la pioggia, ecco che ho fatto!- le risposi io facendo il finto offeso.

–prendere l’ombrello, no eh?-

-dio come sei molesta, ragazza…- e lei rise ancora di più per quell’aggettivo sdoganato da lei in quella casa e che io ormai dicevo abitualmente senza neanche accorgermene.

–Comunque ero venuta solo per dirti che ceniamo verso le 9, ok?-.

Guardai l’orologio, facendomi due calcoli per il tempo che mi serviva per farmi una doccia con calma. In quei pochi attimi vidi il suo sguardo correre su di me, come se mi valutasse, e dalla luce nei suoi occhi e dal diffuso rossore delle guance mi accorsi che apprezzava quello che vedeva.

–va bene ok, d’accordo…- risposi io –devo solo farmi una doccia-.

La squadrai a mia volta, come avevo fatto tante altre volte nelle ultime tre settimane, e un guizzo ravvivò il mio basso ventre, che da troppo tempo non si divertiva un po’.
Lei si riscosse subito e mi disse con un sorriso –ok, a dopo allora…- e si allontanò verso la sua stanza, due porte più in là. Sorrisi a mia volta e feci per chiudere la porta quando mi accorsi che mentre apriva la sua, Greta non riuscì a non lanciarmi un ultimo sguardo prima di scomparire nella sua stanza.
Mi svestii in fretta ed entrai nella doccia, infilandomi sotto l’acqua bollente. Greta…
Ci eravamo conosciuti tre settimane prima, coinquilini per caso in quel residence per studenti stranieri, insieme ad altri due ragazzi italiani. Mi era piaciuta fin da subito: vent’anni, piccolina, di corporatura minuta, capelli ricci castano chiaro con ciocche bionde e occhi color nocciola, una molto rispettabile seconda di seno e un çuletto piccolo e sodo che parlava e risvegliava in me pensieri proibiti.
Pensieri che mi colsero anche in quel momento, provocandomi un’erezione non indifferente.

Istintivamente mi afferrai il cazzo con una mano, mentre questo si ergeva sempre di più. Mi segai per qualche minuto raggiungendo la mia piena forma di 20 centimetri, pensando a Greta, a quelle tette perfette che si intuivano essere senza reggiseno, a quel suo culetto meraviglioso fasciato dai leggins neri, a quello sguardo interessato soffermato sul mio pacco costretto nei jeans… chiusi gli occhi, respirando velocemente, appoggiandomi con una mano a una parete della doccia, leggermente curvo in avanti, mentre la mia mano scorreva su e giù lungo il mio cazzo in piena forma, la cappella tesa, violacea e pulsante, pronta a esplodere. Immaginai Greta lì, di fronte a me, nuda, la pelle bianchissima cosparsa di efelidi come il viso, i capelli bagnati ridotti a ciocche gocciolanti. La immaginai inginocchiata di fronte a me intenta a succhiarmi il cazzo, la cappella avvolta fra quelle labbra carnose…
Con uno sforzo di volontà mi impedii di andare avanti, trattenendomi dal venire. Respirai profondamente aspettando che l’erezione passasse. Rimasi sotto l’acqua per ancora una decina di minuti e poi uscii dalla doccia.
Per le nove meno cinque entrai in cucina, lavato e profumato, ma ancora scosso dalla tempesta ormonale avuta sotto la doccia. Non era così sorprendente, dopo tutto erano due mesi che non facevo del buon sano sesso.
Trovai solamente Greta in cucina intenta a lavare i piatti nel lavandino rimasti sporchi dal pranzo. Mi offrii subito di aiutarla ma lei rifiutò, aggiungendo con un tono piuttosto piatto che eravamo solo noi due a cena. La guardai in tralice mentre apparecchiavo, capendo che qualcosa non andava.

-Senti, dopo ti va di andare all’Howl?- un locale turistico piuttosto famoso di Dublino –oggi è mercoledì, c’è il Wild Wednesday stasera- sostanzialmente era la sera in cui offrivano qualsiasi cosa, dai cocktails alle pinte di Guinness, a 2.50€ l’uno.

–No guarda Fra, stasera no, mangiamo e poi ho solo voglia di andare a letto e chiudere sta giornata-

-perché? Che è successo?-

-Non mi va di parlarne…-.

Mi avvicinai al suo fianco appoggiandomi di spalle al lavandino –dai sono io… Che è successo? Cos’è Damien ci ha provato con un’altra?-

La mia intenzione era quella di farla ridere, ma dall’occhiataccia che mi lanciò capii che avevo toccato il tasto giusto, anche se nel modo sbagliato.
Damien era un ragazzino svizzero nella stessa classe di Greta, suo coetaneo circa, per il quale Greta si era presa una cotta. Me l’aveva fatto anche conoscere, ma da maschio qual sono l’avevo riconosciuto per quello che era: “quello è un porco” le dissi subito dopo. Il classico ragazzino belloccio con l’abitudine di prendere per il culo le ragazze come Greta confessando chissà quali sentimenti, chiamandole “darling” ecc. al solo scopo di portarsele a letto e poi scaricarle. Lo so, suona un po’ ipocrita detto da me, ma almeno io sono limpido nelle mie intenzioni e non illudo né inganno nessuna.
Feci sparire immediatamente il sorrisetto dal mio volto e la guardai dritta in faccia.
–cosa è successo, Greta?-

Lei scosse la testa –nulla dai… ti basti sapere che avevi ragione, tutto qui… È davvero un porco… Voleva solo una cosa da me, altro che darling…-.

Sospirai, chiudendo gli occhi per un istante –mi dispiace, Greta… Ho cercato di avvertirti…-

-lo so…-.

Un oscuro pensiero mi passò per la testa e sentii la mia voce indurirsi –ehi…- le dissi attirando il suo sguardo –non è che ti ha…-.

Dal tono della mia voce e dai miei pugni serrati capì che intendessi –no no, tranquillo… avrebbe voluto ma l’ho capito in tempo e l’ho mandato a quel paese…-

Io annuii, facendo una smorfia e rimasi in silenzio per qualche momento. Girai la testa a guardarla mentre finiva di sciacquare i piatti e li metteva a scolare. Si sfilò i guanti di gomma e si appoggiò a braccia conserte contro il piano della cucina, pensierosa, lo sguardo basso. Alzò per un istante gli occhi su di me lanciandomi un sorrisetto triste, per poi abbassare nuovamente lo sguardo.

Sorrisi tristemente anche io, compatendo il suo stato d’animo, e le dissi –ehi… no, non posso vederti così triste. Sei troppo bella per avere quell’espressione imbronciata-.

Greta alzò lo sguardo su di me, sorridendo lievemente al complimento

–senti che facciamo- continuai –al diavolo la tristissima pasta col sugo a casa. Ora vai in camera, ti vesti e andiamo fuori a cena. Poi andiamo all’Howl e ci prendiamo una di quelle sbronze che domattina non ti ricordi neanche più chi è Damien, ok? E soprattutto usciamo e ci divertiamo, che ne hai bisogno-.

Lei sorrise, ma scosse la testa –non lo so, Fra… è che mi sento anche un po’ stanca e non ho molta voglia di andare a divertirmi…-

-balle… non sei stanca, sei triste e non ne vale la pena, non per quell’essere mitologico di Damien-

Lei rise –perché mitologico?-

-perché ha il corpo di uomo e la testa di cazzo!-.

Greta scoppiò a ridere di gusto, segno del fatto che ne avesse un gran bisogno.

Risi anche io con lei –visto? Hai riso! Ti ho divertita e non è stato male no? E se esci con me stasera ti divertirai ancora di più, vedrai. Sicuramente più che a startene qui a casa da sola, sul divano, con la coperta di lana, a guardare Titanic, mangiando cioccolata… e non provare a dirmi il contrario che so benissimo che era quello che volevi fare!- aggiunsi quando lei tentò di ribattere.

Lei rimase a ferma a pensare, ancora con le braccia conserte, ma con un sorrisetto che si ingrandiva sempre di più sul viso.
Alzò gli occhi su di me, che ancora la guardavo sorridendo, e annuì –va bene, andiamo… dammi solo il tempo di cambiarmi-.

Io annuii semplicemente, guardandola andare in camera, e dopo un attimo la seguii andando verso la mia.
Dieci minuti dopo ero di nuovo in cucina, con un paio di blue jeans, scarpe Timberland color cuoio e una camicia bianca con le maniche arrotolate lungo gli avambracci, seduto sul divano ad aspettarla. Mi ero appena alzato a guardare la città attraverso la finestra, quando sentii la porta della cucina aprirsi alle mie spalle.
Rimasi a bocca aperta a guardarla, mentre un sorriso affiorava sulle mie labbra.

Alla fine riuscii a dire soltanto –wow…- mentre lei, sorridendo si sistemava una ciocca di capelli
–sto bene?-

-sei bellissima, Greta… davvero-.

Indossava un paio di jeans neri molto aderenti e stretti che le fasciavano perfettamente i fianchi e le gambe, una canotta nera con una scollatura niente male, una giacchetta corta di pelle rossa e rossetto coordinato. Ma ciò che più mi incantava era il suo viso: se già senza trucco la reputavo una bellissima ragazza, completa di tutte quelle imperfezioni che la rendevano ai miei occhi bella, truccata era un angelo. Il mascara e l’eye-liner facevano risaltare quegli occhioni da cerbiatta e il rossetto rendeva ancora più carnose e invitanti le labbra. Il mio unico istinto in quel momento era prenderla e baciarla, fino a consumarmi la bocca.

La vidi arrossire per il mio complimento, giocherellando con una ciocca di capelli, mormorando un piccolo -grazie-.

Scendemmo alla reception del residence e chiesi che ci chiamassero un taxi. La porto a mangiare in un ristorante tipico di Dublino con musica dal vivo e già lì cominciammo entrambi a bere un paio di pinte di Guinness a testa.
Erano ormai le undici quando finalmente entrammo all’Howl at the Moon. Una volta superati i buttafuori all’ingresso venimmo subito investiti dall’ondata di musica pop che risaliva lungo i quattro piani del locale e per le varie piste da ballo. Io e Greta ci guardammo con un sorriso e ci buttammo in quel fiume umano di persone che risalivano le scale fino all’ultimo piano. Ordinai subito due vodka lemon e ne porsi uno a Greta, brindando a quella serata. Avevamo appena finito il bicchiere che incontrammo altri ragazzi della nostra scuola e ci unimmo a loro. La serata proseguì piacevolmente per un po’, anche se rimasi deluso vedendo Greta allontanarsi con due ragazzi al piano di sotto a ballare, ma mi consolai velocemente attaccando bottone con Alexandra, una ragazza russa della mia classe. La abbordai facilmente al bancone offrendole da bere e rimanemmo a parlare un po’, entrambi sempre più brilli, finché lei non mi appoggiò una mano sul petto e mi disse, sussurrandomi all’orecchio, che voleva verificare una vecchia leggenda: “Italians do it better…”
Stavo per risponderle quando qualcosa oltre la sua spalla attirò il mio sguardo: vidi Greta ballare e quello stronzo di Damien dietro di lei che la teneva per i fianchi, i due corpi molto aderenti. Mi dissi “fregatene, è maggiorenne e vaccinata, sono fatti suoi”, ma fregarmene non è da me e sapevo che il giorno dopo mi avrebbe ringraziato. Presi Alexandra per i fianchi e la spinsi con la schiena contro una colonna e la baciai, per poi sussurrarle –I’ll be right back, ok? Just wait here- e mi diressi verso di loro.
Mi infilai fra la folla e attirai l’attenzione di Greta. La presi per mano e dissi a Damien –sorry man, I have to steal her from you- e prima che potesse ribattere la portai via.
–Che diavolo stavi facendo?- le chiesi non appena ci fossimo allontanati abbastanza –stavo solo ballando…-
-e con tutta la gente che c’è qua dentro proprio con quel cretino dovevi ballare?-
-beh tu eri occupato!-
-e questo che centra?-
-niente, lascia perdere…- e mi diede le spalle rinfilandosi fra la folla.
La guardai allontanarsi facendosi largo fra le persone e attirando gli sguardi di diversi ragazzi. Scossi la testa esitante, rimanendo immobile lì dov’ero. Alla fine presi un bel respiro e mormorai fra me e me “ah senti al diavolo… io mi butto”. La seguii fra la folla, raggiungendola velocemente. Le afferrai una mano e la tirai verso di me, i nostri corpi a contatto mentre la tenevo ferma per i fianchi con le mani. Lei alzò lo sguardo verso di me sorpresa e con un sorriso d’incredulità disegnato in volto. Per un lungo istante ci guardammo negli occhi, i miei verdi fissi nei suoi color nocciola. Per un istante il mondo intorno a noi sembrò fermarsi, cessare d’esistere.
E poi la baciai.
Il mondo ricominciò a girare e la musica sembrò tornare in un crescendo fortissimo mentre la baciavo con forza. Le nostre labbra si fusero insieme mentre la spingevo con la schiena contro una colonna e aderii completamente al suo corpo. Le spostai una ciocca di capelli dietro l’orecchio mentre assaporavo quelle labbra meravigliose. Le spinsi la lingua in bocca andando a cercare la sua, mentre le mie mani correvano sul suo corpo meraviglioso e tonico. Scesi, con le labbra, a baciarle il collo sentendo il gusto della sua pelle vellutata. Continuai a baciarla facendole quasi un succhiotto sul collo, per poi risalire verso l’alto. Greta socchiuse gli occhi e la sentii sospirare vicino al mio orecchio, lasciandomi campo libero con le mani che dai suoi fianchi scesero ad afferrare quel culetto perfetto, stringendolo e palpandolo tutto senza remore. Abbandonai il suo collo e tornai a baciarla, le nostre lingue che si intrecciavano ricalcando la voglia che avevamo l’uno per l’altra. A fatica mi staccai dalle sue labbra e lei aprì gli occhi mordendosi il labbro inferiore. La guardai con un sorriso e sussurrai –torniamo a casa?-.
Lei si limitò ad annuire, ancora troppo emozionata per parlare, e io la presi per mano e la condussi fuori dal locale. Ci infilammo in un taxi trovato lì fuori in attesa di gente che, come noi, era troppo ubriaca per tornare a casa a piedi. Fu il quarto d’ora più lungo della mia vita. Avevo una voglia matta di saltarle addosso e baciarla ma ovviamente non potevo fare niente col tassista a pochi centimetri da noi. Inoltre, temevo che in quel tragitto lei potesse decidere di lasciar perdere, che potesse avere dei ripensamenti. Da come mi stringeva la mano, tuttavia, capii che era un timore del tutto infondato. Arrivammo al nostro residence e pagai in fretta l’autista, lasciandogli il resto di mancia, per poi fiondarci verso il cancelletto d’ingresso. Superammo le porte con le chiavi magnetiche e feci aprire le porte dell’ascensore. Non resistetti oltre.
Appena entrati la spinsi con la schiena contro lo specchio opposto alle porte dell’ascensore, il sedere appoggiato a un piccolo mancorrente sotto lo specchio. Senza neanche guardare premetti il pulsante del nostro piano. La afferrai per il collo e tornai a baciarla con passione. Lei accolse con gioia quel bacio, cingendomi il collo con le braccia mentre le mie mani tornavano a esplorare il suo corpo. Andai a palparle un seno da sopra la canotta mentre con l’altra mano le afferrai una coscia molto vicino al çulo. La spinsi ancora di più contro la parete, facendola quasi sedere sul mancorrente, e sempre tenendola per la coscia le aprii una gamba insinuandomi in quell’apertura. Con un colpo di reni aderii completamente al suo corpo, facendole sentire bene la mia erezione, costretta nei jeans, contro il suo inguine. Le afferrai anche l’altra coscia e, un po’ tenendola io con le mani, un po’ facendola appoggiare al mancorrente, rimase a gambe spalancate mentre si teneva al mio collo. Cominciai ad assestarle una serie di colpi secchi, mimando la sçopata mentre continuavo a baciarla con passione ricambiata. Sentivo la sua lingua nella mia bocca e le sue labbra sulle mie. Mi morse il labbro inferiore tirandolo verso di sé per poi tornare a baciarmi. Mi spostai con le labbra al suo collo, baciando e leccando ogni centimetro della sua pelle leggermente sudata e assaporando il suo sapore, mentre sentivo le sue dita fra i miei capelli e lei che ansimava e gemeva ad ogni colpo che le davo –Dio Fra…-
Solo in quel momento mi accorsi che l’ascensore era arrivato da un pezzo e piano piano la lasciai scivolare a terra. Entrambi ansimanti, la guardai con i capelli scarmigliati, il rossetto sbavato e i pantaloni slacciati da me e sorrisi quando la vidi abbassare lo sguardo sul mio pacco costretto nei jeans e rimanere un istante meravigliata. Mi prese per mano e mi trascinò fuori dall’ascensore. Si fermò di fronte alla porta cercando le chiavi nella borsa, compito reso ancor meno facile da me, che la afferrai per i fianchi da dietro e le infilai una mano dentro i pantaloni. La vidi inarcare la schiena e buttare la testa indietro contro il mio petto, gli occhi socchiusi mentre le mie dita si infilavano sotto il tessuto leggerissimo del tanga andando a sfiorarle le grandi labbra con indice e anulare mentre il medio si infilava fra di esse, ma solo la prima falange, giusto per darle un assaggio.

–Dio come sei bagnata, Greta…- le sussurrai a un orecchio. –Trova in fretta quelle chiavi…-

-sarebbe…- disse lei ansimando -più semplice… se… AHHH- un gemito proruppe dalle sue labbra mentre le mie dita l’accarezzavano in quella fornace di piacere che era diventata la sua passerina, il mio dito medio che le accarezzava circolarmente il clitoride e premendolo leggermente.
Ondate di piacere la scuotevano mentre lei scaravoltava il contenuto della sua borsa.

–Le ho trovate! Le… ho…- ansimò mentre le infilava nella serratura.

La lasciai andare e ci dirigemmo subito verso camera sua. La stanza era al buio solo lievemente illuminata dalla luce dei lampioni fuori. Non feci in tempo a chiudermi la porta alle spalle che lei mi afferrò per il colletto della camicia e mi spinse contro il letto facendomi sedere per poi saltarmi addosso e infilarmi di nuovo la lingua in bocca. Con lei a cavalcioni su di me cominciammo a spogliarci di corsa: io le tolsi di corsa quella giacchetta rossa mentre sentivo le sue dita slacciarmi i bottoni della camicia e poi praticamente strapparmela di dosso, facendomi rimanere a torso nudo. Infilai le mani sotto il tessuto della canottiera nera, che contrastava con la sua pelle chiarissima, risalendo lungo i fianchi. Avevo avuto il sospetto prima e ora ne avevo la conferma, non trovando alcun reggiseno a fermare l’avanzata delle mie dita, le mie mani si strinsero intorno a quei seni perfetti mentre i pollici andarono ad accarezzare i capezzoli già turgidi. La sentii sospirare mentre mi teneva il viso fra le mani e continuava a baciarmi con forza. Le mie mani scesero lungo i suoi fianchi ad afferrarle quel culetto perfetto. Lei raddrizzò la schiena portandosi più in alto di me, facendomi piegare il collo all’indietro per continuare a baciarla. Cominciò a muoversi su di me strusciando il proprio pube contro la mia erezione costretta nei pantaloni, sospirando ancora di più quando iniziai a muovermi anche io e a spingere il mio ventre contro il suo.
Sentii il mio cazzo ingrossarsi allo spasimo e sussurrai –ti voglio Greta… ti voglio…- mentre le infilavo di nuovo le mani dentro il tanga. Il suo gemito fu soffocato dalla mia bocca e sentii le sue dita armeggiare con la mia cintura, slacciarla per poi sbottonarmi i pantaloni. Sentii le sue dita fresche infilarsi dentro i miei boxer e afferrarmi il cazzo bollente. Lo estrasse, i jeans aperti sulle cosce, i boxer appena calati, quanto bastava per farlo uscire. Le afferrai il bordo dei pantaloni e tirai verso il basso scoprendole completamente il sedere. Senza smettere di baciarmi continuò a strusciarsi su di me, la sua passerina separata dal mio cazzo solo dal velo del tanga. Sentii le sue dita sfiorarmi il glande e stimolarmi il prepuzio, mentre lo sentiva diventare sempre più grosso e duro contro il proprio corpo. Per un istante si allontanò dalle mie labbra e, con uno sguardo di meraviglia, osservava quel palo di carne appoggiato al proprio ventre e che le arrivava oltre l’ombelico.

– ce l’hai?- mi chiese tornando a baciarmi.

Senza neanche risponderle, con qualche difficoltà, presi il portafogli dalla tasca posteriore dei jeans e le passai un preservativo MySize da 64 mm. Lo scartò in fretta e me lo srotolò sul cazzo. Afferrai il tanga da dietro e lo spostai di lato. Greta si mise dritta sulle ginocchia e si appoggiò la cappella alle grandi labbra e, piano piano, si lasciò andare.
Io rimasi seduto, dritto con la schiena, mentre lei appoggiò le mani sulle mie spalle. Mi guardava negli occhi, la bocca leggermente aperta, facendosi penetrare lentamente, godendo di ogni centimetro che conquistava. Socchiusi leggermente gli occhi, sentendo il cazzo avvolto da quella passerina stretta stretta. La penetrai fino in fondo e lei rimase immobile un istante, godendo del sentirsi piena di me. Con il cuore che batteva per l’eccitazione, la afferrai saldamente per il culo e cominciai a muovermi dentro di lei. Cominciò ad ansimare e buttò indietro la testa, gli occhi chiusi, i lunghi capelli ricci che le accarezzavano il sedere. La abbrancai con le braccia stringendola a me e divorandole la pelle di baci. La sentii gemere di dolore e piacere insieme dopo averle lasciare un succhiotto sul collo. Abbassai le spalline della canotta e la lasciai scivolare lungo i suoi fianchi andando immediatamente a succhiare e leccare i suoi capezzoli turgidi. Tornai a baciarle il collo mentre lei mi cingeva il collo con le braccia stringendomi a sé. Continuai a baciarle il collo, la spalla, assaporando il sapore della sua pelle leggermente sudata, mentre continuavo ad assestare colpi dentro di lei. Greta ansimava e gemeva vicino al mio orecchio, baciandomi il collo e tenendosi saldamente a esso, le dita che si infilavano fra i miei capelli e stringendoli. Abbandonai la sua spalla e tornai a guardarla, in estasi, mentre entrambi sentivamo l’orgasmo crescere. Con gli occhi socchiusi e il viso stravolto dal piacere, sorrise al mio sguardo e tornò a baciarmi. La afferrai per i fianchi e mi buttai all’indietro, sdraiandomi e trascinandola giù con me. Emise un gemito, ormai prossima all’orgasmo. Si appoggiò al mio petto inarcando la schiena, le mie mani sulle sue cosce nude, la pelle leggermente imperlata di sudore, e cominciò a cavalcarmi, le sue chiappe che continuavano a sbattere contro le mie cosce ancora coperte dai jeans. Eravamo entrambi al limite. Aumentai il ritmo e lei mi seguì cavalcandomi più forte e con maggior vigore

–Dio Fra… si dai… Dai, dai, dai… ahhh sìì…-

Non resistetti più e le assestai cinque o sei colpi secchi, profondi e molto veloci per poi venire, seguito un attimo dopo da lei con un gemito che pervase la stanza. Rimase quasi immobile, il suo corpo scosso solo dai piccoli colpi che le davo mentre sborravo copiosamente nel preservativo.
Greta si accasciò sul mio petto, ansimante e sudata come me, il mio cazzo ancora immerso dentro di lei che andava piano piano a perdere di rigidità. Sollevò la testa dal mio petto e si protese a baciarmi, dolcemente, accarezzandomi le labbra con le sue lentamente. Le presi il viso fra le mani, ricambiando il bacio. Rotolammo sul fianco con una risata mentre io la abbracciavo per i fianchi, e rimasi un istante a guardarla. Mi intenerii guardandola, ansimante, il suo viso da ragazzina stravolto, le guance rosse, ma gli occhi ridenti e un sorriso che valeva tutto l’oro del mondo. Mi chinai a baciarla di nuovo, mentre le mie dita accarezzavano il suo corpo. Percorsi la linea dei suoi fianchi, scendendo sempre più. Le sfiorai leggermente il monte di Venere per poi accarezzarle le labbra della sua passerina bagnata. Ebbe un fremito mentre mi baciava mentre con un dito andai stimolarle il clitoride, reso ancora più sensibile dall’orgasmo appena avuto. Allontanò le sue labbra dalle mie e mi guardò sorridendo –ancora?- mi chiese fra lo stupito e l’eccitato.
Sorrisi a mia volta e sussurrai –ho appena cominciato…- e scivolai lungo le sue gambe e inginocchiandomi fra di esse.
Inarcò la schiena, mentre mi infilava una mano fra i capelli, e chiuse gli occhi.

-Dio Frahh…-

Continua….

Autore del racconto:
Frank721

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (17 voti, media: 3,82 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: