Esperimento scolastico

 

A scuola, facevamo spesso degli esperimenti, non solo di chimica o botanica, ma alcuni esperimenti, li dovevamo fare tra di noi, in quanto erano esperimenti di natura umana, come la reazione, l’illusione ottica e via dicendo. Un giorno, io e le mie amiche, avevamo deciso di divertirci un po’, facendo un’esperimento sulla concentrazione dell’uomo, se sottoposto a distrazioni di natura erotica. In pratica volevamo prendere un nostro compagno di classe e vedere quanto sarebbe durato, prima di sborrare.

Ci eravamo date appuntamento a casa mia, mentre i miei genitori erano a lavorare e mio fratello aveva gli allenamenti di calcio. All’esperimento avrebbero partecipato Melissa, la ragazza piu’ provocante della classe, quella a cui piaceva farsi i ditalini, durante la lezione di matematica, immaginando il professore che la sbatteva sulla cattedra, sotto gli occhi di tutti, Giovanna, divenuta famosa dopo essere stata beccata in bagno a masturbare 2 ragazzi piu’ grandi di lei e poi ci stavo io, quella che durante la lezione di musica, suonava il duro “flauto” di un compagno di banco. La cavia scelta, era Luca, il ragazzo, che a detta di Melissa, aveva il rigonfiamento piu’ grande, mentre lei stuzzicava tutta la classe, con le dita tra le gambe. Era tutto pronto, telecamera, lubrificante, fazzoletti e corde, che aveva portato Giovanna. Arrivo’ anche Luca, ignaro di come sarebbe stato condotto l’esperimento. Ci eravamo sistemati in salotto, dove avevamo piu’ spazio a disposizione, rispetto alla mia cameretta. Luca era seduto e Melissa lo stava incominciando a legare sulla sedia, bloccando le gambe, le braccia e il busto.

Mentre Luca veniva legato, Giovanna e io ci stavamo spogliando, guardando Luca con sguardi maliziosi e provocanti. Subito Luca divenne duro ed eccitato e Melissa, comincio’ a calargi i pantaloni, mentre lui cercava di bloccare l’operazione, dimenandosi, senza troppa convinzione. Poi Giovanna ed io, spogliammo Melissia, mentre lei guardava Luca, mordendosi le labbra come una puttanella vogliosa. Luca era legato alla sedia, con il cazzo dritto e duro, pronto per l’esperimento. Anche noi eravamo pronte, “Ora Luca, vediamo quanto riesci a resistere, prima di sborrarci addosso…noi ti stuzzicheremo il piu’ possibile e tu dovrai cercare di resistere”, dissi io, mentre Giovanna e Melissa, si massaggiavano le tette con dell’olio essenziale. Luca annuiva, con il cenno del capo, mentre osservava la sensuale danza delle ragazze. Allungai la mano e cominciai a mastrurbarlo, mentre Melissa strusciava le sue tette su di lui e Giovanna si era messa a terra, con le gambe allargate e si masturbava guardando Luca.

Sentivo il suo cazzo duro e caldo scivolare nella mia mano, mentre Giovanna gemeva, con le sue dita che entravano e euscivano dalla sua umida figa. Melissa si era inginocchiata tra le sue gambe, avvicinando la sua bocca al cazzo che masturbavo e poso’ le sue labbra sulla sua cappella. Giovanna urlava di piacere, con gli occhi fissi su Luca e mezza mano che le violentava la figa. Io mi ero inginocchiata accanto a Melissa e le nostre ligue, si muovevano sul duro cazzo di Luca, che sembrava pronto a cedere. Ora Melissa gli succhiava la cappella, mentre la mia lingua saliva e scendeva sulla grossa venatura sul tronco del suo cazzo caldo. Eravamo 3 troie vogliose di far sborrare un cazzo legato ad una sedia. Poi Melissa comincio’ a fargli un vero e proprio pompino, con le labbra che salivano e scendevano sul quel cazzo duro, mentre io, leccavo a pecorina, la sgocciolante figa di Giovanna, mostrando a Luca, il buco del mio culo. Il suo respiro era sempre piu’ pesante e i suoi muscoli sempre piu’ tesi e Melissa, rilascio’ il suo cazzo. Eravamo li, tutte e 3 ad osservare quel cazzo che faceva dei scatti secchi, schizzando sborra, che era arrivata sulla faccia di Melissa e sulla gamba di Luca. Gli avevamo rovinato l’orgasmo. Mentre gli schizza stavano per cessare, Giovanna impugno’ quel cazzo e comincio’ a masturbarlo come una furia, facendo urlare Luca, tra le nostre risate. La sua cappella era molto sensibile appena sborrata e Giovanna la strizzava e masturbava con energia, facendo dimenare Luca sulla sedia.

Riguardammo il video, riscrivendo i risultati, pronte per un secondo test.

 

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (31 voti, media: 3,03 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti:

  • La nuova casa (6)La nuova casa (6) Legata al letto, ormai ero completamente nelle sue mani. Solo allora mi resi conto […]
  • La dominatrice sexyLa dominatrice sexy Finalmente avevo trovato il coraggio di entrare in quel posto. Diego e Alfredo mi […]
  • Giochi Violenti ( Parte II )Giochi Violenti ( Parte II ) Ero stata rapita da un vecchio contadino porco, legata sopra uno sporco divano e stava […]
  • Schiava del piacereSchiava del piacere Stamattina dopo una bella doccia andai a lavoro, la tentazione di compiacere le mie […]