Io e mia figlia Nicole

[Racconto erotico inviato da un lettore. Se vuoi inviarci anche tu un tuo eccitante scritto contattaci o registrati per scrivere direttamente dalla piattaforma]

 

Sono il padre di Nicole, una ragazza di 22 anni, essendo nata il 17 aprile 1994; mia moglie, purtroppo, è morta dandola alla luce.
Abitiamo in una villa composta da bagno, cucina, due camere da letto, studio, sala ed esternamente una piscina circondata da un parco e alberi su tutto il perimetro dell'abitazione.
Ora vi racconto quello che successe quando aveva 19 anni.
La prima volta che successe qualcosa tra di noi fu il 2 aprile; la Nicole era appena tornata a casa dall'università e stava mangiando, io intanto me ne stavo seduto sul divano e di nascosto mi facevo una sega guardandola, sembrava una dea. Dopo che ebbe mangiato ed io ebbi lavato i piatti, andò nella sua cameretta a studiare con la porta chiusa ed io la spiai dal buco della serratura, mentre mi facevo un'altra sega. Poco dopo, fortunatamente che non mi vide, uscì dalla cameretta e si recò in bagno per pisciare e poi ritornò di nuovo in cameretta, dove uscì di nuovo mezz'ora dopo, a compiti finiti. La Nicole si mise seduta a gambe incrociate sul divano, io di fianco a lei ed insieme guardammo la tv, ma poi successe qualcosa che non mi sarei mai aspettato da mia figlia.
Si distese con le gambe su di me e poco dopo uno dei suoi piedini finì sul mio cazzo, allorché le dissi:
"Nicole, sposta subito il piede da lì!".
E lei:
"Dai papà, volevo solo sentire il tuo cazzo".
"Non sono cose che si possono fare tra padre e figlia", le dissi.
"Dai, l'ho già fatto con il mio ragazzo e volevo provare ancora con te, no?".
"Va bene, Nicole, basta che non lo dici in giro quello che succede tra me e te, neanche ai tuoi amici".
E fu in quel momento che la Nicole abbassò la cerniera dei miei pantaloni e tirò fuori il cazzo e prese a farmi una sega e vide come diventava grosso, poi se lo mise in bocca e le sborrai in gola.
Stendemmo un lenzuolo bianco e poi presi la Nicole, la buttai sul divano e presi a spogliarla: le tolsi il maglione azzurro, la maglietta bianca, i jeans a vita bassa, i calzini neri, il reggiseno nero, le mutandine nere e finalmente, lo sognavo da una vita, la vidi nuda.
Le presi il seno tra le mani e cominciai a leccarla e sentivo che le sue tette piano piano si inturgidivano, poi scesi giù, sempre leccandola, verso l'ombelico e poi le misi una mano sulla figa e sentii che iniziava a bagnarsi. A quel punto, la Nicole mi disse:
"Papà, mettimi dentro il tuo cazzo e fammi godere".
Allora mi infilai il preservativo, perché non volevo che mia figlia restasse incinta per colpa mia, e le misi il cazzo nella vagina, dopo averle allargato le gambe, e piano piano riuscii a metterlo dentro tutto e spinsi spinsi, con le gambe della Nicole che mi circondavano. Sentii la Nicole che seguiva il mio ritmo e ansimava, il che voleva dire che stava godendo, poi io sborrai e poco dopo anche gli umori di mia figlia si fecero vedere sul lenzuolo.
Dopo aver fatto l'amore per la prima volta con mia figlia, facemmo la doccia insieme e poi mi disse:
"Papà, grazie di quello che hai fatto oggi per me (mi baciò). Io adesso vado nella mia stanza a studiare per domani, chiamami quando è pronto per la cena".
Mi rivestii e siccome era ancora un po' presto per la cena, mi misi davanti alla tv a guardare un film, anche se ripensavo a quello che era successo quel pomeriggio.
Dopo un'oretta circa, mi misi ai fornelli e preparai la cena: cotoletta con spinaci e macedonia.
Bussai alla porta della camera di mia figlia e le dissi che era pronto, dopo due minuti mi si presentò davanti in reggiseno verde, mutandine verdi e a piedi scalzi (senza ciabatte o pantofole) e io le dissi:
"Ti sembra il modo di presentarti davanti a tuo padre, vai a vestirti".
"Ma papà, ho caldo e poi mi hai appena vista nuda oggi, che male c'è".
Lasciai perdere la discussione e mangiammo, uno di fronte all'altra.
Finita la cena, ci mettemmo sul divano a guardare il suo telefilm preferito e non proferimmo parola; avevo il cazzo in fiamme vedendo di fianco a me mia figlia in intimo, ma non volevo stancarla troppo e così desistetti e rimandai al giorno dopo, se ne avesse avuto voglia, e ne aveva di voglia il giorno dopo.
Alle 21,30 mia figlia mi diede la buonanotte e si diresse nella sua camera.
Io restai in piedi a guardare un po' di tv ed andai a letto verso le 23,00 ed andai a vedere se mia figlia dormiva.
Andai nella sua stanza e vidi che stava dormendo, le coperte erano per metà giù dal letto e aggiustandogliele, m'accorsi che mia figlia stava dormendo nuda, il reggiseno verde e le mutandine verdi erano appoggiati sulla sedia.
E QUA FINISCE IL PRIMO GIORNO, VEDRETE COSA SUCCEDERA' IL SECONDO GIORNO...

Autore:
The Body

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (43 voti, media: 3,05 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • Il gigante e la bambinaIl gigante e la bambina Mio padre mi aveva detto di essere gentile, educata e premurosa con il suo migliore […]
  • La cugina in vacanza.La cugina in vacanza. Quando rientrai in casa, avevo ancora nelle orecchie il suono delle casse che […]
  • Presa da mio padrePresa da mio padre Quanti rimorsi e crisi di coscienza ho dovuto superare, prima di confessare tutto alla […]
  • AntonellaAntonella Antonella è mia cognata ossia e una delle quattro sorelle di mia moglie, e più piccola […]