Erica… tutto cominciò così

[Racconto erotico inviato da un lettore. Ti piace scrivere racconti eccitanti ? Mandaci il tuo!]

 


Erica è mia amica dai tempi del liceo, capelli rossi sulle spalle, lentiggini sul viso pelle bianca, occhi verdi 1,70 di altezza e una quarta di seno. A differenza mia lei è stata sempre disinibita mentre io timido e introverso. L'ho sempre desiderata ma non ho mai avuto il coraggio di farmi avanti. Per lei invece ero il vero amico al quale raccontare tutto. L'evento che ha cambiato la nostra amicizia per sempre risale all'ultimo anno di scuola avevamo appena compiuto 18 anni, un giorno come tanti, durante l'ora di ginnastica. Eravamo un gruppetto di ragazzi e ragazze sulla tribuna del campo di pallavolo, Erica aveva appena finito di giocare, era sdraiata sui gradini con la testa sulle gambe di Andrea un nostro compagno il quale gli passa il cellulare e gli dice:
"È quello di matematica fallo arrapare" lei sorride maliziosa, prende il telefono e inizia ad ansimare e a contorcersi, i suoi sodi seni uscivano prepotentemente dalla giubba della tuta mezza aperta, i fari del campo risaltavano le goccioline di sudore sul petto candido, con le dita della mano sinistra smaltate di rosso, giocava con l'elastico dei pantaloni della tuta che lasciava intravedere il candore delle mutandine bianche. Il gruppetto era rapito dalla scenetta, a differenza mia che venni colto da un sentimento strano e fastidioso... in quel momento dalla filodiffusione della palestra la radio passava "tango della gelosia" di Vasco.
Tornai in classe prima di tutti a fare i conti con quella sensazione, evitai Erica per tutta la settimana, tagliavo ogni discorso o tentativo da parte sua di stare assieme.
Il sabato pomeriggio ero solo in casa, i miei erano via per il weekend, verso le 16.00 suonano alla porta:"Chi è?" "Sono io".
Apro la porta e Erica come al solito entra in casa e se ne va in salotto, io la seguo e una volta entrati nella stanza:"Adesso mi dici che hai? Sono diversi giorni che mi eviti" io cerco di defilarmi con un " ma niente"
Lei era decisa e bellissima come al solito, i capelli erano raccolti con una coda che scendeva sulle spalle, una camicetta bianca che a fatica conteneva le sue tette, e dei Jeggings neri che definivano le sue lunghe gambe e un culetto tondo e perfetto anche la sua figa era ben evidenziata nei pantaloni stretti.
-"niente un cazzo se non me lo dici non vado via! 
-"Ma cosa vuoi? non ho niente"
-"allora sei diventato scemo di botto! 
A quel punto incalzo dicendogli:
-"ma secondo te è un comportamento normale quello che hai avuto in palestra l'altro giorno?" 
Lei sorride maliziosa, cambia registro:
-ho capito, sei geloso, allora un po ti piaccio!
Da quel momento tutto cambia tra noi, lei si avvicina a me la sua bocca rossa si avvicina alla mia, con la lingua mi lecca le labbra, la mia bocca si apre per accogliere la sua lingua, ormai siamo avvinghiati in un bacio lungo e liberatorio per me, erano anni che lo volevo.
Scendo a baciarle il collo bianco, lei fa un passo indietro, si sfila la maglietta e si sgancia il reggiseno... è stupenda, la spingo sul divano, lei si toglie le scarpe e i calzini, io in un'attimo tolgo i pantaloni e la camicia, vado su di lei e inizio a baciarle i seni con la lingua passo da un capezzale all'altro, diventano subito turgidi, scendo sulla pancia, le lecco l'ombelico e afferro i Jeggings e li sfilo via.
Non aveva le mutandine e sorridendo mi dice "ogni tanto esco senza" porta la gamba destra sulla spalliera del divano, offrendomi la sua figa rasata, mi tuffo con la bocca, la lecco avidamente, subito inizia a gemere e contorcersi, la mia bocca dopo poco si riempie dei suoi umori e in un paio di minuti viene con due getti che mi colgono in piena faccia, mi tira i capelli portandomi alla sua bocca, mi lecca, mi pulisce, ci baciamo, mi sorride e dice "alzati ora tocca a te" io obedisco, lei si inginocchia mi prende il cazzo già duro e lo porta alla sua bocca, mentre mi spompina mi guarda, la cosa mi eccita ancora di più, inizio a tenerle la testa e la scopo in bocca. Lei tossisce sorride e dice: "ti sei rivelato un vero porco". La rimetto sul divano a pecora afferro il suo culetto, con 2 dita apro la sua rosellina infuocata e bagnata, entro con il mio cazzo, ara morbida, calda e con colpi precisi inizio a sbattere il mio ventre contro il suo sedere siamo in estasi, mi dice "vienimi dentro riempimi" non resisto e mi libero di tutto, cadiamo esausti sul divano... porta la sua mano alla sua figa fradicia, si lecca le dita "sai di buono" mi dice. Io la bacio, si scosta e mi dice "sai che adesso non ti libererai più di me...ora sei mio ogni volta che vorrò".

Autore:
Pacifico

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (6 voti, media: 3,33 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: