Alternative e l’iniziazione

orgia racconti eros

[Racconto inviatoci da un fan. Ti piace scrivere racconti erotici ? Contattaci!]

 

Cosa sto facendo! E’ tutto così rallentato, vedo lei muoversi, vedo me stesso muovermi verso l’auto, sento il mio respiro, sento il mio cuore come non lo sentivo da tempo.
Lei s’era preparata con cura, come in tutte le serate che mi dedicava sostituendomi ad un marito quasi sempre preso nei suoi viaggi di lavoro, troppo intento a smerciare vini per la gioia di lontani palati ma dimentico delle esigenze di un’avvenente femmina. Ma questa sera non la portavo in uno dei soliti club. La mail era chiara, prometteva un premio alle coppie che avrebbero partecipato all’evento, ed io avevo risposto.
In viaggio verso Milano, in un silenzio d’attesa, i miei pensieri tornano a quando questa giovane e bella donna si è innamora di me gettandosi in una rischiosa relazione e regalandomi il suo destino. Due anni per scoprire con tutta calma sino a dove avrei potuto spingerla senza perderla; i primi incontri nei motel e successivamente in locali per scambisti dove testavo con attenzione le sue reazioni nelle varie situazioni che si creavano.
Sapeva che la mia eccitazione massima prevedeva la partecipazione di un altro maschio e con una certa gradualità la iniziai a questo tipo di rapporti che parvero a lei graditi. Seguirono altri incontri dello stesso genere, tutti finalizzati a ciò che ora stava per accadere, ma di questo ne avevo coscienza piena solo adesso.
L’occasione era giunta anche se mantenevo il timore che fosse ancora presto . Le avevo accennato a qualcosa di diverso per questa serata senza però dargli troppa importanza ne dettagli.
Arrivati, lascio l’auto nel primo posto disponibile; apro la portiera, le offro il braccio che lei accetta per meglio sostenersi e ci avviamo al posto. Per arrivare serve camminare per una cinquantina di metri attraversando viale Monza. E’ ormai autunno, il lungo soprabito lascia intravedere i suoi piedi nudi calzanti dei sandali dal tacco vertiginoso. Non riesco a dire niente, sono preso da un turbinio di emozioni, sento il mondo che mi osserva e mi giudica.
Il locale è di fronte a noi, solo la strada ci divide da quell’antico bordello che ha recentemente ripreso con discrezione la sua originaria attività. Il semaforo indugia sul rosso e seduti ai tavolini del bar alle nostre spalle, alcuni uomini parlottano ridacchiando. So che lei è l’oggetto dei commenti, non può essere diversamente.
Sul citofono digito il codice dato; entriamo, scendiamo le scale; un’altra porta si apre e siamo accolti dall’ambiguo sorriso di un uomo dietro ad un bancone. Sento che non mi è più possibile tornare indietro. Il mio cappotto, il suo soprabito e lei seminuda e bellissima nel suo micro abito più sexy. Siede su di una poltroncina nell’antico atrio, preda degli sguardi lubrici dei maschi presenti, mentre il gestore mi intrattiene con vuote parole di circostanza. So cosa mi sta per chiedere, o almeno credo di saperlo, ed io lo anticipo e sento la mia voce pronunciare “se vuoi provarla prima tu, va bene”. Credo che lei abbia ormai capito cosa stia per accaderle e dove veramente si trovi, ma non mostra emozioni evidenti, si limita a guardare davanti a se attendendo gli eventi.
Il gestore mi sorride compiaciuto, le afferra una mano invitandola a seguirlo. Lei lo affianca ed io dietro a loro. Si sofferma a mostrarle quanto sta accadendo in una delle salette e mentre lei osserva lo svolgersi di un amplesso lui le accarezza senza remore il culo. Ci invita ad entrare nella saletta successiva consistente in un unico grande letto, mentre altri uomini ci seguono incalzanti. Lei mi guarda mentre lui la denuda invitandola ad offrirsi. Ancora incrocio il suo sguardo mentre la penetra senza riguardi.
Lui ha finito, si ritrae evidentemente soddisfatto. Io la guardo e guardo il mio cazzo eretto, esposto. Lei pure mi guarda, ma non mi invita, si rivolge invece con un cenno eloquente al primo maschio accanto e agli altri che attendono bramosi il loro turno. Ne conto dieci, prima che stanca si rifugi nei bagni per togliersi di dosso tutto quello sperma.
Lei ora è al bar e parla col gestore mentre sorseggia un drink. Uno dei clienti che l’ha appena avuta percorre sfacciatamente con la mano la sua coscia sino a palpeggiarle il culo esponendolo alla vista dei presenti come a mostrare un trofeo ed i suoi pregi . Poco dopo viene portata da altri in un’altra sala mentre Io parlo di lei con alcuni che ancora sanno del suo profumo e vogliono informazioni sulle sue future disponibilità.
Dopo quella sera accettò la mia compagnia solo per farsi accompagnare in altri locali e feste dove si richiedevano femmine disposte a farsi scopare da moltitudini di singoli paganti. Mi presentava come suo autista factotum e in quanto tale assistevo alle sue performance in cui raramente mi consentiva di partecipare. Fino a che non rispose più alle mie chiamate e la persi di vista per un certo tempo.
Capitò una sera che cercando su internet un’ escort la riconobbi, anche se nelle foto il volto era celato; ma non poteva non essere lei: dai tatuaggi ai suoi seni con quei fantastici capezzoli, tutto corrispondeva . Seppi così che ora si propone come puttana con il nome di Luna. Sono passati tre anni e ancora la puoi trovare sui molti siti dedicati ed incontrare nei motel in zona Como o in alcuni club a Milano. Di lei scrivono buone recensioni e mi piace pensare di lei come a una mia creazione, anche se probabilmente mi ha usato per realizzare se stessa in ciò che voleva essere. In quanto a me, che posso dire; ho perso un’amante ma non ho rimpianti, so dove trovarla e quanto costa.

 

Autore:

Satiro 81

Vota questo racconto erotico !

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (8 voti, media: 4,00 su 5)
Loading...

Altri racconti erotici interessanti: