La signora tedesca

Mi presento mi chiamo Alessio e sono un ragazzo di 19anni e come tutti i ragazzi della mia età ho i miei sogni su cosa farò da grande il mio sogno è quello di entrare nel mondo del calcio come allenatore o direttore sportivo,ma come dicevo è solo un sogno,quindi appena finita la scuola mio padre mi trovò un lavoretto estivo come giardiniere e tutto fare di una villa che stava in collina sopra il mio paese,una villa di proprietà di un suo vecchio caro amico di infanzia che si era trasferito in germania e che aveva fatto fortune con vari negozi di vino che aveva aperto…lui si chiamava rolando e aveva 65 anni e si era sposato con una tedesca di 53 anni e avevano un figlio della mia età…io sistemai la villa per bene,controllai la piscina e tutto il resto…il signor rolando arrivo il lunedi seguente era solo,mi fece subito una buona impressione,modi gentili ed educati…lavorai per tutta la settimana e ogni tanto prima che tornavo a casa ci si fermava a fare due chiacchiere sul calcio e in generale…poi mi disse che l’indomani sarebbe ripartito per la germania per andare a prendere sua moglie e il figlio…e che gli faceva piacere se qualche volta portavo suo figlio nella comitiva dei miei amici…io dissi che non ci sarebbe stato problema anzi….il lunedi seguente mentre stavo sistemando le sdraglie intorno alla piscina sentii il rumore del bolide del signor rolando….io ero senza la maglietta faceva un caldo boia…scese suo figlio un ragazzetto piccoletto con occhiali tipo fondo di bottiglia e capelli stile anni 60 con il riportino,pensai non immagino come potrebbe essere sua madre con un figlio cosi brutto,quando scese dalla parte del passeggiero una donna alta circa 1e80 capelli biondi lunghi fino alle spalle una 3 di seno abbondante che veniva messo in risalto dal vestitino che indossava e pelle curatissima abbronzata(se volete immaginarla simile alla pornostar alexis golden)e un sedere bello sodo di quelli che quando lo vedi per strada ti viene voglia di toccare…occhi azzurri…io rimango senza parole a fissarla e vedo che il suo sguardo è su di me ….mentre ci stiamo lanciando sguardi sento suo marito rolando che fa :alessio ti presento mia moglie elga e mio figlio thomas…io mi presento …piacere alessio quando sto per dare la mano ad elga lei si avvicinava a me e mi saluta dandomi due baci sulla guancia…aveva un profumo magnifico…le giornate seguenti passano velocemente ogni tanto lei la vedo prendere il sole con dei costumi striminziti mettendo in evidenza le sue meravigliose forme….io e suo figlio diventiamo sempre più amici lo porto con me con la mia comitiva ….mettendolo sempre piu a suo agio,rolando mi chiese se volevo rimanere a cena con loro per ringraziarmi,e che era felicissimo che suo figlio aveva trovato un amico dato che in germania non ne aveva molti di amici….io accettai molto volentieri l’invito mentre si cenava elga iniziò ad aprirsi con me,parlavamo del più del meno aveva un italiano non perfetto ma ci si capiva o meglio io più di ascoltarla la guardavo me la mangiavo li con gli occhi…la serata passò piacevolmente tra una chiacchiera e l’altra….quando stavo per andare rolando mi disse che il giorno dopo loro andavano una giornata a roma al consolato tedesco per dei documenti…e che quindi se mi volevo prendere la giornata libera potevo….io salutai e li ringraziai per la cena e per la serata…prima di andare lanciai un ultimo sguardo verso elga,lei quasi arrossi…mentre tornavo a casa pensai se avevo sbagliato a guardarla…in fondo quel lavoro mi piaceva e il signor rolando con me era gentilissimo…vabbe ora mai era andata…il giorno seguente mentre mi riposavo e imprecavo per il gran caldo mi arrivò un messaggio sul cel…andai a vedere chi era:il numero di thomas con scritto ciao ale vieni su in piscina da me…e io risposi ma non sei a roma con i tuoi?mi arrivo la risposta no…..presi la mia panda scassata e andai,in fondo mi andava un bel bagno in piscina con quella calura…appena arrivai mi si apri il cancellone…e mi apparve lei elga…era in pareo e costume azzurro turchino io con faccia stupita dissi :salve signor elga thomas mi ha mandato un messaggio ze venivo in piscina…pensavo che eravate a roma…lei con sorriso loro sono a roma,e il messaggio te lo inviato io con il cellulare di tommy…scusami se ti ho disturbatoma ma qua non conosco nessuno e l’unico sei te…se vuoi può andare ti capisco che non hai voglia a fare compagnia ad una vecchietta come te…io senza dire nulla sorrisi e chiusi la porta..il gioco era iniziato dopo i mie sguardi ora era lei che aveva preso iniziativa…andammo in piscina e la giornata passò piacevole gli misi la crema sulla schiena mentre con gli occhi gli divoravo quelle belle chiappone…lei faceva di tutto per provocarmi quando la mia erezione inizio a farsi vedere il mio cazzo era in tiro e lei esclamò appero!!!e sorrise questa volta era il mio viso ad arrossire…e lei si alzo sculettandomi davanti andò in piscina anche io mi tuffai come due ragazzini giocavamo nell acqua le mie mani sfioravano il suo corpo facendo finta di perdere l’equilibrio e lei uguale si strusciava sul mio cazzo sempre piu duro e difficile da contenere nel costumino…ci abbracciamo im acqua prima un bacio nella guancia poi infine presi l’iniziativa e infilai la mia lingua nella sua bocca le nostre lingue sembravano impazzite si muovevano ad un ritmo forzennato e le mani idem …la sua mano fini dentro il mio costume ed esclamò da quanto tempo che non sento un cazzo così…mentre stavamo uscendo dalla piscina per andare nella sua camera da letto gli squillò il telefonino lei memtre mi teneva per il cazzo rispose era suo marito….gli comunicò che erano ad dieci minuti da casa e se gli bisognava qualcosa di alimentare lei disse si per perdere tempo …appena attaccò mi disse scusami alessio nn dovevo…oddio sta arrivando mio marito con tommy…io gli dissi tranquilla e mi rivestii di corsa con Lei che mi diceva sbrigati dai non farti trovare qua…io la baciai di nuovo in bocca lei inizialmente quasi oppose resistenza..poi si lascio andare …io mi abbassai e gli tolsi il tanga e me lo arrotolai sul polso….lei mi guardò e sorrise….mi disse dai sbrigati che stanno arrivando…..aspettai nascosto con la macchina che passarono loro e poi me ne tornai a casa…dopo un oretta mi arrivò un bip sul cel era un nunero strano aprii ed un messaggio con scritto :grazie oggi mi hai fatto capire che sono ancora viva elga…io risposi non c’è di che MIA….l’estate è lunga e siamo solo all’inizio….continua……

Autore:
tonymax

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (4 voti, media: 1,50 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • La suoceraLa suocera Ero fidanzato da cinque anni e mancavano tre giorni al mio matrimonio. Ci eravamo […]
  • Il gigante e la bambinaIl gigante e la bambina Mio padre mi aveva detto di essere gentile, educata e premurosa con il suo migliore […]
  • La matrigna (parte1)La matrigna (parte1) Avevo sedici anni quando successe per la prima volta. Mio padre si era risposato […]
  • Libidine in montagnaLibidine in montagna Quella slogatura non sembrava volerle proprio passare. Aveva risparmiato per mesi […]